NOVITA' MOTOCICLISMO

Obbligo mascherina: in moto non serve se...

Oggi scatta l’obbligo di avere sempre con sé la mascherina e di indossarla all’aperto, chi non rispetterà queste nuove disposizioni rischia una sanzione che parte da 400 euro e arriva a 1.000 euro. Previste delle eccezioni per chi usa moto, bici e auto, vediamo quali sono

Obbligo mascherina: in moto non serve se...
Sotto il casco niente mascherina
Il governo ha deciso per l’immediata entrata in vigore dell’obbligo di mascherina all’aperto. Le regole, in vigore da oggi giovedì 8 ottobre, sono quelle annunciate martedì dal ministro della Salute Roberto Speranza: “valutiamo l’estensione dell’obbligo di utilizzare la mascherina anche all’aperto, in maniera continuativa e in ogni situazione, anche con gli amici”, aveva detto Speranza alla Camera. Il “mancato rispetto delle misure di contenimento”, prevede il decreto, “è punito con la sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 400 a euro 1.000”. La mascherina (che va sempre portata con sé) può non essere indossata se si è in auto da soli o con i persone conviventi mentre va indossata se in auto c'è una persona non convivente che deve obbligatoriamente sedere sui sedili posteriori. Anche con le moto va indossata se si una un casco Jet e il passeggero (de può essere solo un convivente) deve indossarla, ricordiamo poi che già durante il lockdown non era obbligatoria indossando il casco integrale e questa regola dovrebbe essere ancora valida.

Iil nuovo Dpcm prevede anche mute da 400 a 1.000 euro per chi non rispetta le disposizioni e possibile sanzione amministrativa accessoria con chiusura dell’esercizio o dell’attività da 5 a 30 giorni per i gestori che non dovessero far rispettare le regole all’interno dei propri locali e ben più pesanti sanzioni penali - arresto da 3 a 18 mesi in aggiunta all’ammenda da 500 a 5.000 euro - per chi dovesse violare l’obbligo di quarantena.

 



NOTIZIE CORRELATE
  • Politica e trasporti
    24 Novembre 2020
    Previsto per il 3 dicembre, il cosiddetto dpcm di Natale non sembrerebbe prevedere particolari deroghe per quanto riguarda spostamenti e libera circolazione. Forse - ma i dubbi sono tanti -  ai “comprovati motivi” dell’autocertificazione potrebbe aggiungersi quello del ricongiungimento familiare mentre l’inizio del coprifuoco slittare di un’ora al massimo
  • Industria e finanza
    23 Novembre 2020
    Per incentivare gli acquisti di Natale e “dare un po’ di respiro ai commercianti”, il governo sarebbe alle prese con lo studio di un Cashback extra valido per gli acquisti di dicembre. Come il cashback "normale" anche questo si potrebbe usare per l'abbigliamento e quindi anche quello da moto. Vediamo come funzionano le regole
  • Politica e trasporti
    20 Novembre 2020
    Il governo sarebbe al lavoro su un nuovo dpcm in vigore dal 3 dicembre. L’ipotesi è quella di consentire l’apertura dei negozi, di bar e ristoranti anche la sera, ma solo nelle regioni gialle e arancioni. La prima data utile per la promozione in una zona a rischio inferiore sarà quella del 27 novembre