NOVITA' MOTOCICLISMO

A Firenze nasce la Bicipolitana

Presentato il progetto di una rete ciclabile per consentire gli spostamenti sicuri in bicicletta nel capoluogo toscano e nei Comuni limitrofi. Sarà un’infrastruttura con sette direttrici principali e reti di supporto per muoversi dai quartieri fino al centro

A Firenze nasce la Bicipolitana
Investimenti per 5 milioni
Sette linee di colori diversi con tanto di fermate. Non è il piano per lo sviluppo di una nuova metropolitana, ma quello della bicipolitana di Firenze, ossia una serie di percorsi pensati per pedalare in sicurezza nel capoluogo toscano. Un progetto che riprende l’idea nata a Pesaro qualche anno fa e promossa dalla giunta fiorentina in collaborazione con i referenti locali di Legambiente e Fiab, la Federazione italiana della bicicletta. L’intento è unire le ciclabili esistenti,creando una rete con delle direttrici principali che collegano i punti di maggiore interesse della città e consentano di spostarsi velocemente all’interno del territorio e nei Comuni limitrofi. Le “linee” previste sono sette, tutte con un colore dedicato per renderne facile l’identificazione anche a chi è poco pratico della città. Le prime ad essere realizzate saranno due direttrici che attraversano Firenze da est a ovest: la linea 1 (rossa) di 16,8 km (11 già esistenti) che unisce San Donato a Sorgane e la linea 4 (blu) di 16,2 km (15 esistenti) per pedalare dal Piagge al Varlungo seguendo l’argine dell’Arno. A seguire si provvederà al completamento della linea 2 (verde) di 13,4 km (10,6 esistenti) e della linea 3 (celeste) di 24,5 km (16,8 esistenti), rispettivamente pensate per collegare Villa Vogel a Rovezzano e Ugnano all’Anconella. Le altre linee (gialla, arancione e fucsia) saranno realizzate in un secondo tempo e provvederanno a favorire gli spostamenti nella direttrice nord-sud. Alle linee principali si aggiungeranno una rete ciclabile di supporto e quella specifica per muoversi in centro che renderanno capillare tutta l’infrastruttura cittadina. Il progetto prevede un investimento di circa 5 milioni di euro e la realizzazione di 25 km entro il 2019 che si aggiungeranno ai circa 90 km già presenti. Prevista pure la manutenzione delle piste esistenti e l’aggiornamento della segnaletica.
NOTIZIE CORRELATE
  • Green Planet
    14 Agosto 2018
    Bad Bike ha presentato la versione di uno dei suoi modelli di punta con motore centrale, anziché nel mozzo posteriore. Utilizza il kit Polini E-P3 con cinque livelli di assistenza che al massimo può fornire un supporto elettrico del 350% della forza impressa sui pedali. La bici monta batterie da 500 Wh sufficienti per un'autonomia fino a 200 km. La Evo Fat pesa 25 kg, ha gomme balloon da 24” e costa 2.900 euro
  • Green Planet
    06 Agosto 2018
    La fiera della bici a pedalata assistita prevista nel capoluogo lombardo a settembre è stata cancellata per le difficoltà nel raggiungere gli elevati standard qualitativi al quale sono abituati gli organizzatori del festival di Lecco e per la concomitanza di altri appuntamenti. Un annullamento che segue il rinvio di Cosmo Bike Show e il debutto di Italian Bike Festival
  • Green Planet
    12 Luglio 2018
    Sono quattro le bici a pedalata assistita equipaggiate con il kit E-P3 esposte dal produttore lombardo alla rassegna tedesca: due mountain bike, una e-road e una gravel a riprova della versatilità del sistema elettrico Polini