NOVITA' MOTOCICLISMO

Italjet Dragster, prezzo e disponibilità

Di scooter come il Dragster non ne esistono, sfoggia soluzioni tecniche da special come il telaio a traliccio in tubi e la sospensione anteriore con monobraccio. I motori invece sono Piaggio 125 e 200 e le gomme di larga sezione. È già possibile prenotarlo sul sito della casa

Italjet Dragster, prezzo e disponibilità
Scooter speciale
Ritorna il marchio Italjet e ritorna il Dragster, erede di uno scooter che negli anni Novanta fece sensazione e arrivò a vendere 70.000 esemplari in tutto il mondo. Questo naturalmente è tutto nuovo ma ne conserva intatta l’anima e la componente di follia, o di originalità. Bellissimo, elettrizzante e anche un po’ misterioso: sospensione anteriore S.I.S. monobraccio collegata tramite rinvio a un ammortizzatore idropneumatico regolabile nel precarico molla, sistemato orizzontalmente tra le gambe del conducente; sospensione posteriore asimmetrica, con il motore basculante e l’ammortizzatore Bitubo che agisce sulla destra del veicolo. Il telaio a traliccio – unico nel suo genere, come lo fu quello del Dragster dei bei tempi andati – è un’opera d’arte, con due vistosi elementi in alluminio che lo chiudono nella parte posteriore e consentono l’ancoraggio del reggisella. Anteriormente una soluzione analoga, dove le piastre però supportano il perno su cui gira il manubrio, ma lo sterzo è nel mozzo ruota. Carrozzeria ridotta al minimo e parti meccaniche lasciate in vista. Compreso il motore, che è di produzione Piaggio: il noto quattro valvole, qui disponibile sia nella versione di 125 cm3, da 14,9 CV, che in quella di 200 cm3, accreditata di 19,8 CV.
La frenata vede al lavoro un disco di 240 mm davanti e uno di 175 mm dietro, con ruote rispettivamente di 12” e 13” e pneumatici di sezione generosa (120/70 e 140/60.
Ma c’è spazio per uno scooter del genere? Massimo Tartarini, che ha acquisito il marchio che fu del padre, ne è convinto e parla non di scooter ma di urban superbike, qualcosa capace di far sognare: il prototipo esposto all’EICMA lo scorso anno suscitò  un mucchio di commenti positivi. E questo… questo non è un prototipo, andrà in produzione in primavera nel nuovo stabilimento di Bologna e per il primo anno verrà costruito in 499 esemplari, con targhetta numerata e nome del cliente. Costerà 4.900 euro nella versione 125 e 5.400 euro in quella 200. Dal 5 novembre, prima giornata dell’EICMA riservata a stampa e concessionari, era possibile prenotarlo, sul sito: www.italjet.com . «E già ora è arrivato un discreto numero di ordini» gongola Tartarini.

 



NOTIZIE CORRELATE
  • News
    17 Novembre 2023

    Suzuki ha ufficializzato il prezzo della GSX-8R, una delle novità più interessanti presentate a EICMA 2023 

  • News
    16 Novembre 2023

    CFMoto ha svelato a Eicma 2023 il motore a tre cilindri che sarà utilizzato sulla sua nuova sportiva 675SR. Il produttore promette prestazioni ragguardevoli: oltre 100 CV e una dotazione raffinata

  • News
    15 Novembre 2023

    Una delle realtà cinesi più importanti presenti a EICMA era il consorzio XEVITA che riunisce le aziende del distretto di Xishan (un'area capace di sfornare oltre un terzo della produzione mondiale di veicoli elettrici a due ruote) e le aiuta ad affrontare i mercati internazionali. Abbiamo intervistato i vertici del consorzio per capire meglio obiettivi e finalità

Filtra tutti i contenuti per marca
Eicma 2023
Moto rubate
Annunci inSella
Moto Fuoriserie
IN EDICOLA
Sul numero di alVolante in edicola
La Fiat 600 e le sue rivali
Green Planet