SPORT

Dovizioso in versione cross: un video fa salire la voglia di correre

In questo periodo Andrea si sta allenando intensamente, anche se non ci sono obiettivi dichiarati. Yamaha e Ktm sono le moto utilizzate, l'obiettivo degli Internazionali d'Italia non sarebbe fuori portata. E la MotoGP? Per ora può attendere, ma ci sono tre opzioni all'orizzonte

Dovizioso in versione cross: un video fa salire la voglia di correre
Andrea Dovizioso non ha ancora reso noti nel dettaglio i suoi programmi di motocross per il 2021. Qualche giorno fa è stato avvistato in Sardegna – su Yamaha YZ250 che sfoggia nuovamente il mitico 34- in allenamento con Glen Coldenhoff, Danilo Petrucci, Alex Salvini e Alessandro Gramigni, a fine mese sull'isola ci sarà la prima tappa degli Internazionali d'Italia. Lo schedule delle tre tappe che aprono la stagione delle ruote artigliate vede infatti proprio la Sardegna in prima linea: Riola Sardo il 28 febbraio, Alghero il 7 marzo, Mantova la settimana successiva. Il forlivese ci sarà? Per ora Andrea ha sempre parlato di impegno amatoriale/regionale, ma l'ex ducatista non trascura l'allenamento e le sorprese potrebbero essere dietro l'angolo.

Un video che “gasa”
Il mistero per ora non si scioglie, i suoi social mostrano Dovi che fa palestra, Dovi che gira con la YZ250, Dovi e i suoi partner di nuovo nei colori KTM (ma potrebbero essere foto d'archivio). Sicuramente precedente all'esperienza sarda c'è il video qui sotto di allenamento in pista girato per uno sponsor. Spettacolare e divertente, la clip ribadisce in intervista il concetto più volte espresso dal pilota romagnolo: nessun impegno stressante per il 2021, solo relax in moto, seppure con dedizione, come è nel carattere di Andrea.



Giudizi positivi
Non è la prima volta che Dovizioso scende in pista a confrontarsi con i professionisti del cross o dell'enduro: non è mistero che Andrea goda della stima generale degli specialisti, che hanno sempre ribadito come il romagnolo sia un pilota smaliziato in sella a un cross. Anche Coldenhoff lo ha ammesso: “Girava a sei-sette secondi dai miei tempi sul giro, sono numeri molto buoni, impressionanti”.

Il futuro
Il 2021 probabilmente andrà davvero nella direzione di un impegno part time nel motocross, ma con le antenne dritte. Il manager Simone Battistella lavorerà per fare rientrare Andrea in MotoGP nel 2022: KTM, Yamaha e Suzuki sono le possibili destinazioni. Per la prima bisognerà vedere se si libererà una sella in Tech3, per la seconda si attendono le mosse di Valentino. Suzuki infine dovrà sciogliere le riserve su un possibile team satellite, e una GSX-RR in questo momento fa gola a molti.

 



NOTIZIE SPORT CORRELATE