NOVITA' MOTOCICLISMO

Multa accertata con autovelox: è nulla se la strada non presenta alcuni requisiti

Il capitolo delle multe accertate tramite autovelox si arricchisce di nuovi particolari, da utilizzare, soprattutto, per farsele annullare. L’ultimo trend giudiziario si sostanzia nell’accoglimento dei ricorsi contro le multe per eccesso di velocità, accertate mediante autovelox, quando la strada non presenta certe caratteristiche. 

Multa accertata con autovelox: è nulla se la strada non presenta alcuni requisiti
Occhio alla strada
Secondo i giudici della Cassazione, le strade “ad alto scorrimento”, per loro natura, male si prestano all'accertamento con stop del veicolo, poiché costringerebbero il guidatore a repentine frenate, ponendo così a repentaglio l'incolumità dei soggetti che viaggiano.
In linea con quanto deciso dai giudici di legittimità, multa alla mano, bisogna verificare su quale tipologia di strada l’infrazione è stata accertata:
• autostrade;
• strade extraurbane principali;
• strade extraurbane secondarie;
• strade urbane di scorrimento;
• strade urbane di quartiere;
• strade locali e itinerari ciclopedonali.
In particolare, la strada “urbana di scorrimento”, per essere tale, deve presentare le particolari caratteristiche elencate dal Codice:
• carreggiate indipendenti o separate da spartitraffico, ciascuna con almeno due corsie di marcia, e un'eventuale corsia riservata ai mezzi pubblici,
• banchina pavimentata a destra e marciapiedi, con le eventuali intersezioni a raso semaforizzate.
Ne consegue che, se la strada definita nel verbale come “urbana di scorrimento” non presenta le sopraelencate caratteristiche, l’eccesso di velocità non poteva essere rilevato con autovelox, con conseguente nullità della multa. Ma, ovviamente, si dovrà passare per il Giudice.
 

 



NOTIZIE CORRELATE
  • News
    22 Giugno 2020
    L’ente che gestisce la strada è tenuto a rimuovere tutte le insidie che possono causare incidenti, altrimenti sarà responsabile di eventuali danni. La Corte di Cassazione ha ribadito il principio secondo cui i danni dovuti alla cattiva manutenzione devono imputarsi al proprietario o al gestore della strada, salvo che questi dia prova del caso fortuito
  • Politica e trasporti
    20 Giugno 2020
    Dopo quasi un anno di palleggio tra il Ministero dell'Interno e quello dei Trasporti, con la Polizia Stradale che chiudeva un occhio (ma non le assicurazioni), la soluzione dei problemi per la circolazione degli scooter L5e a tre ruote in autostrada potrebbe arrivare a metà luglio con la conversione in legge del Decreto Rilancio 
  • News
    11 Giugno 2020
    Il pagamento dei bolli auto e moto in molte regioni italiane è stato sospeso nell’attesa che i blocchi imposti dal lockdown venissero allentati. Ora che gli spostamenti sono liberi e le attività commerciali sono tutte riaperte si può tornare a pagare la tassa di possesso. Ecco l’elenco completo delle regioni che hanno previsto questa agevolazione e i nuovi termini per i pagamenti