NOVITA' MOTOCICLISMO

Jeffrey Zani con Italian Circus racconta il Motomondiale degli anni ruggenti

Jeffrey Zani con questo libro ripercorre la storia del motociclismo sportivo italiano attraverso i racconti di chi è stato protagonista in prima persona del circus negli anni Sessanta e Settanta

Jeffrey Zani con Italian Circus racconta il Motomondiale degli anni ruggenti
Il popolo del Motomondiale
Bei tempi quelli in cui il motociclismo era uno sport per sognatori, quando nei paddock di piloti professionisti ce n’erano  pochi, ma di campioni e personaggi davvero tantissimi.
Ce n’era uno, per esempio, che trova il tempo di gareggiare prendendo le ferie dal suo lavoro da tecnico della SIP, o un altro, figlio di un agricoltore, che diventava progettava, per hobby, prototipi in grado di primeggiare sulle piste del Motomondiale. Poi c’erano il “capo indiano” e quello che sotto al casco si infilava le mutandine delle hostess presenti sulla griglia di partenza (è il Migliorati in foto e nella gallery). In quegli anni, i Sessanta e i Settanta, le moto nascevano nelle botteghe e la flotta tricolore impegnata ai massimi livelli raggiungeva cifre incredibili: 26 titoli piloti conquistati in due decenni.
Anni in cui, però, oltre ai titoli, abbondavano anche le storie e i “retroscena” più genuini, i vizi e le virtù.  Aneddoti che hanno contribuito a rendere così magico il Motomondiale e la storia del motociclismo, sforzi e visioni dei personaggi che il giornalista Jeffrey Zani, già co-autore di Cafè Racers e di documentari di cui a lungo abbiamo parlato come Morbidelli e Il Mago Mancini, ha incontrato e "ritratto" in Italian Circus, un libro firmato Giorgio Nada Editore.  Un viaggio  sentimentale nelle vite di 25 icone del motociclismo di un tempo che coinvolge tecnici, costruttori, piloti e addetti ai lavori.
In vendita in libreria al prezzo speciale di 23 euro e sul sito di Giorgio Nada Editore (www.giorgionadaeditore.it), Italian Circus raccoglie le testimonianze di Graziano Rossi, Eugenio Lazzarini, Pier Paolo Bianchi, Silvio Grassetti, Giancarlo Morbidelli, Alberto Ieva, Mario Lega, Walter Migliorati, Artemio Cirelli, Walter Bernagozzi, Primo Melandri, Fermino Fraternali, Giancarlo Cecchini, Franco Dionigi, Paolo Marcheselli, Kocis Elementi, Salvatore Mangione, Vinicio Salmi, Raoul Baronciani, Paolo Campanelli, Guido Mancini, Glauco Sansovini, Giovanni Proni, Soili Karme (Jarno) e  Anna Maria Pasolini (Renzo).