Salta al contenuto principale

SBK 2024, test Jerez: Bulega al top, Bautista impegnato a lavorare

SBK news - Il primo test 2024 di Superbike si è tenuto a Jerez, dove i piloti hanno potuto confrontarsi tra loro. La sorpresa è stata senza dubbio il debuttante Nicolò Bulega, già a suo agio con la Ducati Panigale ufficiale, mentre il suo compagno di squadra Alvaro Bautista sta facendo i conti con la zavorra

Bulega sorprende, ma non vuole aspettative sul suo conto
Non sono stati test ufficiali, quelli disputati a Jerez, ma erano presenti praticamente tutti i piloti che quest'anno saranno impegnati in Superbike. Al termine dei due giorni il migliore è stato Nicolò Bulega, Campione in carica della Supersport e debuttante nella categoria, che ha dimostrato di aver già trovato buone sensazioni con la sua Ducati. Il romagnolo è stato il protagonista delle due giornate, girando poi con la gomma da qualifica con un incredibile 1’37.809 ovvero il miglior tempo di sempre fatto registrare sul circuito spagnolo da una Superbike.

Bulega ha dichiarato: “Sono contento perché abbiamo fatto un altro passo in avanti, anche rispetto alla giornata di ieri, ed il feeling è cresciuto costantemente. Abbiamo lavorato bene sul tempo sul giro e questo significa che sono riuscito a migliorarmi anche con le gomme da qualifica. Credo che sia stato un test importante e adesso andiamo a Portimao con l’obiettivo di continuare su questa strada". Sul crono da record fatto siglare ha ammesso: "Non cambia niente: rimango un debuttante ed i miei obiettivi sono altri rispetto ai top rider”.  

Bautista prende le misure con il nuovo regolamento
Un lavoro completamente diverso è quello svolto da Alvaro Bautista, che per la prima volta ha potuto provare la moto in configurazione 2024. Con la nuova regola sul bilanciamento del peso lo spagnolo ha dovuto fare i conti con i chili di zavorra aggiuntivi previsti e si è concentrato con il suo team sulla messa a punto. Nei due giorni il due volte iridato ha completato 149 giri, di cui addirittura 81 nella seconda giornata. Il suo miglior tempo è in 1’39.583, ottenuto però senza aver usato la gomma da qualifica.

Bautista ha raccontato: “Sono soddisfatto perché dopo un primo giorno caratterizzato da un po’ di dolore che non mi ha consentito di trovare la sensazione migliore, poi le cose sono migliorate e questo è senza dubbio un buon segnale. Abbiamo lavorato molto sulla messa a punto, soprattutto alla luce del nuovo regolamento ed abbiamo ottenuto indicazioni importanti. Ovviamente non abbiamo mai provato un tempo sul giro che non era la priorità di questi test. Non vedo l’ora di essere a Portimao per continuare su questa strada e per avere un ulteriore feedback sulle mie condizioni”.

Leggi altro su:

Aggiungi un commento