NOVITA' MOTOCICLISMO

In Francia obbligo di guanti omologati CE dal 20 novembre

Oltralpe è entrata in vigore una modifica al codice della strada, approvata dal Comité interministériel de la sécurité routière il 2 ottobre 2015, che obbliga i motociclisti a indossare guanti certificati CE. Multe di 68 euro e un punto della patente per i trasgressori

In Francia obbligo di guanti omologati CE dal 20 novembre
Devono essere certificati CE
Per chi viaggia su due ruote la sicurezza passiva riveste una grande importanza, e l’abbigliamento ha un ruolo centrale anche se non tutti i motociclisti dimostrano di saperlo. Giacca con paraschiena, stivali, guanti... indossando abbigliamento tecnico la sicurezza, statistiche alla mano, aumenta considerevolmente. Uno degli indumenti più sottovalutati sono i guanti: le mani sono le prime a toccare terra quando si cade, non a caso secondo l’istituto francese TNS Sofres, il 20% delle vittime di incidenti stradali con la moto riportano gravi ferite alle mani. In Francia hanno quindi deciso di correre ai ripari, rendendoli obbligatori sia per il pilota sia per il passeggero. Così, dal prossimo 20 novembre, i motociclisti d’Oltralpe (ma anche gli italiani che passano il confine) dovranno obbligatoriamente indossare e far indossare al passeggero guanti certificati CE. Chi non lo farà incapperà nei rigori della legge, che tradotto in euro significa 68 euro di multa (ma se si paga entro 15 giorni la multa scende a 45 euro) a cui si aggiunge un punto in meno sulla patente. La decisione era stata presa dal Comité interministériel de la sécurité routière il 2 ottobre 2015 e ora diventa operativa. L'Italia seguirà la decisione presa dai cugini d'Oltralpe?


NOTIZIE CORRELATE
  • News
    27 Agosto 2019
    Un giovane di 22 anni che viaggiava in tangenziale a bordo di un monopattino elettrico è stato tamponato da un motociclista. Il ragazzo è la terza vittima dei monopattini e in Francia si riaprono le polemiche: servono leggi chiare e precise che ne regolino la circolazione
  • News
    03 Agosto 2019
    La Francia ha avviato la sperimentazione per l’utilizzo di dispositivi microfonati in grado di rilevare la rumorosità dei veicoli. Per il momento non s’è parlato di multe, anche se le prime rilevazioni hanno già evidenziato numerosi “picchi di rumore” che, forse, potrebbero un giorno essere sanzionati
  • News
    25 Giugno 2019
    Ogni anno, con l’arrivo del caldo, molti motociclisti svestono giubbotti, guanti e stivali, montando in sella senza le giuste protezioni. Sbagliatissimo: l’abbigliamento tecnico, oltre a proteggerci in caso di cadute, è utile anche per schermare il corpo dai picchi di calore che, specialmente nel traffico cittadino, possono essere molto pericolosi