SPORT

Morte Nicky Hayden, rinviato a giudizio l’automobilista

Il maggio scorso Nicky Hayden ha perso la vita in un tragico incidente stradale, ora il sostituto procuratore Paolo Gengarelli ha chiesto il rinvio a giudizio per omicidio stradale dell’operaio che ha investito il campione americano

Morte Nicky Hayden, rinviato a giudizio l’automobilista
Il processo continua
Lo scorso 17 maggio Nicky Hayden ha perso la vita a seguito delle ferite riportate nell’incidente avvenuto a Cattolica, mentre si stava allenando in bicicletta, subito dopo aver disputato il round di Imola del campionato mondiale delle derivate di serie. L’americano è stato investito all'incrocio tra la Provinciale 35 e via Ca’ Raffaelli da una Peugeot 2017 Cabrio guidata da un operaio che stava andando al lavoro e che guidava a 70 km/h invece dei 50 km/h previsti su quel tratto di strada. Terminate le indagini il sostituto procuratore Paolo Gengarelli ha chiesto il rinvio a giudizio per omicidio stradale dell’automobilista. Il perito Orlando Omicini, consulente tecnico della procura, sostiene che se l’automobilista avesse mantenuto la velocità adeguata, l’incidente non ci sarebbe stato, ma anche Hayden ha la sua parte di colpe, considerando che se avesse rispettato lo stop e la precedenza, l’incidente sarebbe stato evitato. Ora il giudice dell'udienza preliminare dovrà decidere se le prove sono sufficienti per inviare a giudizio l’automobilista, e dovrà anche stabilire quante persone si potranno costituire parte civile. Per ora il legale Moreno Maresi rappresenta la mamma e uno dei fratelli di Nicky, arrivati entrambi dagli Stati Uniti negli ultimi giorni cruciali per “Kentucky Kid”. Come riporta il sito corriereromagna.it, l’avvocato ha spiegato: “Attendiamo la data di fissazione dell’udienza preliminare. Solo allora i famigliari decideranno se costituirsi parte civile”.
NOTIZIE SPORT CORRELATE
  • MotoGP
    06 Gennaio 2018
    Il 2017 ci ha tolto un grande pilota e una grande persona, Nicky Hayden, che ha perso la vita in un incidente stradale nel mese di maggio. La famiglia dell’americano ha aperto in suo onore l’associazione benefica Nicky's Memorial Fund e la sorella Kathleen ha ringraziato attraverso i social tutti coloro che hanno dato un contributo
  • Sport
    05 Gennaio 2018
    Poco si sa sulle reali condizioni fisiche di Michael Schumacher, ma da quando è uscito dal coma farmacologico, dopo l’incidente avuto mentre sciava il 28 dicembre del 2013, il tedesco è costantemente monitorato da un’equipe medica di alto livello nella sua casa. Secondo “Forbes” il tedesco avrebbe guadagnato circa 840 milioni di euro e le cure costerebbero circa 140 mila euro a settimana
  • Sport
    02 Gennaio 2018
    Grande disavventura per un giovane pilota italiano che si sta facendo le ossa nel campionato italiano di velocità Moto3 e che qualche giorno fa se l’è davvero vista brutta in un incidente stradale. Il pilota in questione si chiama Kevin Sabatucci, ed era in macchina con tre suoi amici, quando la vettura è precipitata dal ponte di San Filippo ad Ascoli Piceno. Sabatucci ne è uscito illeso, due suoi amici hanno frature alle costole non gravi