NOVITA' MOTOCICLISMO

Moto Euro 4, nel 2021 ancora in vendita. Le richieste di ACEM

L’associazione dei produttori europei di motocicli chiede una deroga alla normativa che bloccherebbe la vendita degli Euro 4 a partire dal prossimo anno. La finestra si chiuderà il 31 dicembre, troppo presto per smaltire i mezzi invenduti a causa del Coronavirus

Moto Euro 4, nel 2021 ancora in vendita. Le richieste di ACEM
Mercato due ruote
Constatata la grave situazione del mercato e due ruote e le tutt’altro che promettenti evoluzioni, l’ACEM (l'associazione europea dei costruttori moto) torna a chiedere una proroga per i modelli Euro 4.
Secondo le normative europee dal 1 gennaio la vendita di moto Euro 4 sarebbe vietata, salvo limitate concessioni. Il rischio è che migliaia di pezzi, fermi nei magazzini delle concessionarie, rimangano invenduti, con enormi danni per l’economia dell’intero settore. In questi mesi di lockdown, d’altra parte, il mercato delle due ruote, in Italia come in Spagna, in Francia, in Germania e, in generale, in tutta Europa, ha subito infatti una considerevole battuta d’arresto. Guardando ai soli dati di casa nostra, la situazione risulta assai grave: il mercato di aprile ha chiuso con un netto quanto atteso - 97% sullo stesso mese dell’anno scorso, mentre i primi quattro mesi del 2020 hanno segnato un - 47% su base annua. Ci sia augura che la fase 2 possa in qualche modo aiutare a recuperare, ma le perdite sono state ingenti e, di qui alla fine dell’anno, è difficile sperare di vendere tutti i modelli rimasti nei magazzini. La richiesta di ACEM è molto semplice: permettere la vendita degli Euro 4 anche per tutto il 2021.
Con il progressivo riavvio dell'attività – ha commentato Antonio Perlot, segretario generale ACEM -, i dati per i prossimi tre mesi ci forniranno una visione più chiara dell'impatto finale del coronavirus. Tuttavia è chiaro che il 2020 sarà un anno molto difficile per il settore, con straordinarie interruzioni delle attività di produttori, concessionari e fornitori. Stiamo collaborando con le amministrazioni dell'UE e quelle nazionali per trovare una soluzione al problema dei veicoli Euro 4 in eccesso. Questo richiederà una revisione della legislazione attuale per garantire che i concessionari di tutta Europa possano riprendersi dall'effetto della crisi il più presto possibile”.

 



NOTIZIE CORRELATE
  • News
    15 Giugno 2020
    L’emergenza sanitaria ed il conseguente stop alle attività hanno avuto un impatto enorme sull'economia mondiale, con danni ancora da misurare. Non ne è uscito illeso nemmeno il mercato delle due ruote che tuttavia, a differenza di altri, potrebbe avere le carte in regola per riprendersi più rapidamente
  • News
    08 Aprile 2020
    In difficoltà a causa del Coronavirus, l’industria delle due ruote si appella alla Commissione Europea per chiedere una deroga in fatto di emissioni e normative antinquinamento. Le associazioni chiedono una proroga per la vendita degli Euro 4 di almeno 6 mesi
  • News
    30 Marzo 2020
    A causa del fermo delle attività imposto dalla pandemia di Coronavirus il settore moto rischia di veder sfumare circa 300.000 posti di lavoro. Questo è l'allarme lanciato dall'ACEM che ammonisce: "Politica e industria dovranno lavorare assieme per limitare i danni"