SPORT

SBK Australia, in gara 1 Rea torna alla vittoria dopo 181 giorni

Si è corso flag-to-flag, cioè a metà di gara 1 i piloti hanno cambiato moto per passare dalle gomme da bagnato alle slick. È stato Jonathan Rea a leggere meglio la situazione rientrando al box tra i primi, al 10º giro e dopo aver ripreso e superato Smith e andato a vincere in solitaria

SBK Australia, in gara 1 Rea torna alla vittoria dopo 181 giorni

I capricci del meteo hanno condizionato la prima gara del round Australia, 12ª prova del mondiale Superbike partita con il bagnato e arrivata sull’asciutto. Si è corso flag-to-flag, cioè a metà di gara 1 i piloti hanno cambiato moto per passare dalle gomme da bagnato alle slick. È stato Jonathan Rea a leggere meglio la situazione rientrando al box tra i primi, al 10º giro. In testa era rimasto Kyle Smith al quale è stato concesso di partire nonostante nelle qualifiche fosse andato oltre il tempo massimo; il pilota del team Pedercini aveva scelto di restare in pista con le gomme da bagnato, Rea lo ha superato al 15º giro e se n’è andato a vincere solitario. Torna sul primo gradino del podio dopo un’astinenza che durava da 24 gare e 181 giorni.

Toprak secondo

Toprak Razgatlioglu ha concluso alle sue spalle con un ritardo di oltre 6”, e in terza posizione è arrivato Alex Lowes, a sua volta staccato di parecchio e con notevole vantaggio su Andrea Locatelli, decisamente convincente in questo weekend.

Le bizzarrie meteorologiche hanno portato a una gara senza troppi scossoni e senza arrivi in volata. Alvaro Bautista non ha cercato guai e ha puntato al bersaglio grosso che in questa situazione era la conquista dei titoli per Costruttori e per Squadre: lo spagnolo ha diligentemente portato a casa un quinto posto che sarà pure senza infamia e senza lode ma vale alla Ducati i punti che le assicurano matematicamente il terzo e il quarto titolo, dopo i due appena conquistati nelle classifiche Piloti MotoGP e Superbike.

Un bel sesto posto per Garrett Gerloff davanti ad Axel Bassani, settimo, ma il veneto del team Motocorsa aveva la certezza di essere il primo degli ”indipendenti” già dal round precedente. Seguono Xavi Vierge, Loris Baz, Tetsuta Nagashima e quindi il nostro Michael Ruben Rinaldi, 11º. Kyle Smith, che aveva temuto di non correre, chiude la giornata con i 4 punti del 12º posto per la soddisfazione del team Pedercini.

 

Questi i primi sei di Gara 1

 

1. Jonathan Rea (Kawasaki Racing Team WorldSBK)

2. Toprak Razgatlioglu (Pata Yamaha with Brixx WorldSBK) +6.247

3. Alex Lowes (Kawasaki Racing Team WorldSBK) +15.435

4. Andrea Locatelli (Pata Yamaha with Brixx WorldSBK) +18.342

5. Alvaro Bautista (Aruba.it Racing – Ducati) +19.369

6. Garrett Gerloff (GYTR GRT Yamaha WorldSBK Team) +36.235

Giro veloce: Alex Lowes (Kawasaki Racing Team WorldSBK) – 1’31.847

 



NOTIZIE SPORT CORRELATE
  • SuperBike
    19 Novembre 2022

    La pioggia ha reso poco indicative le FP3, l’ultima sessione di prove libere che dovrebbe permettere di verificare le modifiche fatte nella notte, e restano tutte le incognite sulle condizioni che i piloti troveranno in Superpole prima, e poi in gara 1

  • SuperBike
    19 Novembre 2022

    Le qualifiche sono state effettuate sull’ asciutto e a due minuti dalla fine della Superpole lo spagnolo ha dato la zampata girando in 1’29”815, unico a scendere sotto l’1’30”; il resto l’ha fatto Tetsuta Nagashima. Il sostituto di Iker Lecuona  sulla Honda HRC è caduto per la seconda volta nella mattinata provocando l’esposizione delle bandiere gialle

  • SuperBike
    18 Novembre 2022

    Il caposquadra della Kawasaki ha vinto già sei volte sul tracciato di Phillip Island e nelle FP1 è stato il più veloce girando in 1’31”284. Siamo ancora lontani dal record che venne stabilito nel 2020 da Tom Sykyes in 1’29”230, però sappiamo che il sei volte iridato c’è