NOVITA' MOTOCICLISMO

EICMA 2021 - Lucky Explorer Project 9.5, dati tecnici e caratteristiche

Ispirandosi al mito delle Cagiva Elefant, impegnate con successo alla Parigi Dakar negli anni 90, MV ha sfoderato questa nuova crossover dotata di un inedito tre cilindri da 930 cm3 e 123 CV. La ciclistica con ruota anteriore da 21 pollici è da vera off road  mentre dettagli e componentistica sono molto raffinati

EICMA 2021 - Lucky Explorer Project 9.5, dati tecnici e caratteristiche
Vera novità di MV Agusta a EICMA 2021, la Project 9.5 reinterpreta il mito della Cagiva Elefant, una moto che ha lasciato un ricordo indelebile negli appassionati perché, tra il 1990 e il 1994, vinse ben due Parigi-Dakar, equipaggiata con motore Ducati. Oggi, con la Lucky Explorer Project 9.5, MV desidera rispolverare la leggenda della Elefant, senza però rinunciare a nessuno dei benefici offerti dalla tecnologia più attuale.


Pronta per le avventure
Il look è da pura adventure bike, con il grande serbatoio e le grafiche ispirate allo sponsor Lucky Explorer, quello delle moto della Parigi-Dakar dell’epoca. Belli e convincenti i gruppi ottici anteriori, in puro stile Cagiva Elefant, seducente la fibra di carbonio utilizzata a protezione di alcuni elementi della meccanica. La strumentazione è stata sviluppata su standard automobilistici, sia per quanto riguarda leggibilità e grafica, sia per completezza di informazioni e connettività. Dispone di un pannello TFT a colori di 7”, con connessione Bluetooth agli smartphone e Wi-Fi per l’aggiornamento.



Ruota da 21”
Ogni dettaglio è davvero ben curato, con un occhio di riguardo all’off road: in quest’ottica troviamo l’impiego della ruota anteriore da 21”, che consente di affrontare al meglio anche la guida in fuoristrada e il telaio in acciaio a doppia culla chiusa composto da elementi forgiati ed estrusi e il robusto forcellone in alluminio. Sono in alluminio anche le piastre forcella, mentre il telaietto reggisella è in acciaio. Di serie anche il sistema di fissaggio delle borse laterali a scomparsa, una soluzione che permette di non “sporcare” il design della moto.

Nuovo motore
Il motore deriva dal tre cilindri in linea MV da 800 cm3 con albero motore controrotante di cui conserva gli ingombri. Si tratta, di fatto, di un propulsore tutto nuovo, ha una cilindrata effettiva di portata a 930,63 cm3, 123 CV di potenza massima e ha il basamento completamente riprogettato: dispone di passaggi olio integrati e sfoggia coperchi di frizione, generatore, avviamento, selettore e cambio nuovi. MV, per questa nuova unità, dichiara un peso di 57 kg.

Ecco le principali novità del 3 cilindri MV
- Nuova testa cilindri
- Nuove valvole di aspirazione e di scarico in acciaio
- Nuova guarnizione basamento testa-cilindri
- Nuovo albero motore in acciaio, controrotante e manovelle a 120°, accensione 1-2-3
- Nuove bronzine di banco e di biella trimetalliche
- Nuovi pistoni forgiati in lega di alluminio a tre segmenti



Cambio elettroattuato
Il cambio, sempre di tipo estraibile, sarà disponibile anche con nuovo sistema elettroattuato sviluppato ad hoc per questo modello, disponibile anche la versione con frizione automatica Rekluse.

Cliccate qui per vedere la Lucky Explorer 5.5.

Cliccate qui invece per tutte le novità di EICMA 2021.

 

 



NOTIZIE CORRELATE
  • Fuoriserie
    04 Gennaio 2022
    Con la Dakar in questi giorni in scena tra le dune del deserto africano, vi proponiamo qui sotto l’immagine di una bellissima BMW R nineT in versione Urban GS customizzata dagli svizzeri di VTR Custom. Le modifiche sono poche ma mirate ed il risultato parecchio interessante…
  • News
    24 Dicembre 2021
    La presentazione da parte del gruppo Qianjiang della sportivetta QJMotor GS400RR apre scenari parecchio interessanti: visti gli accordi commerciali con MV, infatti, non è da escludere che questo nuovo modello non possa arrivare in Europa con il marchio di Schiranna oppure con quello di Pesaro
  • News
    21 Dicembre 2021
    Nessuno tra i nostri piloti è però tra i favoriti: la vittoria se la giocano i due squadroni KTM e Honda, con il campione in carica Kevin Benavides passato alla squadra ufficiale KTM. Tra sette giorni gli equipaggi inizieranno ad arrivare a Jeddah, dove rimarranno per le verifiche tecniche e amministrative. Il 1 gennaio ci sarà il prologo, che porterà la carovana fino ad Ha'il, e il giorno successivo scatterà la Dakar vera e propria