NOVITA' MOTOCICLISMO

Pirelli: i dipendenti donano 7.000 ore di lavoro all'ospedale Sacco

I dipendenti Pirelli hanno donato circa 7.000 ore di lavoro per l'acquisto di dispositivi medicali destinati all'ospedale Sacco di Milano. L'iniziativa si aggiunge a quelle già prese dall'azienda che ha fornito macchinari per la ventilazione assistita, tute e mascherine

Pirelli: i dipendenti donano 7.000 ore di lavoro all'ospedale Sacco
Un aiuto concreto
L'iniziativa si chiama "Insieme per l'Italia, insieme per la ricerca" ed è volta a supportare la Lombardia nell'emergenza Coronavirus. I dipendenti Pirelli hanno infatti donato il valore di oltre 7.000 ore di lavoro all'ospedale Sacco di Milano, per un valore di circa 220.000 euro che sono stati raddoppiati da Pirelli stessa. A questa cifra si vanno ad aggiungere circa 300.000 euro ottenuti dai contributi dei partner del marchio per un totale di quasi 750.000 euro. I fondi raccolti serviranno per l'acquisto di dispositivi medicali per gestire l'insufficienza respiratoria dei degenti nel reparto di terapia intensiva del Sacco e contribuire alla ricerca. Pirelli, in collaborazione con Regione Lombardia era già scesa in campo fornendo 65 dispositivi per la ventilazione assistita, 5.000 tute per utilizzo sanitario sterile e 20.000 mascherine. Spiega Marco Tronchetti Provera, amministratore delegato del marchio: "Il mondo Pirelli è vicino a chi oggi è in prima linea per affrontare questa emergenza, ed è al fianco di medici, infermieri e operatori del sistema sanitario. A loro va il nostro ringraziamento". Uno sforzo notevole per i dipendenti e per il produttore milanese che in questi giorni, a causa della diffusione del virus, ha fermato gli impianti di Settimo Torinese e Bollate, in linea con le recenti indicazioni governative.


NOTIZIE CORRELATE
  • News
    03 Aprile 2020
    KTM non parteciperà quest’anno a nessuna manifestazione fiera o esposizione a livello globale. L’annuncio, immediatamente successivo a quello di BMW, mina gravemente la prossima edizione di EICMA: è chiaro che ulteriori defezioni potrebbero spingere gli organizzatori a rimandare tutto al 2021
  • News
    03 Aprile 2020
    Pronta ad ospitare gli oltre 40mila visitatori ogni anno provenienti da tutto il mondo, la cittadina bavarese di Garmish-Partenkirchen rinuncia quest’anno ai “suoi” BMW Motorrad Days. A darne notizia è la stessa BMW, costretta a rimandare l’evento a causa dell’emergenza Coronavirus
  • News
    03 Aprile 2020
    Com’era purtroppo assai facile da immaginare, il mercato delle due ruote nel mese di marzo ha fatto segnare numeri disastrosi. Il calo ha superato, rispetto allo stesso mese del 2019, il 65%. Dati difficili da commentare: la speranza è quella di tornare presto in sella