NOVITA' MOTOCICLISMO

Polini cala un poker ad Eurobike

Sono quattro le bici a pedalata assistita equipaggiate con il kit E-P3 esposte dal produttore lombardo alla rassegna tedesca: due mountain bike, una e-road e una gravel a riprova della versatilità del sistema elettrico Polini

Polini cala un poker ad Eurobike
Fino a 200 km di autonomia
Le novità di Polini a Eurobike non riguardano il sistema elettrico E-P3, ma i sempre più numerosi costruttori di bici a pedalata assistita che scelgono il kit lombardo per la propria gamma di e-bike. Allo stand della rassegna tedesca i modelli esposti erano quattro, compresa la mountain bike di Fm Bike svelata al Cosmo Bike Show dello scorso anno. Le news riguardano un’altra e-MTB, una e-road e una gravel. La prima è la proposta dalla Titici, azienda artigianale di Castelnuovo Asola, in provincia di Mantova, che dal 1961 produce modelli raffinati con tecnologie innovative e al debutto nel mondo delle biciclette a pedalata assistita proprio con l’offroad firmata da Polini. L’e-road è realizzata da un altro artigiano di pregio, la Ciöcc di Curno, non lontano da Bergamo. Il modello presentato è la e-Veloce, bici da corsa costruita con le tecniche delle migliori “specialissime”. La gravel porta sul telaio il nome di un marchio più conosciuto, Bianchi, che sta puntando molto sui sistemi lombardi per la propria gamma elettrica come dimostrano le e-road Impulso e la e-sport E-Doardo. Un quartetto, quello esposto da Polini, che conferma le doti del kit E-P3, in particolare in termini di versatilità, peso contenuto e ingombri minimali che ne agevolano l’assemblaggio su diverse tipologie di e-bike. Ricordiamo che il Polini E-P3 ha motore centrale da 250 W con 70 Nm di coppia abbinato a batterie da 500 Wh che richiedono 4 ore per una ricarica completa. L’autonomia varia in base al modello e al livello di assistenza utilizzato (in totale sono 5), con la modalità più bassa che eroga energia per il 30% della forza impressa sui pedali e consente escursioni lunghe fino a 200 km. Per contro sfruttando il livello più alto che permette di usufruire di un supporto del 350% l’autonomia non supera i 70 km. Il sistema è dotato di funzione walk per muoversi a 6 km/h senza pedalare e di tre sensori per la gestione ottimale della pedalata: di coppia, di velocità e di cadenza della pedalata.
NOTIZIE CORRELATE
  • Green Planet
    18 Settembre 2018
    Dal 27 al 29 settembre si tiene a Palazzo Lombardia la seconda edizione di e_mob, la Conferenza nazionale della mobilità elettrica con l’intento di favorire la diffusione dei veicoli a emissioni zero. Il programma prevede la redazione di linee guida per incrementare la rete di ricarica e per facilitare il “rifornimento”. Sabato 29 il raduno di veicoli a batterie e gli incontri con il “popolo elettrico”
  • Green Planet
    09 Settembre 2018
    Presentati alla fiera tecnologica tedesca IFA tre nuovi modelli del marchio del Gruppo Esprinet, tra cui il prototipo Doc Pro 2 ispirato alle motard e con sospensioni, freni a disco e impronta sportiva. Già in commercio le altre due novità, il compatto e leggero Doc Eco 2 ideale per muoversi rapidamente in città e il monopattino pensato per i teenager Doc Light
  • Green Planet
    21 Agosto 2018
    Con il S Mag il produttore tedesco porta a quattro il numero di motori per le bici a pedalata assistita. L’unità al debutto è pensata per le mountain bike di alto di gamma e ha un involucro in magnesio e nuovi ingranaggi che riducono peso e ingombri rispetto ai predecessori. Migliorato pure il software per elevare il supporto elettrico dal 380 a 410% e per incrementare le prestazioni in offroad