NOVITA' MOTOCICLISMO

Promossi&Bocciati: strike mondiale di Lorenzo, Marquez saluta la compagnia

Marc approfitta della carambola innescata da Jorge e scappa a +37 nel mondiale. Il maiorchino fa un enorme regalo al compagno di squadra, proprio nel momento di maggiore tensione tra i due. Il campionato si consola con la prestazione incredibile di Quartararo: il rookie francese sfodera la seconda pole e il primo podio in MotoGP al termine di una gara che ha resuscitato anche la Yamaha

Promossi&Bocciati: strike mondiale di Lorenzo, Marquez saluta la compagnia
Uno strike mondiale, una rincorsa partita troppo tardi, il nuovo che avanza comunque: il Gp di Catalunya si rivela imprevedibile, terribile per tutti i big tranne che per Marquez. Guido Sassi ci racconta Promossi&Bocciati della gara che ha cambiato il volto del mondiale.

Se piangi, se ridi
Con 4 vittorie in 7 gare e 37 punti di vantaggio in campionato, Marc Marquez è indiscutibilmente bravo, oltre che fortunato come solo i vincenti riescono a essere. Eppure il 93 non è una stella solitaria che brilla nel cielo di Barcellona: Fabio Quartararo si porta a casa una pole e un secondo posto conquistato con grande velocità e una condotta di gara matura. Il francese - partito ancora una volta in maniera non impeccabile-, non si è fatto prendere dalla foga di recuperare ed è stato premiato. Quando era quarto alle spalle di Petrucci e Rins, Fabio ha aspettato il momento giusto, poi li ha attaccati e battuti entrambi. El Diablo sarebbe salito sul podio anche da terzo classificato e ad appena 20 anni sarebbe stato comunque un risultato straordinario; Quartararo però a Barcellona è stato grande proprio perché non ha osato niente di più di quanto avrebbe potuto e niente di meno di quanto effettivamente ha fatto. Il francese nel finale ha agguantato il secondo posto, girando sull’1’40 alto/1’41” basso: se fosse stato davanti fin dall’inizio forse avrebbe dato addirittura qualche grattacapo anche a Marquez. Da inizio stagione il pilota Petronas è caduto solo una volta, nelle FP3 di sabato: altro che debuttante!
Se Quartararo ha corso da campione consumato, Lorenzo ha fatto un errore che in molti hanno giudicato da rookie. Il maiorchino si è fatto ingolosire dalla possibilità di cancellare un brutto inizio di stagione con una prestazione monstre già dai primi giri. Lorenzo ha voluto dimostrare a tutti la propria competitività e invece ha fatto strike di Dovizioso, Vinales, Rossi. Forse voleva andare a liderare, o forse solo mettere il sale sulla coda di Marquez; il 99 però ha finito per fare a Marc il regalo più grande: mezzo mondiale servito in uno sciagurato tackle sul povero Dovizioso, in un terribile domino che ha abbattuto quasi tutti i protagonisti del campionato. Era necessario entrare così al secondo giro? Forse tutto il nervosismo accumulato dall'inverno scorso a oggi ha avuto la sua parte nell'irruenza mostrata da Jorge.

Oscar del sorpasso
Qua vince Marquez, perché il tempismo con cui si è tolto dai guai ha del diabolico: “Ho capito che la situazione era critica e ho provato ad andare” ha spiegato Marc nel dopo gara, rivelando il perché di un attacco portato subito a Dovizioso, mentre pochi centimetri più in là, qualche decimo di secondo più tardi si sarebbe scatenato il finimondo. Il campione del mondo alla 10 ha portato a casa forse il sorpasso dell'anno per il peso specifico della manovra sugli equilibri della stagione: una staccata profonda e precisa, conclusa nonostante Andrea abbia provato a resistere prendendo il freno in mano molto tardi. Povero DesmoDovi: aveva preso la testa della gara grazie a una partenza eccellente e a una gran manovra su Marquez, ma torna a casa con il costume di Paperino. Sfortunatissimo: nella personale collezione di incolpevoli incidenti accumulati in tre anni, quello di Barcellona si aggiunge a Jerez 2018 (a tre con Pedrosa e Lorenzo), Argentina 2017 (A. Espargaro), Austin 2016 (Pedrosa), Argentina 2016 (Iannone).

Data check
Dove il grip non è perfetto lo spettacolo del motomondiale recupera anche la Yamaha come protagonista, altrimenti sono dolori: benino in Qatar, bene in Argentina e Texas, male a Jerez, in Francia, al Mugello, di nuovo bene al Montmelò: la M1 rimane un mistero al variare della combinazione temperature/asfalto, così come resta una moto tutto sommato valida sul giro secco. 3 pole per Yamaha, 4 per Honda, zero per Ducati e Suzuki. Il 4 in linea di Iwata va misurato sulla distanza gara, eppure ieri Quartararo ha retto dall'inizio alla fine. Paradossalmente però la notizia non è che sia delle migliori: il buon risultato non è arrivato grazie a novità tecniche di rilievo, per cui rimane semplicemente frutto di come la moto si adatta alla pista e alle condizioni che incontra. I test del lunedì ancora una volta non portano novità sostanziali, la prima deadline da considerare rimane Brno a metà campionato.

Meditate gente
Marquez in gara ha girato tra l’1’41”8 e l’1’40”5, Quartararo tra l’141”6 e l’140”5, Rins tra l’1 41”8 e l’1’40”8, Petrucci tra l’141”9 e l’1’40”8. Tempi simili in momenti diversi, ma il range è rimasto lo stesso un po’ per tutti, a suggerire che il gran premio sarebbe stato piuttosto combattuto nonostante moto diverse e scelte di gomme differenti. Il campionato sarebbe quindi vivissimo al netto di avvenimenti impronosticabili. Il punto però è proprio questo: ogni volta che qualcosa esula dall’ordinario (condizioni meteo, consumi anomali di gomme, partenze caotiche, “casini” vari in pista), a turno ne fanno le spese tutti tranne Marquez. Sarà davvero solo un caso o siamo di fronte a un pilota svelto di cervello forse ancora più che sulla moto?
NOTIZIE CORRELATE
  • Fuoriserie
    16 Luglio 2019
    Partendo da una Yamaha XSR 700 i customizer portoghesi Nuno Capelo e Ricardo Santos hanno creato una special, ispirata alle enduro anni 80, che in fuoristrada sa andarci per davvero
  • News
    16 Luglio 2019
    Lo scorso fine settimana la Superbike ha disputato il nono round del campionato a Laguna Seca, un appuntamento ricco di colpi di scena. Ne abbiamo parlato con Max Temporali, telecronista ufficiale delle derivate di serie, che ha dato una sua lettura della “crisi” di Alvaro Bautista e ha fatto il punto su questa prima parte di stagione
  • Spy
    15 Luglio 2019
    Continuano i test di collaudo di quella che con tutta probabilità dovrebbe essere la nuova Panigale 959. Per lei ci saranno un frontale “da V4”, un ritocchino al motore e qualche CV in più. La vedremo senza dubbio a EICMA 2019, questo autunno