NOVITA' MOTOCICLISMO

A Venezia nasce un’isola a zero emissioni

L’intesa siglata da Terna Plus e la società Vento di Venezia dà il via al progetto per rendere l’isola della Certosa a Nord Est del capoluogo una “Smart Energy Island” all’avanguardia a livello mondiale per sostenibilità. Tra gli obiettivi del piano la realizzazione di una mobilità a emissioni zero grazie all’impiego di veicoli elettrici alimentati da energia prodotta con impianti fotovoltaici e mini-eolici

A Venezia nasce un’isola a zero emissioni
Interventi a minimo impatto
Pantelleria in Sicilia, le isole del Giglio e Giannutri in Toscana e ora l’isola della Certosa a Venezia. I progetti per fare delle isole nazionali dei laboratori di sostenibilità ambientale si moltiplicano. In laguna il piano “smart” è stato appena avviato con la firma dell’accordo tra Terna Plus e la società Vento di Venezia che prevede la sperimentazioni di nuove tecnologie ed la realizzazione di impianti di energie “pulite” sul lembo di terra a Nord Est della Serenissima, già oggetto del progetto Parco della Certosa. La nuova iniziativa trasformerà i 24 ettari sulla laguna in un laboratorio a emissioni zero dove circoleranno veicoli elettrici alimentati dall’energia prodotta da impianti fotovoltaici e mini-eolici. Un piano che prevede pure la realizzazione di un’infrastruttura di ricarica, di batterie per l’accumulo dell’elettricità prodotta in eccesso, interventi di efficienza energetica e la realizzazione di sistemi ICT (Information and Communications Technology) per l’illuminazione pubblica e la connettività a banda larga. L’intento della sperimentazione della durata di tre anni che prosegue il recupero sociale, ambientale ed economico in corso è di fare diventare l’isola della Certosa un modello di “Smart Energy Island” all’avanguardia a livello mondiale in tema di sostenibilità ed energia a basse emissioni. Obiettivo perseguito pure con un’attenta pianificazione degli interventi pensata per contenere gli impatti sul territorio dei nuovi impianti, con particolare attenzione alla tutela delle zone di pregio archeologico, storico, paesaggistico e naturalistico.

 



NOTIZIE CORRELATE
  • Green Planet
    06 Aprile 2022
    La sesta edizione dello studio promosso dall’operatore energetico offre un’ampia visione dei cambiamenti in atto nella mobilità dovuti all’evoluzione tecnologica e alla mutazione nelle abitudini dei cittadini. Un’evoluzione che vede il calo dell’uso dell’auto a favore delle due ruote, la forte crescita dei veicoli elettrici, della micromobilità, dello sharing e dell’intermodalità
  • Green Planet
    18 Febbraio 2022
    Il Governo di Londra punta su scooter, moto e quadricicli elettrici per ridurre le emissioni di gas serra, l’inquinamento e la congestione delle strade, ma pure per consentire ai cittadini di spostarsi in modo più economico. Per farlo ha chiesto la collaborazione dell’Associazione dell'industria motociclistica e di una società specializzata nella decarbonizzazione dei trasporti
  • Green Planet
    13 Febbraio 2022

    Da Sant’Erasmo, “l’Orto di Venezia” all’oasi di Lio Piccolo, dal Lido al borgo di Malamocco e all’isola dei pescatori di Pellestrina. Un tour di tre giorni con itinerario adatto alle famiglie e ideale per iniziare ad allenare le gambe in vista della primavera. Si parte in gruppo accompagnati da una guida con gran finale tra i vicoli e le meraviglie della Serenissima

Filtra tutti i contenuti per marca
Eicma 2021
Moto rubate
Annunci inSella
Moto Fuoriserie
IN EDICOLA
Sul numero di alVolante in edicola
Fresche di lancio già guidate
Green Planet