NOVITA' MOTOCICLISMO

Spostamenti “sconsigliati”. Nuovo Dpcm: aggiornamenti coprifuoco e divieti circolazione

Il nuovo Dpcm approvato dal Governo Conte non pose sostanziali limiti agli spostamenti, ma “raccomanda fortemente “non spostarsi, con mezzi di trasporto pubblici o privati”. Limiti invece ai ristoranti e a palestre e piscine 

Spostamenti “sconsigliati”. Nuovo Dpcm: aggiornamenti coprifuoco e divieti circolazione
È stato approvato il nuovo Dpcm, che, rispetto alle voci circolate negli ultimi giorni, non pone alcun divieto agli spostamenti tra regioni ma si limita a raccomandare fortemente (quindi non ci sono sanzioni per chi non si adegua) di «non spostarsi, con mezzi di trasporto pubblici o privati, salvo che per esigenze lavorative, di studio, per motivi di salute, per situazioni di necessità, per svolgere attività o usufruire di servizi non sospesi». Rispetto alle bozze che erano circolate non c’è più la voce secondo cui era raccomandato di non spostarsi «dal Comune di residenza, domicilio o abitazione».

Restano ovviamente in vigore tutte le norme previste dai coprifuoco regionali, le regioni infatti possono introdurre norme più rigide rispetto a quelle nazionali previste dal Governo.

I coprifuoco
In Campania, Lazio, Sicilia, Lombardia e Calabria è in vigore il divieto di uscire dalle proprie abitazioni dalle 23 (in Lazio le 24) alle 5 del mattino. In Piemonte invece lo stop notturno per uscite e partirà lunedì.

I motivi per spostarsi durante il coprifuoco
Nelle regioni dove è attivo il coprifuoco si può uscire nelle ore “vietate” solo motivi di lavoro, oppure per «comprovata e grave necessità». Per uscire bisogna avere con sé un modulo di autocertificazione (uguale in tutta Italia) da esibire in caso di controlli e in cui si indicano i motivi per cui si viola il coprifuoco. Le forze dell’ordine avranno comunque con sé dei moduli da far compilare a chi ne è sprovvisto.

Cliccate qui per scaricare il modulo di autocertificazione

Non si va in palestra e al ristorante
Chiudono, le attività di palestre, piscine, centri natatori, centri benessere, centri termali (salvo quelli che erogano servizi per il Sistema Sanitario Nazionale). Limiti anche ai ristoranti: “Le attività dei servizi di ristorazione (tra cui bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie) sono consentite dalle ore 5 fino alle 18; il consumo al tavolo è consentito per un massimo di quattro persone per tavolo, salvo che siano tutti conviventi; dopo le ore 18 è vietato il consumo di cibi e bevande nei luoghi pubblici e aperti al pubblico; resta consentita senza limiti di orario la ristorazione negli alberghi e in altre strutture ricettive limitatamente ai propri clienti, che siano ivi alloggiati; resta sempre consentita la ristorazione con consegna a domicilio nel rispetto delle norme igienico-sanitarie sia per l’attività di confezionamento che di trasporto, nonché fino alle ore 24 la ristorazione con asporto, con divieto di consumazione sul posto o nelle adiacenze".

 

 



NOTIZIE CORRELATE
  • Politica e trasporti
    17 Aprile 2021
    Il 26 aprile dovrebbe in teoria essere la data delle riaperture. Nessun via libera: rimangono mascherine, coprifuoco alle 22, divieti di assembramento e zone rosse, arancio e gialle. Si aggiunge la novità del pass: “lasciapassare” che attesta l’avvenuta vaccinazione o l’esito negativo del tampone effettuato nelle 48 ore precedenti. Ecco le regole
  • Politica e trasporti
    01 Aprile 2021
    Esattamente come un anno fa a quest’ora, gli italiani si preparano ad un’altra Pasqua (semi)blindata. L’intero paese va in zona rossa per tre giorni, con tutte le conseguenze che ormai conosciamo bene. Esistono comunque alcune deroghe per spostamenti, visite ad amici e parenti, seconde case e pranzi in famiglia
  • Politica e trasporti
    15 Marzo 2021
    Da lunedì sono in zona rossa Campania, Emilia-Romagna, Friuli-Venezia Giulia, Lazio, Lombardia, Piemonte, Veneto, Marche, Molise, Puglia, Trento. Ecco le regole riguardo seconde case, spostamenti, negozi aperti, attività sportiva e visite ad amici e parenti