NOVITA' MOTOCICLISMO

Multa accertata con autovelox: è nulla se la strada non presenta alcuni requisiti

Il capitolo delle multe accertate tramite autovelox si arricchisce di nuovi particolari, da utilizzare, soprattutto, per farsele annullare. L’ultimo trend giudiziario si sostanzia nell’accoglimento dei ricorsi contro le multe per eccesso di velocità, accertate mediante autovelox, quando la strada non presenta certe caratteristiche. 

Multa accertata con autovelox: è nulla se la strada non presenta alcuni requisiti
Occhio alla strada
Secondo i giudici della Cassazione, le strade “ad alto scorrimento”, per loro natura, male si prestano all'accertamento con stop del veicolo, poiché costringerebbero il guidatore a repentine frenate, ponendo così a repentaglio l'incolumità dei soggetti che viaggiano.
In linea con quanto deciso dai giudici di legittimità, multa alla mano, bisogna verificare su quale tipologia di strada l’infrazione è stata accertata:
• autostrade;
• strade extraurbane principali;
• strade extraurbane secondarie;
• strade urbane di scorrimento;
• strade urbane di quartiere;
• strade locali e itinerari ciclopedonali.
In particolare, la strada “urbana di scorrimento”, per essere tale, deve presentare le particolari caratteristiche elencate dal Codice:
• carreggiate indipendenti o separate da spartitraffico, ciascuna con almeno due corsie di marcia, e un'eventuale corsia riservata ai mezzi pubblici,
• banchina pavimentata a destra e marciapiedi, con le eventuali intersezioni a raso semaforizzate.
Ne consegue che, se la strada definita nel verbale come “urbana di scorrimento” non presenta le sopraelencate caratteristiche, l’eccesso di velocità non poteva essere rilevato con autovelox, con conseguente nullità della multa. Ma, ovviamente, si dovrà passare per il Giudice.
 
NOTIZIE CORRELATE
  • News
    20 Maggio 2019
    Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 17 maggio, il nuovo decreto ministeriale introduce l'obbligo di installare guardrail sicuri sulle strade più a rischio. Ecco cosa prevede la normativa
  • News
    21 Febbraio 2019
    La settimana prossima a Milano entrerà in funzione la famigerata Area B, una zona, che comprende gran parte della città, a cui non potranno accedere i veicoli ritenuti più inquinanti, ecco tutti i blocchi che riguardano moto e scooter
  • News
    27 Dicembre 2018
    Causa aggiornamento all’inflazione, le multe stradali saranno dal 1 gennaio  2019 un pochino più care. Gli aumenti stimati sono nell’ordine del 2,2% ma i Codacons sottolineano il problema di fondo: “ non si devono aumentare le multe se prima non si assicura che i fondi tornino agli automobilisti in termini di qualità delle strade, dei servizi e di sicurezza stradale"