NOVITA' MOTOCICLISMO

MotoGP 2016 Mugello, Vinales in Yamaha con Rossi, è ufficiale

MotoGP mercato piloti – Ormai era il segreto di pulcinella, e oggi è arrivata l'ufficialità: Maverick Vinales sarà il nuovo compagno di squadra di Valentino Rossi nel team ufficiale Yamaha. Lo spagnolo lascerà Suzuki a fine stagione e ha firmato un contratto che lo lega per due stagioni alla casa di Iwata

MotoGP 2016 Mugello, Vinales in Yamaha con Rossi, è ufficiale
Biennio con Vale
A comunicare seccamente il passaggio tanto atteso è stata Suzuki che con un comunicato ufficiale saluta il pilota e lo ringrazia per quanto fatto per lo sviluppo del progetto GSX-RR e "brucia" così sul tempo Yamaha. Questo l'annuncio ufficiale “Tutta la Suzuki è estremamente grata a Vinales per aver contribuito alla crescita del progetto MotoGP e allo sviluppo della Suzuki GSX-RR, e anche per i grandi risultati che sono stati raggiunti” si legge nella nota.
“Il team Suzuki Ecstar continuerà a supportare Maverick in maniera incondizionata fino al termine della stagione 2016, con l’intento di raggiungere risultati ancora migliori nelle restanti prove della MotoGP. Auguriamo a Maverick un brillante futuro
.” Dopo qualche minuto l'ufficialità è arrivata anche da Iwata, che ha annunciato "È con grande piacere che Yamaha Motor annuncia che Maverick Viñales farà parte del team Movistar Yamaha MotoGP per il biennio 2017 e il 2018. Viñales, che è attualmente quinto nella classifica di campionato della MotoGP, sarà partner di nove volte World Campione Valentino Rossi, il cui rinnovo del contratto è stato già annunciato nel marzo di quest'anno." 
Per Vinales, dunque, il biennio 2017-18 sarà sotto i colori del Team Movistar, e soprattutto, a fianco a Valentino Rossi. A questo punto resta da vedere chi prenderà il posto di Vinales in Suzuki, tutte i sospetti convergono su Iannone lasciato "a piedi" da Ducati che a preferito puntare su Dovizioso come compagno di squadra di Jorge Lorenzo. La scelta per la casa giapponese sembra quasi obbligata, Iannone a parte, in giro non ci sono piloti esperti e veloci come lui e la GSX-RR ha bisogno di qualcuno che sappia svilupparla a dovere. Probabilmente nelle prossime ore ne sapremo di più.

 



NOTIZIE CORRELATE