NOVITA' MOTOCICLISMO

Revisioni moto 2018 - Dal 20 maggio nuove regole: ecco cosa cambia

Le revisioni auto e moto diventano più scrupolose e accurate e gli esiti dei controlli riassunti in una pagella con giudizi mirati per i difetti riscontrati. Le officine devono inoltre certificare il totale dei chilometri percorsi al momento del controllo

Revisioni moto 2018 - Dal 20 maggio nuove regole: ecco cosa cambia
Revisioni più attente
Dalla prossima settimana entrerà in vigore il nuovo sistema di revisione dei veicoli a motore: dopo il 20 maggio le verifiche obbligatorie saranno più scrupolose e dettagliate. Due o quattro ruote, il veicolo sarà esaminato più attentamente e valutato con una pagella “generale" che mostrerà le prove sostenute e il giudizio tecnico relativo ai risultati dei test, evidenziando con dei voti (lieve, grave o pericoloso) eventuali malfunzionamenti riscontrati. In più le officine che si occuperanno della revisione avranno l’obbligo di certificare il totale dei chilometri percorsi al momento del controllo. Quest’ultima modifica mira anche a scongiurare la possibilità di eventuali “taroccamenti” - come spesso se ne verificano - in caso di vendita dell'usato. Inoltre collegandosi al Portale dell’Automobilista del Ministero dei Trasporti e inserendo il numero di targa, sarà possibile controllare gratuitamente lo stato delle revisioni a cui un veicolo è stato sottoposto e il chilometraggio registrato per ognuna di esse.
Non cambiano invece tempistiche e costi. La revisione continuerà a essere obbligatoria dopo quattro anni dalla prima immatricolazione e, successivamente, ogni due anni. Stesso discorso per le tariffe, che rimangono di 66,88 euro nei centri autorizzati e di 45 euro negli uffici provinciali della Motorizzazione, dove però è necessaria la prenotazione. Invariate anche le sanzioni per chi circola non in regola: se contestata durante la guida, la revisione scaduta costa una multa compresa tra i 169 e i 680 euro, raddoppiando in caso di recidiva per omessa revisione auto/moto. Inoltre il mezzo non potrà più circolare, se non per recarsi all’officina e procedere alla revisione. 
NOTIZIE CORRELATE
  • News
    11 Settembre 2018
    Dal 2006 è entrato in vigore il sistema dell'indennizzo diretto che prevede sia l'assicurazione della "vittima" a risarcire i danni. La vecchia modalità rimane però operativa in molte fattispecie, come ad esempio quando sono coinvolti più di due veicoli. In tali casi la richiesta danni andrà formulata nei confronti dell’assicurazione del danneggiante. Vediamo quali sono
  • News
    30 Maggio 2018
    I Tutor sulle autostrade siano stati disattivati ed entro luglio cominceranno ad essere sostituiti con quelli nuovi. Nel frattempo oltre che sul buon senso di automobilisti e motociclisti, si farà affidamento sull’operato delle pattuglie della stradale, sugli autovelox e sui TruCam
  • News
    29 Maggio 2018
    Nuovo capitolo per la telenovela dei Tutor, la Corte di Appello di Roma ha respinto l’istanza di Società Autostrade che chiedeva di sospendere la disattivazione del sistema. In attesa di una sentenza della Cassazione, sembra che i Tutor siano effettivamente spenti