NOVITA' MOTOCICLISMO

Mondiale moto, le gare tornano sul circuito di Spa

I proprietari del circuito sono intenzionati a farlo rientrare ed è già partito un progetto che mette in campo 80 milioni di euro per attuare tutti i lavori di adeguamento. Già nel 2022 è  previsto che il circuito di Spa-Francorchamps ospiti una gara iridata: una prova di 24 ore del campionato del mondo Endurance

Mondiale moto, le gare tornano sul circuito di Spa
Si torna i Belgio
Al circuito belga di Spa-Francorchamps sono legate pagine epiche del motomondiale: era uno dei tracciati più veloci del campionato, con curvoni temibili come la famosa esse della Eau Rouge alla quale faceva contrasto lo strettissimo tornante de La Source, ma soprattutto con caratteristiche di sicurezza oramai inconciliabili con le prestazioni delle moto moderne. Da parecchi anni Spa era fuori dal giro delle gare iridate.
Ora però i proprietari del circuito sono intenzionati a farlo rientrare ed è già partito un progetto che mette in campo 80 milioni di euro per attuare tutti i lavori di adeguamento. È previsto che venga portato a termine in una decina di anni e che vengano realizzati spazi di fuga più ampi per cinque curve: La Source, Radillon, Blanchimont, Les Combes e Stavelot. Ci saranno anche interventi sulle tribune: verranno ristrutturate e coperte, e ce ne sarà una della capienza di 4600 posti nella zona del Radillon che consentirà di spingere lo sguardo fino a La Source.
Un livello di sicurezza accettabile però dovrebbe venire raggiunto molto prima dei 10 anni, perché è previsto che già nel 2022 il circuito di Spa-Francorchamps ospiti una gara a validità iridata: una prova di 24 ore del campionato del mondo Endurance. Questo richiede di portare gli standard di sicurezza a un livello sufficiente a conseguire la “licenza B”, quella che consente anche l’effettuazione di gare del campionato mondiale Superbike.
Per le prove del campionato MotoGP invece è necessario il massimo livello di licenza, la ”A”; per il momento non è prevista ma non viene escluso che in un secondo tempo gli interventi sul circuito possano spingersi fino a quel punto.