NOVITA' MOTOCICLISMO

Fase 2 - spostamenti tra regioni: tracciamento e test contagi. Le novità

Il liberi tutti che inizierà dal 3 giugno non ha convinto alcuni presidenti delle regioni meno colpite dall'epidemia che temono i contagi portati dai turisti. Per questo il governo darà loro la possibilità di chiedere ai vacanzieri informazioni relative al loro stato di salute e, in generale, a quanto accaduto prima del viaggio

Fase 2 - spostamenti tra regioni: tracciamento e test contagi. Le novità
Vacanze sicure
Tracciati, registrati e schedati: questa la soluzione “di compromesso” trovata dal ministro Boccia per i turisti diretti in regioni (Sicilia e Sardegna soprattutto) che temono contagi "importati". I controlli saranno effettuati in aeroporto e prima di imbarcarsi su navi e traghetti, dove i viaggiatori dovranno fornire le proprie generalità in modo da poter essere rintracciati nel caso si rilevasse un contagio a bordo. Una volta giunti a destinazione saranno invece le regioni a decidere cosa fare, potendo sottoporre ai turisti un altro modulo con cui chiedere tutte le informazioni su quanto accaduto prima del viaggio. I dettagli delle domande saranno decisi direttamente dai presidenti di regione, ma non è da escludere che nello stesso modulo si chiedano anche indicazioni sui familiari, per scoprire se e quando si è stati a contatto con persone positive.

Anche test sierologico
Se saranno accertati contatti diretti con chi si è ammalato, si dovrà entrare in quarantena. Ai turisti che si spostano in moto e in auto (ma anche in treno), il modulo sarà invece fatto compilare dagli albergatori che potranno anche proporre ai clienti di effettuare test sierologici (su base volontaria). I presidenti di regione potranno inoltre disporre ordinanze restrittive nei confronti dei contagiati, e in caso di nuovi focolai, decidere di istituire nuove “zone rosse”. Non potranno però limitare la libertà di movimento dei cittadini solo sulla base della loro provenienza. La soluzione è stata adottata per “tranquillizzare” i presidenti delle regioni in cui i contagi sono ormai prossimi allo zero e ancora diffidenti verso i turisti provenienti dal nord Italia. Per queste norme non ci sarà bisogno di nuovi Dpcm: basta quello del 18 maggio scorso e le raccomandazioni alla “responsabilità individuale dei cittadini”.
Rimarrà invece fondamentale il rispetto delle regole come quella di indossare la mascherina, del distanziamento sociale e del divieto di assembramento.

 



NOTIZIE CORRELATE
  • News
    21 Giugno 2020
    Per Sardegna, Puglia e Basilicata è obbligatorio segnalare ingresso e spostamenti, mentre la Sicilia pensa ad un’app facoltativa. Stazioni, porti e aeroporti sorvegliati speciali con divieto d’imbarco per i passeggeri con temperatura sopra i 37,5 gradi. Quarantena per chi positivo al test
  • News
    17 Giugno 2020
    Dal 15 giugno numerosi Paesi europei hanno riaperto i confini interni, tornando così a consentire la libera circolazione dei viaggiatori provenienti dall’area Shengen. Tuttavia, la gestione delle frontiere rimane competenza specifica delle singole nazioni, alcune delle quali prevedono limitazioni più stringenti di altre
  • News
    16 Giugno 2020
    Il Salone di Colonia non si terrà causa Coronavirus. Gli organizzatori comunicano che, visto il consueto afflusso di gente, le modalità di svolgimento dell'evento sono incompatibili con le norme sanitarie e la sicurezza. Il pubblico potrà seguire le presentazioni via streaming