SPORT

Flat Track, Cecchini conquista campionato italiano e Coppa del Mondo

Filotto incredibile di vittorie negli ovali del Flat Track per Francesco Cecchini, che ha dominato il campionato italiano e conquistato di forza la Coppe del Mondo a Misano

Flat Track, Cecchini conquista campionato italiano e Coppa del Mondo
Cecchini imbattibile
Imprendibile è l’aggettivo che meglio rispecchia la stagione di Francesco Cecchini nel Flat Track, che ha visto il figlio d’arte romagnolo assoluto dominatore del campionato italiano e nella Coppa del Mondo, che si è disputata sabato 8 settembre nell’ovale dell’Arena 58 di Misano. Il binomio con Zaeta ha funzionato alla perfezione, ad iniziare dalla competizione nazionale, nella quale Cecchini ha vinto tutte e sei le gare in programma, dimostrando di essere una spanna sopra agli avversari. Nelle due gare conclusive in Friuli, Cecchini dopo il successo in gara 5 aveva in pratica ipotecato il titolo tricolore, ma fare calcoli non è mai stata una sua prerogativa. Così in gara 6 è arrivato un altro limpido successo che gli ha consentito di fare un filotto di successi che nessun altro aveva mai conquistato prima di lui. Gianni Borgiotti si è riconfermato invece vicecampione italiano, al terzo posto si è classificato Lorenzo Villamagna, brillante secondo in gara 6, che ha scavalcato in classifica il sedicenne Kevin Corradetti (che per limiti di età corre con una 250 cc), terzo alla vigilia del weekend di Terenzano. Una brutta caduta nella finale di gara 5 è costata al giovane marchigiano la frattura della costola sinistra, e il conseguente addio alla zona medaglie. Nella doppia tappa di Misano di luglio, ha gareggiato Fabio Di Giannantonio, Moto 3, ingaggiato dal team Cecchini. In sella ad una Zaeta ha dato vita indubbiamente al più bel duello stagionale per il successo con Cecchini in gara 5, con sorpassi e controsorpassi da urlo che hanno entusiasmato il pubblico. Da segnalare i rientri di due affermati piloti del panorama nazionale e internazionale, che da qualche anno mancavano all’appuntamento tricolore: Jacopo Monti, che ha corso con lo pseudonimo di Yaco Briowski, ha colto un brillante terzo posto in gara 5, mentre Daniele Moschini, che con quattro gare all’attivo su sei, ha conquistato la quinta posizione in classifica generale.

Anche il mondiale a Cecchini
Nel weekend della MotoGP è poi andata in scena all’Arena 58 di Misano la tappa unica per l’assegnazione della Coppa del Mondo FIM della disciplina, una sorta di europeo, mancando all’appello i maestri americani. Vietato sbagliare, ogni minimo errore avrebbe mandato in fumo le chance di successo dei ventuno pretendenti al titolo. Già dalle prove libere del pomeriggio Cecchini di è distinto per compostezza e tempi sul giro, in un tracciato che conosce a memoria e da cui è iniziata la sua brillante carriera. La gara è stata un autentico capolavoro di Cecchini, che non ha sbagliato nulla, vincendo le tre manche di qualifica, la prima semifinale e nella finalissima, salvo un duello con il finlandese Koskinen nella prima curva, ha percorso i dodici giri con estrema disinvoltura, lasciandosi gli avversari a venti metri. Una prova di forza e costanza, che ha sciolto la pressione pre-gara che inevitabilmente pilota e team avvertivano nella pista amica, davanti a migliaia di persone che hanno gremito le tribune e le zone circostanti l’anello romagnolo. Alle spalle di Cecchini il duo spagnolo composto da Gerard Bailo, su Kawasaki, e Franc Serra, su Honda. Attardati in classifica gli altri tre italiani al via: decimo Gianni Borgiotti, tredicesimo Lorenzo Villamagna, sedicesimo Paolo Piccinini.
Classifica campionato italiano (prime dieci posizioni)
1-Francesco Cecchini (Zaeta) punti 150; 2-Borgiotti (KTM) 122; 3-Villamagna (Husqvarna) 87; 4-Corradetti (Honda) 81; 5-Moschini (Honda) 62; 6-Piccinini (Honda) 60; 7-Yaco Briowski (Honda) 54; 8-Andreotti (Honda) 41; 9-Di Giannantonio (Zaeta) 39; 10-Fattore (Suzuki) 26
Classifica Flat Track Cup
1-Francesco Cecchini (ITA); 2-Gerard Bailo (SPA); 3-Franc Serra (SPA); 4-Ferran Sastre (SPA); 5-Mikko Kostinen (FIN); 6-Adrian Garin (SPA); 7-Maikel Dijkstra (OLA); 8-Guillermo Cano (SPA); 9-Lasse Kurvinen (FIN); 10-Gianni Borgiotti (ITA); 11-Hanson Schruf (AUT); 12-Niclas Poytalaakso (FIN); 13-Lorenzo Villamagna (ITA); 14-Pavel Pucko (CZE); 15-Carlos Espinosa (SPA); 16-Paolo Piccinini (ITA); 17-Florian Eder (AUT); 18-Yasmin Poppenreiter (AUT); 19-Wilfried Delestre (FRA); 20-Jiri Kraus (CZE); 21-Vaclav Gerhart (CZE)
 
NOTIZIE SPORT CORRELATE
  • Off-Road
    17 Settembre 2018
    Con una guida costante ed efficiente e un buon feeling con la sua Honda, Paulo Gonçalves ha conquistato la vittoria del Desafío Inca 2018. Si tratta del terzo trionfo consecutivo per il Team Monster Energy Honda in Sud America questo mese
  • Off-Road
    17 Settembre 2018
    Dal Sud America all’Africa. Il dakariano Alessandro Botturi cambia continente e nel 2019 parteciperà per la prima volta all’Africa Eco Race. Ad annunciarlo Yamaha Italia, che scommette sul pilota di Lumezzane per questa nuova avventura insieme
  • Off-Road
    17 Settembre 2018
    La seconda tappa del rally peruviano ha visto trionfare l’argentino Kevin Benavides su Honda che, tuttavia, nella classifica generale provvisoria è solo sesto. A guidare la gara, per il momento, è la Husqvarna dell’americano Andrew Short
Moto rubate
Annunci inSella
Moto Fuoriserie