NOVITA' MOTOCICLISMO

Victory RR 2016: una moto aggiornata e più potente per il Tourist Trophy

Il 3 giugno la nuova Victory RR esordirà al Tourist Trophy, nelle prove libere della categoria TT Zero riservata alle moto elettriche. La casa americana presenta una moto completamente rivista. Non resta che vedere cosa riuscirà a fare William Dunlop in gara

Victory RR 2016: una moto aggiornata e più potente per il Tourist Trophy
Victory ha rivoluzionato la Empulse
Nella scorsa edizione del Tourist Trophy, la Victory, portata in gara da Guy Martin, non aveva brillato nella categoria TT Zero, quella dedicata alle moto elettriche. Il distacco dalle due Mugen vincitrici nel 2015 era stato di circa un minuto e mezzo, con una velocità massima inferiore di quasi 15 km/h. Quest'anno, però, la casa americana porterà sull'Isola di Man una moto molto diversa: la Victory RR. Il motore trifase Parker GVM è stato migliorato e adesso eroga 174 cavalli con una coppia di 240 Nm, un concreto passo in avanti, considerando i 150 cavalli e i 220 Nm di coppia della vecchia Victory Empulse RR. Oltre al propulsore, anche l'aerodinamica e il telaio sono stati rivisti, con un nuovo design e un telaio a traliccio in acciaio. Le batterie agli ioni di litio, prodotte da Brammo, hanno anche una maggiore capacità, ma condizionano il peso della moto, che raggiunge i 240 kg, ancora una punto debole per la Victory RR. Il pilota scelto per migliorare i tempi della Victory al Tourist Trophy è William Dunlop. La nuova elettrica americana, che monterà pneumatici Metzeler, esordirà al TT Zero il 3 giugno con le prove libere, per poi gareggiare l'8 giugno.


NOTIZIE CORRELATE
  • News
    26 Ottobre 2019
    In calendario dal 2010, le gare del TT Zero, quelle cioè riservate alle sole moto elettriche, si fermano per due anni. Una pausa che permetterà all’industria motociclistica di adeguarsi alle tecnologie già raggiunte da alcuni produttori e team indipendenti
  • News
    20 Settembre 2019
    Il famoso pilota e showman inglese ha segnato il nuovo primato inglese in sella a una Suzuki Hayabusa durante un evento a Elvington. Ora Martin punta a sfondare la barriera delle 300 mph/h
  • News
    27 Agosto 2019
    Ritiri decisivi sia nella Superbike che nel Junior: Dunlop - tradito dalla propria Suzuki a meno di due miglia dall'arrivo- regala il successo all'australiano, Coward centra la sua prima affermazione approfittando del ko di Johnston