NOVITA' MOTOCICLISMO

The Backburner: la moto della fidanzata ha aspettato 4 anni

Questa Honda CB360T doveva essere la moto della fidanzata, ma la storia è finita presto e il progetto è rimasto a prendere polvere per 4 anni. Poi un cliente ha deciso che la piccola giapponese doveva tornare a nuova vita…
 

The Backburner: la moto della fidanzata ha aspettato 4 anni
La "temporeggiatrice"
Le ex fidanzate hanno l’abitudine di lasciare oggetti per casa, ma trovare una moto è una rarità. È quanto successo con questa Honda CB360T del 1976, finita tra le mani dei preparatori di Federal Moto di Chicago. "Questa moto apparteneva a una ex dei primi giorni di attività di Federal Moto", dice il customer Peter Müller, “lei era una designer professionista e voleva costruire la sua prima moto sotto la nostra guida. Ma, come spesso accade, il rapporto con la ragazza è finito rapidamente, ma non quello con la CB360, che, formalmente nelle nostre mani, era invece appena iniziato". È durata quattro anni, anche se sono stati necessari solo quattro mesi per trasformare la CB360 nella piccola streetfighter che è diventata “The Backburner”, che in italiano suona come “La temporeggiatrice”, cioè quella che rimanda sempre.
Infatti, la moto è rimasta smontata nel retro del negozio a raccogliere la polvere e a fare da monito ogni volta che ci si passava davanti. Ma cosa ha spinto Peter e suo fratello Mike a spostare la CB360 in laboratorio e a lavorarci sopra? Il cliente “perfetto”. Mentre stavano lavorando alla loro quinta creazione, un professionista ha proposto loro un lavoro su commissione, cosa che Peter e Mike tendono a evitare sempre. “Di solito decliniamo gentilmente, a causa delle difficoltà di gestire le aspettative di tempo e di budget”, spiega Peter, “oltre alle indicazioni non richieste quando si lavora con un cliente rispetto al lavoro in autonomia che facciamo di solito”. Ma questo cliente non accettava un “no” come risposta. Dopo un anno di offerte, i due hanno ceduto a patto di mantenere il pieno controllo creativo del progetto e di lavorare proprio sulla piccola Honda. Una volta spolverata, i due si sono accorti che mancavano alcuni pezzi e così hanno iniziato a contattare i fornitori. Madhouse Motors di Boston ha trovato, pulito, imballato e spedito una testa completa in meno di una settimana. Common Motor Collective di Houston ha trovato invece i pezzi di ricambio del motore, della trasmissione e dei carburatori. Così ogni parte è stata ispezionata, ricondizionata, levigata, riparata o sostituita. Sono quindi arrivati una piccola batteria agli ioni di litio con accensione elettronica, posta sotto la sella, un faro posteriore a led e un nuovo parafango posteriore. Nuovi anche gli scarichi per dare una voce più cattiva alla piccola giapponese. Quanto ai freni, i due hanno ricostruito il sistema con prodotti Goodridge, i pneumatici sono Metzeler Enduro 3 Sahara, mentre le nuove manopole portano la firma di Biltwell Inc. Infine, nuovi sono anche il faro anteriore e la strumentazione. Come ultimo tocco la sella è stata rivestita in pelle marrone.
NOTIZIE CORRELATE
  • News
    10 Dicembre 2018
    L’officina aostana MS Artrix è stata scelta per rappresentare l’Italia al Biker Build Off al prossimo Custom Show Emirates 2019. La manifestazione, che si svolgerà il prossimo marzo, vedrà presente uno dei massimi customizer italiani, in lizza per il titolo in un mercato in forte crescita
  • Fuoriserie
    04 Settembre 2018
    Lo scorso weekend la Casa nipponica era presente alla tredicesima edizione del raduno motociclistico con sei special in esposizione, tre basate su modelli attualmente in gamma (Monkey e CB1000R) e tre su classiche del passato: la CX500, la CB750 e la Gold Wing
  • Fuoriserie
    05 Giugno 2018
    I preparatori tedeschi di Diamond Atelier hanno messo le mani su una Ducati del 2017 di un cliente tedesco, modificando completamente il posteriore, e rivestendo il telaio con una splendida vernice d'oro 24 carati