NOVITA' MOTOCICLISMO

Giro E, una settimana positiva per il team BFD motorizzato Polini

Si è conclusa la prima settimana della Corsa Rosa riservata alle e-bike che ha messo a dura prova i ciclisti dei dieci team in gara a causa della pioggia e di un percorso con salite vere. A uscirne bene è stato la squadra Bike For Dream grazie alle eRoad di Olmo motorizzate dal kit Polini E-P3 che non hanno richiesto la sostituzione delle batterie e hanno fornito la potenza "giusta" per vincere le volate

Giro E, una settimana positiva per il team BFD motorizzato Polini
In gara anche campioni del passato
È stata più impegnativa del previsto la prima settimana del Giro E, il Giro d’Italia riservato alla bici a pedalata assistita. A rendere dura la vita degli e-bikers è stato il maltempo che ha reso arduo pedalare anche nella tappe sulla carta più facili. Non sono mancate comunque le tappe di grande fascino, la più emozionante è stata senz’altro la Chieti-L’Aquila grazie ai panorami mozzafiato, al fascino delle città attraversate e a un pubblico caloroso che ha accolto i ciclisti con arrosticini, tarallucci e bicchieri di vino. A dare vigore alla tappa è stata pure la storica salita fino a le Svolte di Popoli, un'ascesa di seconda categoria lunga 9 km, con un dislivello di 500 metri e una pendenza media del 5,6%, ma con punte che arrivano al 10%. A rendere più impegnativo il tracciato sono stati pure i continui saliscendi e un ultimo chilometro da leggenda: un’impennata al 7,6 per cento medio con una punta dell’11% per arrivare al traguardo in corso Vittorio Emanuele. Difficoltà che hanno reso ancora più emozionante la sfida tra i dieci team in gara in sella a differenti modelli di eRoad che rendono la competizione ancora più stimolante per il confronto tra le diverse tecnologie. Un raffronto che ha fatto emergere le qualità del team con maggiori affinità con il mondo del “motociclismo”, il Bike For Dream (BFD) costituito da ciclisti amatoriali in sella alle Olmo motorizzate con il Polini E-P3. Un kit rilevatosi tra i più efficaci, perché ha permesso di rinunciare alla possibile sostituzione delle batterie a metà percorso e arrivare al traguardo di una frazione di oltre 100 km con ancora autonomia residua grazie ai maxi accumulatori da 500 Wh. Note positive sono arrivate pure in tema di affidabilità ed erogazione della potenza, nonché per la rigidità strutturale fornita dal telaio in carbonio della eRoad di Olmo che ha consentito di sfruttare al meglio la potenza dell’unità E-P3 e di risultare maneggevole e scorrevole. Da segnalare pure la presenza in alcune tappe di due campioni del passato, Angelo Damiano, classe 1938 e iridato olimpico in tandem a Tokyo 64, e Domenico (Nico) De Lillo, 82 anni pistard medagliato ai Mondiali del 1967, 1969 e 1971 e partecipante più anziano del Gruppo elettrico. Entrambi, malgrado l’età, ancora con una buona “gamba” e in grado di finire il percorso con l’aiuto della pedalata assistita. Una settimana quindi positiva per il team BFD che, grazie a Nicola Cocchioni, ha vinto pure due tappe, grazie anche allo spunto "deciso" fornito dal motore bergamasco.

 



NOTIZIE CORRELATE
  • Green Planet
    02 Luglio 2020

    Per celebrare il decennale del primo kit eBike System il costruttore tedesco ha creato il prototipo futurista eBike Design Vision con integrati nel telaio il sistema elettrico e le sospensioni. A omaggiare la decade sono anche Cannondale, Cube e Moustache con tre modelli esclusivi prodotti a tiratira limitata e disponibili dal prossimo autunno con prezzi...per pochi

  • Green Planet
    21 Giugno 2020

    L’aumento delle vendite di bici a pedalata assistita con sistemi di Iwata nel Vecchio Continente ha convinto i responsabili giapponesi ad affidare alla filiale europea la gestione delle distribuzione dei kit PW. Una scelta pensata per fornire un’assistenza più rapida ed efficace ai produttori che adottano i motori Yamaha e, di conseguenza, ai clienti finali

  • Green Planet
    20 Giugno 2020

    La city bike Upstreet5 è proposta in un edizione speciale per celebrare il quarto di secolo del costruttore svizzero. A distinguerla è un’inedita tinta argento, il kit Panasonic GX Ultimate con motore da 90 Nm e batterie da 630 Wh e un equipaggiamento premium comprendente, tra l’altro, il raffinato cambio elettronico nel mozzo a 14 velocità Rohloff E-14. Costa 7.499 euro