NOVITA' MOTOCICLISMO

Italjet Dragster, prezzo e disponibilità

Di scooter come il Dragster non ne esistono, sfoggia soluzioni tecniche da special come il telaio a traliccio in tubi e la sospensione anteriore con monobraccio. I motori invece sono Piaggio 125 e 200 e le gomme di larga sezione. È già possibile prenotarlo sul sito della casa

Italjet Dragster, prezzo e disponibilità
Scooter speciale
Ritorna il marchio Italjet e ritorna il Dragster, erede di uno scooter che negli anni Novanta fece sensazione e arrivò a vendere 70.000 esemplari in tutto il mondo. Questo naturalmente è tutto nuovo ma ne conserva intatta l’anima e la componente di follia, o di originalità. Bellissimo, elettrizzante e anche un po’ misterioso: sospensione anteriore S.I.S. monobraccio collegata tramite rinvio a un ammortizzatore idropneumatico regolabile nel precarico molla, sistemato orizzontalmente tra le gambe del conducente; sospensione posteriore asimmetrica, con il motore basculante e l’ammortizzatore Bitubo che agisce sulla destra del veicolo. Il telaio a traliccio – unico nel suo genere, come lo fu quello del Dragster dei bei tempi andati – è un’opera d’arte, con due vistosi elementi in alluminio che lo chiudono nella parte posteriore e consentono l’ancoraggio del reggisella. Anteriormente una soluzione analoga, dove le piastre però supportano il perno su cui gira il manubrio, ma lo sterzo è nel mozzo ruota. Carrozzeria ridotta al minimo e parti meccaniche lasciate in vista. Compreso il motore, che è di produzione Piaggio: il noto quattro valvole, qui disponibile sia nella versione di 125 cm3, da 14,9 CV, che in quella di 200 cm3, accreditata di 19,8 CV.
La frenata vede al lavoro un disco di 240 mm davanti e uno di 175 mm dietro, con ruote rispettivamente di 12” e 13” e pneumatici di sezione generosa (120/70 e 140/60.
Ma c’è spazio per uno scooter del genere? Massimo Tartarini, che ha acquisito il marchio che fu del padre, ne è convinto e parla non di scooter ma di urban superbike, qualcosa capace di far sognare: il prototipo esposto all’EICMA lo scorso anno suscitò  un mucchio di commenti positivi. E questo… questo non è un prototipo, andrà in produzione in primavera nel nuovo stabilimento di Bologna e per il primo anno verrà costruito in 499 esemplari, con targhetta numerata e nome del cliente. Costerà 4.900 euro nella versione 125 e 5.400 euro in quella 200. Dal 5 novembre, prima giornata dell’EICMA riservata a stampa e concessionari, era possibile prenotarlo, sul sito: www.italjet.com . «E già ora è arrivato un discreto numero di ordini» gongola Tartarini.


NOTIZIE CORRELATE
  • Moto
    10 Dicembre 2019
    Dopo il grande apprezzamento da parte del pubblico a EICMA, Husqvarna ha deciso che la concept Norden 901 sarà la sua prima crossover bicilindrica ad arrivare nelle vetrine dei concessionari
  • Moto
    15 Novembre 2019
    Equipaggiata con il monocilindrico della Duke inserito in questo caso in una ciclistica da fuoristrada, la nuova KTM 390 Adventure è una crossover entry-level, una moto “tutto fare” perfetta per divertirsi su asfalto e sterrato. Ecco come è fatta e quanto costa
  • News
    14 Novembre 2019
    Accanto alla piccola 390 Adventure ed alla 890 Duke R, KTM ha presentat la nuova 1290 Super Duke R, sofisticata super naked che, per il 2020, perde peso e guadagna in potenza. Eccone le caratteristiche ed il prezzo