NOVITA' MOTOCICLISMO

Frontale a 113 km/h, salvato dalla tuta con airbag – VIDEO

Questo video è stato diffuso dalla polizia inglese e mostra un tremendo impatto tra un motociclista e un automobilista “distratto”. Fortunatamente il motociclista ha riportato solo alcune fratture, merito, sottolinea la polizia, della tuta in pelle con airbag che indossava

Frontale a 113 km/h, salvato dalla tuta con airbag – VIDEO
Non è un miracolo
Questo video è stato diffuso dalla polizia di South Yorkshire, in Gran Bretagna, e mostra un tremendo incidente che vede un motociclista schiantarsi a 113 km/h contro un’auto che aveva invaso la sua corsia. Fortunatamente il motociclista, che aveva 35 anni ed era in sella a una Suzuki GSXR 1000, ne è uscito vivo, per lui “solo” fratture a schiena, polso e costole. Merito anche del sistema airbag della tuta che indossava La polizia ha commentato così il filmato: "In un mondo ideale, tutti dovrebbero guidare senza distrarsi, purtroppo non è così. L’automobilista non aveva precedenti, ma in questa occasione ha dimostrato una grande mancanza di attenzione. Per fortuna, il motociclista indossava una tuta in pelle con airbag che si è attivato mentre veniva sbalzato. Senza, in una collisione a quella velocità, molto probabilmente sarebbe morto". L’automobilista giovedì scorso è stato condannato a una pena di 16 mesi di carcere e un divieto di guida di tre anni. 


NOTIZIE CORRELATE
  • News
    13 Marzo 2020
    MotoGP news – Maverick Vinales è incappato in una caduta mentre si stava allenando con la moto da cross. Fortunatamente sono escluse fratture, ma lo spagnolo, per precauzione, ha passato la notte in ospedale
  • News
    10 Marzo 2020
    Nel secondo episodio firmato Dainese e dedicato a Valentino Rossi, il pesarese mostra la stanza con tutti i cimeli della sua carriera e affronta temi diversi: dall’amicizia ai luogo dove riesce a sentirsi realmente a “casa”
  • Politica e trasporti
    22 Novembre 2019
    Sembra sia in fase di elaborazione un decreto ministeriale per limitare le facoltà dei comuni di utilizzare gli autovelox. Novità anche per gli scout-speed, “vincolati” alla presenza, sui tratti di strada soggetti a controllo, di adeguati sistemi di comunicazione a messaggio variabile