NOVITA' MOTOCICLISMO

EICMA 2019 – Il Segway con le quattro ruote e va...fuoristrada

Segway, inventore della moderna micromobilità, debutta nel settore delle quattro ruote con tre modelli pensati per l’offroad estremo, il quad Snarler, la dune buggy Villain e il pick up Fugleman. In comune hanno ruote extralarge, la trazione integrale e la propulsione ibrida. Arrivano nell’estate del 2020 con prezzi da definire

EICMA 2019 – Il Segway con le quattro ruote e va...fuoristrada
Due soluzioni ibride
Se i big dell’auto iniziano a affacciarsi al mondo della mobilità slow con e-bike e monopattini, l’inventore della moderna micromobilità va in direzione opposta ed entra nel comparto delle quattro ruote. Uno sbarco che punta con decisione a una nicchia di mercato ben precisa, l’offroad finalizzato soprattutto al divertimento e al tempo libero. I nuovi modelli Segway sono tre, tutti dalle dimensioni generose ed equipaggiati con pneumatici tassellati extralarge per procedere con sicurezza su sabbia, neve o altri terreni impervi. Con il crescere degli ingombri c’è, però, l’abbandono della trazione elettrica per lasciare spazio a soluzioni ibride capaci di garantire maggiore potenza e autonomia, nonché di scongiurare problemi di ricarica per veicoli che probabilmente si muoveranno su terreni lontani dalle colonnine. I sistemi adottati sono due. Il PHP (Paralleled Hybrid Powertrain) è un monocilindrico di 570 cm3 accoppiato con un’unità elettrica in grado di sviluppare una potenza complessiva di 86 CV e una coppia massima di 96 Nm e l’ERHP (Extended-Range Hybrid Powertrain) che abbina all’unità elettrica un bicilindrico 1.000 cm3 per erogare 181 CV e 250 Nm.

Tre modelli per esplorare il mondo
Tre i veicoli presentati: un quad, un dune buggy e un pick up. Il primo è lo Snarler con telaio tubolare in acciaio, pneumatici da 25” e sospensioni indipendenti a doppio braccio oscillante dotate di ammortizzatori regolabili con escursione di 180/210 mm. La trazione è integrale (ma si può disinserire un asse) con differenziali autobloccanti, l’impianto frenante monta dischi con sistema EBS che regola la velocità in discesa. Tre le modalità di guida previste: standard, comfort e sport. Le versioni sono quattro, tre con il sistema PHP e la top di gamma con l’unità ibrida ERHP. Opzione, quest’ultima, che è l’unica disponibile sulla Villain, una dune buggy con un’imponente struttura di protezione tubolare e gomme da 29” per affrontare qualsiasi terreno. Dedicata al divertimento puro, ha due posti, una plancia dominata dal cruscotto digitale e dal display TFT centrale e qualità offroad elevate, merito pure dell’escursione di 415 e 455 mm delle sospensioni. Il pick up invece è il Fugleman, proposto in tre varianti con ruote da 27”, un abitacolo a tre posti. In aggiunta, naturalmente, c’è il piano di carico posteriore con portata di 900 kg. Come gli altri due modelli, è possibile gestire diverse funzioni del veicolo tramite una specifica app per smartphone. L’arrivo sul mercato con listini da definire è atteso a luglio 2020 per lo Snarler e la Villain e a settembre per il Fugleman.


NOTIZIE CORRELATE
  • Green Planet
    21 Dicembre 2019
    La Ninebot si presenta al CES di Las Vegas con una supersportiva con il marchio della controllata Segway, un modello con motore da 110 kW e velocità di 200 km/h. Allo stand anche cinque scooter elettrici e un ciclomotore a pedali pensati per gli spostamenti urbani a zero emissioni
  • Green Planet
    16 Dicembre 2019
    Definite le regole per circolare sotto la Mole con i personal mover, ammessi solo monopattini e segway, mentre monoruota e hoverboard non si potranno usare. Con le norme arriva anche il via libera ai servizi di condivisione offerti da otto gestori che metteranno a disposizione dei cittadini 500 monopattini elettrici per un totale di 4.000 mezzi
  • Green Planet
    16 Novembre 2019
    In alcune grandi città sono apparsi nuovi cartelli dedicati ai mezzi della micromobilità di difficile comprensione rendendo ancora più complicata l’interpretazione delle norme, già di loro abbastanza confuse. Vi proponiamo dei chiarimenti per facilitare la comprensione della nuova segnaletica e per ribadire le regole sperimentali previste dal ministero dei trasporti