NOVITA' MOTOCICLISMO

L'assicurazione non paga se si impedisce l’ispezione del mezzo

Dopo aver subito un danno in un sinistro stradale, bisogna sempre mettere a disposizione della compagnia il veicolo incidentato. Se negate l'ispezione, l'assicurazione potrebbe legittimamente negare il risarcimento

L'assicurazione non paga se si impedisce l’ispezione del mezzo
Il mezzo deve essere messo a disposizione
Chi ha subito un danno al proprio mezzo in un sinistro stradale, non può pretendere il risarcimento dei danni, se impedisce alla compagnia di assicurazione di ispezionare il mezzo stesso e, quindi, di formulare un’offerta risarcitoria congrua rispetto al danno effettivamente subito dal veicolo. Questo è il recente pronunciamento della Corte di Cassazione (Sentenza n. 1829 del 25 gennaio 2018), che è stata chiamata a decidere sul ricorso presentato da un uomo che lamentava di aver subito dei danni materiali alla propria bicicletta, ma di fatto aveva negato alla compagnia del danneggiante di ispezionare il veicolo incidentato.
E’ stato infatti osservato che il Codice delle assicurazioni (art. 145) impedisce di promuovere la causa per il risarcimento, da parte di colui che lamenta un danno, se costui ha violato i principi di correttezza e di buona fede e, ad esempio, ha di fatto reso impossibile alla compagnia di fare una congrua offerta (ai sensi dell'art. 148 dello stesso Codice delle assicurazioni). L’ispezione del mezzo danneggiato rappresenta sicuramente un’operazione fondamentale, sia per la ricostruzione della dinamica dell’incidente che per la successiva ed eventuale quantificazione dell'offerta risarcitoria.
Per offrire un risarcimento adeguato alla riparazione e ripristino del mezzo, sarà infatti necessario che il perito, incaricato dalla compagnia di assicurazione, verifichi il danno effettivamente subito con un’ispezione, e solo successivamente potrà comunicare le sue valutazioni  al liquidatore che, direttamente ovvero per il tramite dell'avvocato, comunicherà al danneggiato l’importo eventualmente liquidabile. Poi sarà al danneggiato decidere se accettare, provare a negoziare, o, se alla fine proprio un accordo non si riesce a trovare, avviare una causa.
NOTIZIE CORRELATE
  • News
    11 Settembre 2018
    Dal 2006 è entrato in vigore il sistema dell'indennizzo diretto che prevede sia l'assicurazione della "vittima" a risarcire i danni. La vecchia modalità rimane però operativa in molte fattispecie, come ad esempio quando sono coinvolti più di due veicoli. In tali casi la richiesta danni andrà formulata nei confronti dell’assicurazione del danneggiante. Vediamo quali sono
  • News
    30 Maggio 2018
    I Tutor sulle autostrade siano stati disattivati ed entro luglio cominceranno ad essere sostituiti con quelli nuovi. Nel frattempo oltre che sul buon senso di automobilisti e motociclisti, si farà affidamento sull’operato delle pattuglie della stradale, sugli autovelox e sui TruCam
  • News
    29 Maggio 2018
    Nuovo capitolo per la telenovela dei Tutor, la Corte di Appello di Roma ha respinto l’istanza di Società Autostrade che chiedeva di sospendere la disattivazione del sistema. In attesa di una sentenza della Cassazione, sembra che i Tutor siano effettivamente spenti