NOVITA' MOTOCICLISMO

Kawasaki Z 900, le SE per avere il massimo

La versione SE della Z 900 monta sospensioni Öhlins e nuovi freni griffati Brembo. Stessa dotazione per la vintage RS, che sfoggia anche la colorazione Yellow Ball ispirata all’originale ”Super Four” della gloriosa Z1 del 1972

Kawasaki Z 900, le SE per avere il massimo
È la sigla ”SE” a identificare la versione della Kawasaki Z 900 edizione 2022 che rappresenta il massimo livello della supernaked di Akashi.


La moto resta la stessa, ma viene arricchita da componentistica di livello elevatissimo che ne migliora le doti di guida e il feeling trasmesso al pilota. Su questa versione premium è montato un nuovo ammortizzatore Öhlins S46 che nel corpo interno racchiude un grande pistone di 46 mm e ha le camere interne dell’olio e del gas separate da un pistone flottante; è regolabile in tutte le funzioni e il precarico della molla è dotato di registro remoto. La forcella ha steli rovesciati di 41 mm, è regolabile in compressione, in estensione e nel precarico, e colpisce per la nuova colorazione dorata: in realtà non è cambiata, però la taratura di base è stata ricalibrata per accordarla alle nuove caratteristiche della sospensione posteriore e portare l’aderenza e la maneggevolezza a un livello superiore.

Nuovi freni
L’altra modifica importante è l’adozione di un nuovo pacchetto freni Brembo: si tratta di due dischi anteriori da 300 mm con pinze monoblocco ad attacco radiale M4.32; la pompa invece è Nissin radiale, ma a differenza di quella del modello standard, il pistoncino interno è di 17,5 mm di diametro invece che di 19,1 mm e il comando avviene attraverso tubi in treccia metallica. Il risultato è una maggiore potenza frenante, alla quale si associa una risposta più lineare alla forza applicata alla leva.
La Kawasaki Z900 SE è disponibile in un’unica colorazione: Metallic Spark Black/Candy Lime Green.

Anche RS
Per chi vuole esagerare, la casa giapponese propone una seconda versione ancora più speciale, la Z900RS SE “Yellow Ball”: le caratteristiche sono le medesime, ma la colorazione si richiama all’originale ”Super Four” della gloriosa Z1 del 1972. Le lettere ”RS” del logo sui fianchi sono rifinite in rosso, i coperchi laterali del radiatore sono in alluminio nero e le ruote hanno un numero di razze maggiore e sono color oro, per marcare ancora di più l’esclusività di questo modello dalla forte ispirazione rétro.
 

 



NOTIZIE CORRELATE
  • Moto
    07 Maggio 2022
    Non una rivoluzione, ma un’evoluzione. Così Kawasaki presentando la nuova KX250 m.y. 2023, rivista sia nel motore che nella ciclistica. Più potente e più fluida ai medi e bassi regimi, l’enduro di Akashi è stata messa a punto guardando all’esperienza maturata dai piloti AMA Supercross e MXGP. Ecco come cambia
  • Spy
    27 Aprile 2022
    Dal Giappone rilanciano la possibilità che Kawasaki sia al lavoro su una versione neo retrò della Z 400, equipaggiata però con il motore quattro cilindri della Ninja ZX- 25R opportunamente rivisto nei valori di alesaggio e corsa. La vedremo anche in Europa? Al momento sembra parecchio difficile
  • Industria e finanza
    20 Aprile 2022
    Piaccia o non piaccia, la “rivoluzione elettrica” è una questione con la quale ormai tutte le Case motociclistiche dovranno fare i conti. Alcune sono in vantaggio rispetto ad altre che, continuando a procrastinare, hanno allungato i tempi di sviluppo dei nuovi modelli…Cerchiamo di fare il punto sulla elettrificazione delle due ruote, prendendo in considerazione le case giapponesi
Filtra tutti i contenuti per marca
Eicma 2021
Moto rubate
Annunci inSella
Moto Fuoriserie
IN EDICOLA
Sul numero di alVolante in edicola
Fresche di lancio già guidate
Green Planet