NOVITA' MOTOCICLISMO

Fase 2 spostamenti: in moto dal 18 maggio senza autocertificazione

Fase 2: da lunedì 18 maggio riaprono bar, ristoranti, parrucchieri, centri estetici, palestre, negozi al dettaglio e centri commerciali. Pur nel rispetto delle linee guida, le regioni godranno di una certa autonomia. Via libera alla circolazione - anche in moto - senza autocertificazione, purché all’interno della stessa regione

Fase 2 spostamenti: in moto dal 18 maggio senza autocertificazione
Riaperture
Pur con qualche significativa differenza da regione a regione, a partire da lunedì 18 maggio riapriranno negozi al dettaglio, parrucchieri, centri estetici, palestre, impianti sportivi, bar e ristoranti. Dopo settimane di divieti, ci si potrà liberamente spostare, anche in moto ma solo all’interno della stessa regione, senza autocertificazione e far visita non solo ai congiunti ma anche agli amici. Come accennato, molto dipenderà comunque dalle singole regioni: alcune, come Veneto e Friuli, puntano ad una riapertura totale, mentre altre, come Piemonte e Toscana, hanno annunciato una “maggior cautela”.
In ogni caso, nella giornata di oggi, cioè a soli 3 giorni dalla “ripartenza”, Conte illustrerà il decreto riaperture in Consiglio dei Ministri per fare il punto sui protocolli insieme ai presidenti e ai ministri Francesco Boccia e Roberto Speranza. A prescindere dalle intenzioni delle singole regioni, va evidenziato, le riaperture saranno infatti condizionate dalle linee guida diramate dal governo. La regola d’oro rimane quella del distanziamento: bar e ristoranti dovranno per esempio garantire i due metri tra un tavolo e l’altro e gli ingressi dovranno essere contingentati. Pertanto, bisognerà per esempio attendere il proprio “turno” in fila, distanziati e con la mascherina sul volto. Simili regole sono previste ovviamente anche per i parrucchieri, i centri estetici e i negozi al dettaglio. Discorso analogo per i centri commerciali dove, tra le altre cose, i posti nei parcheggi saranno quasi dimezzati, altra ragione insomma per scegliere le due ruote, con le quali, lo ricordiamo, ci si potrà liberamente spostare all’interno della regione (e trovare parcheggio molto più facilmente che in auto…). 

 



NOTIZIE CORRELATE
  • News
    21 Giugno 2020
    Per Sardegna, Puglia e Basilicata è obbligatorio segnalare ingresso e spostamenti, mentre la Sicilia pensa ad un’app facoltativa. Stazioni, porti e aeroporti sorvegliati speciali con divieto d’imbarco per i passeggeri con temperatura sopra i 37,5 gradi. Quarantena per chi positivo al test
  • News
    03 Giugno 2020
    Via libera alla circolazione in tutta Italia, dal 3 giugno ci si può liberamente spostare da una regione all’altra senza autocertificazione. Rimangono comunque in vigore alcune regole valide per tutti. Alcune regioni hanno inoltre annunciato controlli e tamponi per chi arriva da fuori. Facciamo il punto sulla situazione
  • News
    03 Giugno 2020
    Frontiere aperte, via libera agli spostamenti da una regione all’altra: non serve più l’autocertificazione. Liberi ma fino ad un certo punto: se il governo non pone alcuna condizione agli spostamenti, ci pensano le regioni, alcune delle quali hanno messo in atto controlli e test per i viaggiatori