SPORT

Euopeo Speedway 2020, ecco il calendario

Ad aprile e maggio si dovevano disputare quattro gare di qualificazione, ora FIM Europe e il promoter One Sport hanno annunciato che ci saranno cinque finali al posto delle quattro previste, tutte in Polonia e tutte concentrate nel solo mese di luglio. Ecco il calendario completo

Euopeo Speedway 2020, ecco il calendario
Cinque gare
La pandemia ha letteralmente stravolto il calendario del campionato europeo speedway. Ad aprile e maggio si dovevano disputare quattro gare di qualificazione, con sessantaquattro piloti chiamati a giocarsi le chance per accedere al Challenge, previsto ad agosto a Zarnovica (Slovacchia) a cui accedevano i primi tre classificati di ciascun evento eliminatorio. Tre wild card scelte da FIM Europe, e un pilota della nazione ospitante di ogni evento, dovevano completare la griglia di partenza dei sedici titolari. Le quattro finali europee erano così programmate: gara 1 a Vojens (Danimarca) sabato 20 giugno, gara 2 a Lodz (Polonia) il 4 luglio, gara 3 a Gorican (Croazia) il 22 agosto e gran finale a Chorzow (Polonia) il 19 di settembre.
Tutte le gare calendarizzate sono state cancellate, ora FIM Europe e il promoter One Sport hanno annunciato che ci saranno cinque finali al posto delle quattro previste, tutte in Polonia e tutte concentrate nel solo mese di luglio. Una novità assoluta nella storia della competizione. La Moto Arena di Torun aprirà e chiuderà il sipario continentale. Senza qualificazioni, i quindici piloti che si contenderanno il titolo europeo del 2020 sono stati scelti in base alla classifica della scorsa stagione (ammessi di diritto i primi cinque classificati), per titoli continentali vinti (Leon Madsen nel 2018, Andzejs Lebedevs 2017 e Nicky Pedersen 2016) e per le prestazioni fornite negli ultimi anni. In Polonia, la patria indiscussa dello speedway contemporaneo, l’attesa è palpitante. Sono tre i piloti biancorossi chiamati a interrompere un digiuno decennale, da quel 2010 in cui trionfò Sebastian Ulamek: l’esperto Krzystopf Kasprzak (bronzo nel 2013), il talentuoso Kacper Woryna (quarto nel 2019) e il giovane Bartosz Smektala (quinto nel 2019).
Mikkel Michelsen, detentore del titolo, è chiamato alla riconferma di un titolo conquistato sul filo di lana: arrivato a pari punti con il russo Grigory Laguta, al termine delle quattro gare continentali, ha prevalso nei confronti del rivale nella batteria di spareggio che ha decretato la medaglia d’oro e quella d’argento. Il vincitore del torneo continentale si assicurerà la presenza in pianta stabile nel mondiale speedway del 2021. Nella gara inaugurale di Torun, del 4 luglio, la wild card è stata assegnaata al campione del mondo in carica, Bartosz Zmarzlik, chiamato a confermare la brillante stagione del 2019.
Calendario gare
04/07/20 Finale 1  Torun
08/07/20 Finale 2  Bydgoszsz
15/07/20 Finale 3  Gniezno
22/07/20 Finale 4  Rybnik
29/07/20 Finale 5  Torun

Griglia di partenza dei quindici titolari (in ogni gara ci sarà una wild card)
Mikkel Michelsen (DK) – Grigory Laguta (RU) – Leon Madsen (DK) – Kacper Woryna (PL) – Bartosz Smektala (PL) – Peter Ljung (SE) – Michael Jepsen Jensen (DK) – Krzystopf Kasprzak (PL) – Kai Huckenbeck (DE) – Vaclav Milik (CZ) – Andrey Kudryashov (RU) – Nicky Pedersen (DK) – David Bellego (FR) – Andzejs Lebedevs (LV) – Robert Lambert (GB)

 



NOTIZIE SPORT CORRELATE
  • Off-Road
    25 Maggio 2020
    Il capitano della nazionale di speedway della Germania ha riportato una frattura scomposta all’anca sinistra e varie fratture pelviche. Prematuro ipotizzare i tempi di recupero per il tedesco, ma dalle prime indiscrezioni la stagione 2020 potrebbe essere compromessa. 
  • Off-Road
    18 Marzo 2020
    La stagione dello speedway su ghiaccio è stata pesantemente condizionata dalle alte temperature dei primi mesi dell’anno e ovviamente dall’epidemia di Coronavirus. Con tre prove disputate, sulle cinque calendarizzate, la FIM ha comunque deciso di assegnare il titolo che è andato per il secondo anno consecutivo al russo Daniil Ivanov
  • Off-Road
    11 Marzo 2020
    Il ministero della salute argentino decreta lo stop della attività sportive e il mondiale motocross viene spostato al 22 novembre. Per ora la rassegna iridata ha già disputato le prime due prove, ma il prosieguo della stagione è a rischio per i primi appuntamenti europei: Spagna, Portogallo, Francia, Italia sono il poker di gare che attendono Cairoli e colleghi, ma la situazione è in rapida evoluzione