NOVITA' MOTOCICLISMO

Triumph Speed Twin: leggerezza classica

Il nome è quello della bicilindrica classe 1938, ma scheda tecnica e ciclistica si rifanno alle più moderne Thruxton 1200 e Bonneville T120. Presentata a Parigi e in arrivo entro aprile, la nuova Speed Twin di Triumph mixa gli aspetti positivi delle sorelle, mostrandosi come una moto potente, ma più agile e leggera, pensata per l’uso urbano e dalla posizione di guida rilassata

Triumph Speed Twin: leggerezza classica
Speed Twin
Ispirata nel nome e nell’appeal alla prima biciclindrica Triumph lanciata nel 1938, la Speed Twin che vedete in foto prende in prestito la tecnica della più moderna Thruxton 1200 e della Bonneville T120: una modern classic che va così a completare la gamma Bonneville. È stata presentata a Parigi e la vedremo nelle concessionarie italiane entro aprile.
A spingerla ci pensa il bicilindrico frontemarcia di 1200 cm3 da 97 CV a 6.750 giri/min e 112 Nm a 4.950. È lo stesso montato sulla Thruxton, ma alleggerito di ben 2,5 kg grazie alle cover delle teste in magnesio, ai carter riprogettati e alla nuova frizione a bagno d’olio con minor inerzia e ridotto sforzo d’azionamento. Rimangono il comando Ride By Wire, il controllo di trazione (disinseribile) e tre Riding Mode (Sport, Road e Rain). A livello ciclistico troviamo invece un telaio a doppia culla in tubi d’acciaio, abbinato a una forcella tradizionale non regolabile con steli da 41 mm protetti da soffietti di gomma e a una coppia di ammortizzatori posteriori regolabili invece nel precarico molla. Rispetto alla Thruxton, inoltre, le ruote a raggi cedono il posto ai cerchi a sette razze in lega leggera calzati da pneumatici Pirelli Diablo Rosso III nelle misure 120/70 all’anteriore e 160/60 al posteriore. Prestante l’impianto freni: davanti troviamo due dischi da 305 mm morsi da pinze Brembo a 4 pistoncini ad attacco assiale e pompa radiale, dietro un disco da 220 mm con pinza flottante Nissin a pistoncino singolo. Grazie agli accorgimenti di cui sopra, rispetto alla più “lussuosa” e pesante T120, la Speed Twin segna sulla bilancia 28 kg in meno, per un totale di 196 kg a secco. 
Tra stile vintage e gusti moderni, sono tanti inoltre gli accessori di pregio e i dettagli curati: parafanghi e fianchetti laterali sono in alluminio spazzolato, il tappo del serbatorio (da 14,5 litri) in stile Monza, la fanaleria full LED. In aggiunta, una lista di oltre 90 accessori per personalizzarla al massimo, con, in più, una linea di abbigliamento a lei dedicata. Le colorazioni disponibili saranno Silver Ice e Storm Grey, Korosi Red e Storm Grey, entrambe  con fascia orizzontale Grafite e linea Bianca disegnata a mano e  Jet Black. Per il prezzo dobbiamo aspettare il prossimo anno 2019, l'arrivo dai concessionari è previsto per la primavera.
NOTIZIE CORRELATE
  • Moto
    06 Novembre 2018
    Si chiamano Ace e Diamond, la prima è un omaggio alle prime café racer e al celebre Ace Cafè di Londra, la seconda invece celebra il 60° anniversario della "prima" Bonneville del 1959. Ecco come sono fatte le novità di Triumph per il salone di Milano
  • News
    01 Novembre 2018
    Per il lancio della sua "ultima nata", Triumph ha organizzato una gara tra le squadre delle 8 nazioni dove vende più moto. Il team italiano composto da Belli, Lorenzin e Cecotti è arrivato al duello finale con i brasiliani: ecco il racconto di uno dei protagonisti, il "nostro" Alberto Cecotti che ha avuto il privilegio di guidare l'attesa Scramber 1200 in anteprima assoluta
  • News
    31 Ottobre 2018
    Dal meeting mondiale dei dealer Triumph arrivano le prime immagini di una nuova Speed Twin. Alcuni dettagli, come potenza motore e impianto frenante, potrebbero essere quelli della Bonneville T120, altri, quali forcella e doppio ammortizzatore regolabile, presi in prestito invece dalla Street Twin. La vedremo a EICMA?