NOVITA' MOTOCICLISMO

Superbike ad Assen, Rea vince anche gara 2 e fa l’en-plein

Arrivato in Olanda con 2 punti di ritardo dal leader Toprak Razgatlioglu, Jonathan Rea riparte primo con 37 punti di vantaggio e 3 vittorie in più in saccoccia. Il sette volte iridato ha sbancato vincendo anche gara 2 del quinto round del mondiale Superbike, e senza fare nemmeno troppa fatica. 

Superbike ad Assen, Rea vince anche gara 2 e fa l’en-plein
Sempre e solo Rea
Al resto ha pensato Garrett Gerloff, buttando a terra il turco alla prima curva con un attacco suicida. Toprak è rimasto illeso ma la sua gara è finita lì, l’americano è stato penalizzato con un ride through per condotta di guida irresponsabile ed è caduto mentre cercava di recuperare. È un grande talento e un bravo ragazzo ma deve imparare a non essere troppo frettoloso.
Intanto davanti il nostro Andrea Locatelli ha approfittato della sorpresa ed è rimasto al comando per metà gara, seguito da Michael Ruben Rinaldi. Due italiani davanti, è stato un bel sogno. Poi è arrivato Rea che in partenza era rimasto intruppato attorno al sesto posto, ma effettivamente ne aveva di più, è passato in testa e se ne è andato a conquistare la sua 15ª vittoria sullo stesso circuito: nessuno aveva mai fatto altrettanto.
Dietro di lui stava recuperando anche Scott Redding, e verso la fine è riuscito a superare Locatelli portandosi in seconda posizione. Il bergamasco non ha voluto cercare guai ed ha portato a casa il terzo gradino del podio, al primo anno di corse in Superbike: proseguendo per questa strada ne vedremo delle belle…
Quarto posto per Chaz Davies dopo una partenza non eccezionale e quinto per Alvaro Bautista che con una gara grintosa ha salvato un weekend partito non troppo bene.
Alle sue spalle hanno fatto scintille Michael Van der Mark, Alex Lowes, Rinaldi che ha perso progressivamente posizioni e Tom Sykes, finito gambe all’aria un giro dalla fine; gli altri si sono classificati nell’ordine, dal sesto all’ottavo posto, lui si è rialzato ed è riuscito a concludere 15º.
Ancora una bella prestazione infine per Axel Bassani, nono davanti a un Leon Haslam piuttosto in difficoltà.


Questi i primi sei di gara 2:
 
    1. Jonathan Rea (Kawasaki Racing Team WorldSBK)
    2. Scott Redding (Aruba.it Racing – Ducati) +1.605
    3. Andrea Locatelli (Pata Yamaha with BRIXX WorldSBK) +3.431
    4. Chaz Davies (Team GoEleven) +8.695
    5. Alvaro Bautista (Team HRC) +9.584
    6. Michael van der Mark (BMW Motorrad WorldSBK Team) +12.691
Giro veloce Jonathan Rea (Kawasaki Racing Team WorldSBK) 1’34.689
 
Classifica del Campionato
    1. Jonathan Rea (Kawasaki Racing Team WorldSBK) 243 punti
    2. Toprak Razgatlioglu (Pata Yamaha with BRIXX WorldSBK) 206
    3. Scott Redding (Aruba.it Racing – Ducati) 162
    4. Alex Lowes (Kawasaki Racing Team WorldSBK) 127
    5. Michael Ruben Rinaldi (Aruba.it Racing – Ducati) 111
    6. Garrett Gerloff (GRT Yamaha WorldSBK Team) 105

 



NOTIZIE CORRELATE
  • News
    16 Settembre 2021
    Si comincia questo weekend a Barcellona con il round di Catalunya e ci sono tutti i motivi per aspettarsi l’ennesimo appuntamento rovente: la lotta per il titolo fra Toprak Razgatlioglu e Jonathan Rea, fra Yamaha e Kawasaki, è accesissima: dopo 24 gare i due sono staccati di appena 7 punti
  • News
    09 Settembre 2021
    La retrocessione costata la vittoria nella Superpole Race del round Francia Superbike a Toprak Razgatlioglu continua a fare discutere. Il turco aveva tagliato per primo il traguardo ma è stato penalizzato per avere oltrepassato i limiti della pista all’ultimo giro, alla curva 10; la direzione di gara ha classificato il leader del mondiale al secondo posto ed ha assegnato la vittoria a Jonathan Rea.
  • News
    06 Settembre 2021
    Doccia fredda per Toprak Razgatlioglu, che con notevole ritardo si è visto togliere la vittoria ottenuta in Superpole Race quando già era stata disputata anche gara 2, nell’ottavo round del mondiale Superbike. Il turco è stato retrocesso di una posizione per avere superato il limite della pista nel corso dell’ultimo giro, passando sulla zona verde in uscita dalla curva 10. La vittoria è così finita a tavolino nelle mani di Jonathan Rea che vede ridursi a 7 punti il distacco dal pilota della Yamaha, leader del campionato.