NOVITA' MOTOCICLISMO

Furti moto, a Londra è emergenza: il sindaco convoca i produttori

Londra è alle prese con il dilagare di furti e crimini commessi con moto e scooter. Per questo il sindaco Sadiq Khan ha deciso di incontrare alcuni dei principali produttori, chiedendo loro di progettare mezzi con sistemi antimanomissione più efficaci

Furti moto, a Londra è emergenza: il sindaco convoca i produttori
Furti moto Londa
La capitale inglese è da tempo alle prese con un boom di furti di moto e parallelamente, con altrettanto alto numero di crimini commessi in sella moto e scooter rubati. L'anno scorso, solo a Londra, sono stati denunciati oltre 14.000 furti tra motocicli e ciclomotori, significa una media di 65 veicoli al giorno (quelli registrati in tutta la Campania - per dare un’idea della portata del fenomeno -  sono stati, nel 2016, 9.000). A ciò si aggiungono gli oltre 23.000 crimini commessi, sempre lo scorso anno, utilizzando i mezzi rubati. Il problema è serio, tanto da aver spinto il sindaco Sadiq Khan a invitare alla City Hall alcuni tra i principali protagonisti dell’industria motociclistica per riflettere sulle possibili soluzioni. Khan avrebbe parlato con Honda, Suzuki, Yamaha, BMW e Piaggio circa la possibilità di incorporare sui nuovi veicoli sistemi d’antifurto più funzionali e “resistenti”. I produttori, ha spiegato il sindaco, devono lavorare per migliorare gli antifurti sui mezzi, includendo, magari, anche sistemi tracciamento: “È essenziale che i produttori si facciano avanti per aiutarci ad affrontare questo problema alla fonte. In parole povere, la forma e le dimensioni ridotte delle motociclette le rendono fin troppo facili da rubare, e questo deve essere affrontato direttamente in fase di progettazione se vogliamo liberare le nostre strade da questi crimini".
Tra i bersagli più facili di ladri e criminali ci sono gli scooter, più leggeri e più facili da manomettere: il dilagante fenomeno dei furti  ha spinto numerosi possessori di scooter a chiedere l’installazione in città di punti di ancoraggio al suolo che consentano l’utilizzo di catenacci con cui legare i mezzi.
Intanto, sul sito della città, l’amministrazione ha chiarito: “Questo genere di crimini è ormai senza freni, spaventoso e intimidatorio. Non sarà più tollerato nelle strade di Londra. Il sindaco lo considera estremamente grave e si impegna a sostenere pienamente la polizia per reprimere i responsabili”.
Tra le iniziative di cui si sta discutendo, anche quella di dare ai poliziotti di Scotland Yard maggior libertà di azione durante gli inseguimenti, ne parlavamo qui.

 



NOTIZIE CORRELATE
  • News
    04 Settembre 2020
    Tra le numerose "semplificazioni" contenute nel decreto che il Parlamento sta convertendo in legge, c'è anche quella che riguarda la circolazione dei veicoli classificati L5e, i cosiddetti "tricicli". Quando la legge sarà approvata dal Senato e dalla Camera, gli scooter a tre ruote saranno finalmente ammessi in autostrada
  • Notizie dalla rete
    24 Agosto 2020
    La Vespa, molto probabilmente, è lo scooter più famoso al mondo. E come tale spesso ha subito tentativi di plagio. L'ultimo in ordine di tempo è quello della tedesca Kumpan che a EICMA 2018 presentò uno scooter parecchio simile a quello di Pontedera. Piaggio all'epoca fece ricorso, ma l'ente dell'Unione Europea che si occupa di brevetti ha dato ragione alla società teutonica
  • News
    08 Agosto 2020
    Il 3W- Delivery 125cm3 Euro 5 di Piaggio di cui già avevamo visto alcuni brevetti entrerà in servizio per Poste Italiane. Al di là della notevole maneggevolezza, il merito va in particolare alla sua straordinaria capacità di carico