NOVITA' MOTOCICLISMO

INTMX 2018 - Cairoli vince ancora in Sicilia

Internazionali d’Italia Motocross - A Noto, in Sicilia, si è corso il secondo dei tre round degli INTMX. Renaux, Febvre e Cairoli sono i vincitori, rispettivamente, di MX2, MX1 e SuperCampione. A Mantova il 18 febbraio l’ultimo appuntamento

INTMX 2018 - Cairoli vince ancora in Sicilia
Cairoli comanda l’Elite a punteggio pieno.
Oggi si è corsa la seconda delle tre tappe degli Internazionali d’Italia di motocross, Noto e il suo circuito hanno ospitato l’evento e la pista è risultata sin da subito tanto tecnica quanto impegnativa, seppur meno stancante rispetto a quella incontrata la scorsa domenica a Riola Sardo. I profondi canali di terra decisamente dura, sono stati l’elemento chiave di questa seconda giornata di gara del 2018. Meno ‘big’ al via rispetto alla tappa sarda, assente infatti Anstie e Paulin, per KTM invece era presente solo Tony Cairoli, mentre lo squadrone Yamaha si è presentato al completo anche oggi. Ad aprire le danze la 125, a seguire la gara della MX2 che ha visto Samuele Bernardini centrare l’holeshot e a rincorrerlo il giovanissimo Renaux e Gianluca Facchetti. Dopo pochi passaggi Renaux ha sferrato l’attacco, passando Bernardini e dopo pochi altri è stato Facchetti a prendere la seconda posizione e l'ha mantenuta per quasi tutta la manche. Maxime Renaux è passato per primo davanti alla bandiera a scacchi, seguito da Cervellin, autore di una grande rimonta e Bernardini, a chiudere la top five Facchetti e Tropepe. Samuele Bernardini ha commentato: “Sono contento perché gli INTMX sono più che altro un allenamento, sono salito in moto da poco a causa dell’operazione al ginocchio, sto rodando e tutto va nella direzione giusta.
La gara della MX1 ha visto una grande battaglia tra i primi tre, ad avere la meglio alla fine è il francese Romain Febvre, davanti all’idolo di casa Tony Cairoli e, terzo Jeremy Van Horebeek, davanti a un brillantissimo Ivo Monticelli, rookie della 450, mentre Alessandro Lupino è quinto. A chiudere un’entusiasmante giornata siciliana è la SuperCampione che vede Romain Febvre centrare l’holeshot, seguito da Cairoli e dal compagno di squadra Van Horebeek. Grande confusione nella fase iniziale per la caduta di Manucci, che ha coinvolto Bernardini fortunatamente senza gravi conseguenze, ma ha costretto Febvre a rallentare su un salto perché sventolavano le bandiere gialle. Ne ha approfittato Van Horebeek che, non rispettando il regolamento, lo ha passato, per questa ragione a fine gara è stato retrocesso di dieci posizioni, da secondo a dodicesimo. Fenomenale si è rivelato ancora una volta Tony Cairoli, che ha vinto con 10” di vantaggio e nonostante il "traffico" incontrato in pista, è riuscito a doppiare tutti fino al quinto. A podio dunque Cairoli, Febvre e Lupino. Quarta posizione per Ivo Monticelli, che si conferma in grande forma. Febvre ha commentato: "Sono contentissimo della gara della MX1, nella SuperCampione Van Horebeek mi ha irritato per non aver rispettato il regolamento, ho perso infatti concentrazione e sono caduto ben due volte. Succede, ci vediamo a Mantova!” Prossimo appuntamento il 18 febbraio a Mantova per il gran finale.
NOTIZIE CORRELATE
  • News
    15 Gennaio 2019
    Dopo una gara esemplare che lo vedeva come un possibile candidato per la vittoria, Ricky Brabec rompe il motore della sua Honda ed è costretto a ritirarsi dalla Dakar 2019. Nell’8ª tappa Matthias Walkner batte Toby Price al traguardo, ma quest’ultimo s'impone nella generale portando la KTM in vetta
  • News
    15 Gennaio 2019
    Da giovedì 17 a domenica 20 gennaio torna a Verona il Motor Bike Expo. A pochi giorni dal termine dell’Africa Eco Race 2019, i protagonisti del rally arriveranno nella città veneta per incontrare gli appassionati, tra questi, naturalmente, anche il vincitore Alessandro Botturi
  • News
    14 Gennaio 2019
    A tre tappe dalla fine, la Dakar 2019 ancora non ha un leader indiscusso. Anche nella 7ª tappa la classifica ha subito uno scossone, con la vittoria di Sam Sunderland su KTM e Ricky Brabec su Honda che riprende il comando della generale. Ma i giochi risultano ancora aperti e sono parecchi i piloti che il 17 gennaio a Lima potrebbero alzare il trofeo