NOVITA' MOTOCICLISMO

Revisioni moto 2018 - Dal 20 maggio nuove regole: ecco cosa cambia

Le revisioni auto e moto diventano più scrupolose e accurate e gli esiti dei controlli riassunti in una pagella con giudizi mirati per i difetti riscontrati. Le officine devono inoltre certificare il totale dei chilometri percorsi al momento del controllo

Revisioni moto 2018 - Dal 20 maggio nuove regole: ecco cosa cambia
Revisioni più attente
Dalla prossima settimana entrerà in vigore il nuovo sistema di revisione dei veicoli a motore: dopo il 20 maggio le verifiche obbligatorie saranno più scrupolose e dettagliate. Due o quattro ruote, il veicolo sarà esaminato più attentamente e valutato con una pagella “generale" che mostrerà le prove sostenute e il giudizio tecnico relativo ai risultati dei test, evidenziando con dei voti (lieve, grave o pericoloso) eventuali malfunzionamenti riscontrati. In più le officine che si occuperanno della revisione avranno l’obbligo di certificare il totale dei chilometri percorsi al momento del controllo. Quest’ultima modifica mira anche a scongiurare la possibilità di eventuali “taroccamenti” - come spesso se ne verificano - in caso di vendita dell'usato. Inoltre collegandosi al Portale dell’Automobilista del Ministero dei Trasporti e inserendo il numero di targa, sarà possibile controllare gratuitamente lo stato delle revisioni a cui un veicolo è stato sottoposto e il chilometraggio registrato per ognuna di esse.
Non cambiano invece tempistiche e costi. La revisione continuerà a essere obbligatoria dopo quattro anni dalla prima immatricolazione e, successivamente, ogni due anni. Stesso discorso per le tariffe, che rimangono di 66,88 euro nei centri autorizzati e di 45 euro negli uffici provinciali della Motorizzazione, dove però è necessaria la prenotazione. Invariate anche le sanzioni per chi circola non in regola: se contestata durante la guida, la revisione scaduta costa una multa compresa tra i 169 e i 680 euro, raddoppiando in caso di recidiva per omessa revisione auto/moto. Inoltre il mezzo non potrà più circolare, se non per recarsi all’officina e procedere alla revisione. 
NOTIZIE CORRELATE
  • News
    21 Febbraio 2019
    La settimana prossima a Milano entrerà in funzione la famigerata Area B, una zona, che comprende gran parte della città, a cui non potranno accedere i veicoli ritenuti più inquinanti, ecco tutti i blocchi che riguardano moto e scooter
  • News
    27 Dicembre 2018
    Causa aggiornamento all’inflazione, le multe stradali saranno dal 1 gennaio  2019 un pochino più care. Gli aumenti stimati sono nell’ordine del 2,2% ma i Codacons sottolineano il problema di fondo: “ non si devono aumentare le multe se prima non si assicura che i fondi tornino agli automobilisti in termini di qualità delle strade, dei servizi e di sicurezza stradale"
  • News
    26 Dicembre 2018
    Una nuova sentenza della Cassazione chiarisce che la segnalazione del limite di velocità deve necessariamente essere ripetuta dopo ogni intersezione, pena l'annullabilità delle sanzioni