NOVITA' MOTOCICLISMO

Guy Martin punta al record di velocità: obiettivo superare le 300 miglia orarie

Guy Martin ci riprova: a quanto pare i 435 km/h raggiunti lo scorso settembre non sono stati sufficienti, il 38enne inglese punta ora al record del mondo. In sella alla sua mostruosa Hayabusa, Guy tenterà di infrangere il muro delle 300 miglia orarie, cioè 482,8 km/h!

Guy Martin punta al record di velocità: obiettivo superare le 300 miglia orarie
Obiettivo 300 miglia orarie

Non contento dei 435 km/h raggiunti in patria lo scorso settembre, l’irriducibile Guy Martin alza ulteriormente l’asticella puntando al record mondiale di velocità. In sella alla mostruosa Suzuki Hayabusa da 830 CV, il 38enne del Lincolnshire guarda ora alla soglia delle 300 miglia orarie, che, tradotto nel nostro sistema metrico, significherebbe qualcosa come 482,8 km/h! 
Un sogno tragicamente inseguito dal collega Bill Warner, attuale detentore del record di velocità con 296 miglia orarie,  morto nel 2013 tentando l’impresa. Ma Guy, che s’è fatto le ossa nelle road races, non è tipo da tirarsi indietro, tutt’altro! La decisione è presa: si può fare ancora meglio di quanto fatto lo scorso anno ma, per raggiungere il tetto del mondo, la straordinaria Hayabusa è stata sottoposta a qualche ritocchino. Appositamente preparata per l’impresa, la Suzuki messa a punto dall’amico Jarrod Frost, è capace di 830 CV (una potenza pari a quella di tre motori di MotoGP!) è stata ulteriormente migliorata. Conferma arriva in tal senso dalle fotografie scattate a Elvington, dalle parti di York, lungo una pista per gare di accelerazione, dove Guy Martin e l’Hayabusa hanno effettuato una serie di test che però, per il forte vento e le condizioni meteo avverse, non sono stati completati. In ogni caso è sicuro: Guy Martin punta con decisione alle 300 miglia orarie.

 



NOTIZIE CORRELATE
  • Moto
    20 Ottobre 2020
    Vestita con il  blu e l’argento delle prime Suzuki da Gran Premio Anni 60, la nuova GSX-R1000R Anniversary festeggia i 100 anni della Casa di Hamamatsu. Dotata di un nuovo scarico Akrapovic in carbonio, è disponibile nelle concessionarie ma in soli 30 esemplari
  • News
    20 Ottobre 2020
    Il meteo cambierà al Motorland e nessuno sa cosa aspettarsi: le Ducati possono solo fare meglio, ma contro le Suzuki di Mir e Rins sarà dura averla vinta. Alla fine del mondiale mancano solo 4 gran premi e Dovizioso deve trovare un modo per riuscire a sfruttare meglio il match tra le Michelin e il motore V4 della sua Desmosedici
  • News
    19 Ottobre 2020
    Brivio celebra sia la vetta del mondiale con Mir che il successo con Rins: Dovizioso non dimentica i malumori con Petrucci ma continua a raccogliere punti per tenere accesa la speranza: sono 15 le lunghezze di distanza dal primo. Yamaha, problemi di pressione: le gomme si rivelano decisive ancora una volta