NOVITA' MOTOCICLISMO

E-bike, novità in arrivo: sanzioni per chi trucca i motori e nuovi limiti per il trasporto merci

Le modifiche apportate all’articolo 50 del Codice della Strada introducono due importanti novità per quanto riguarda le e-bike. In particolare, vengono fissate sanzioni più chiare per chi vende modelli più potenti e per chi “trucca” i motori ed è introdotta una nuova  “sotto-categoria” per il trasporto merci. Ecco tutti i dettagli

E-bike, novità in arrivo: sanzioni per chi trucca i motori e nuovi limiti per il trasporto merci
Approvato dal Consiglio dei ministri nella seduta del 15 giugno, il nuovo decreto legge Infrastrutture introduce, tra le altre, due importanti novità per quanto riguarda le e-bike. La prima riguarda le sanzioni per chi vende o utilizza modelli non omologati; l’altra invece vede l’introduzione di una nuova “categoria” di bici dedicate al trasporto merci. Vediamole più nel dettaglio.

Sanzioni
Le novità apportare all’articolo 50 del Codice fissano in modo chiaro le sanzioni per chi produce, assembla o vende, e-bike con potenza superiore a quella ammessa dalla legge (0,25 kiloWatt e 25 km/h di velocità massima), ma anche per il ciclista che dovesse, in officina, apportare modifiche al motore per renderlo più potente o in grado di funzionare “autonomamente”, cioè senza agire sui pedali. “Chiunque fabbrica - recita il testo modificato - produce, pone in commercio o vende velocipedi a pedalata assistita che sviluppino una velocità superiore a quella prevista dal comma 1 è soggetto alla sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 1.084 a euro 4.339. Alla sanzione da euro 845 ad euro 3.382 è soggetto chi effettua sui velocipedi a pedalata assistita modifiche idonee ad aumentare la potenza nominale continua massima del motore ausiliario elettrico o la velocità oltre i limiti previsti dal comma 1”.

Nuove bici per il trasporto merci
L’altra novità, dicevamo, riguarda l’introduzione di una nuova “categoria” di e-bike espressamente adibita al trasporto merci. Veicoli cioè più potenti (il limite di velocità rimane di 25km/h) con il limite che sale da 0,25 a 0,5 kW e dotati di appositi pianali di carico dalle caratteristiche ben definite. Inutile che i furbetti montino “supporti” istallati in maniera più o meno artigianale a mo’ di portapacchi. “I velocipedi adibiti al trasporto di merci - si legge - devono avere un piano di carico approssimativamente piano e orizzontale, aperto o chiuso, corrispondente al seguente criterio: lunghezza del piano di carico × larghezza del piano di carico ≥ 0,3 × lunghezza del veicolo× larghezza massima del veicolo”. 

 



NOTIZIE CORRELATE
  • Green Planet
    27 Luglio 2022
    La gamma e-bike di Borgo Panigale si arricchisce di due modelli pensati per la città, si tratta di due pieghevoli con tecnologia elettrica a 48 V che ne incrementa le prestazioni e allunga l'autonomia fino a 80 km. La SCR-X ha animo urbano e robusto portapacchi integrato, la SCR-E GT è pensata per avventurarsi sugli sterrati grazie alle doppie sospensioni e alle gomme offroad
  • Green Planet
    21 Luglio 2022
    Fondata da Giovanni Castiglioni insieme agli amici Adrian Morton e Paolo Bianchi (già con lui in MV Agusta e Cagiva), la C-Creative nasce con la partecipazione dell’australiana Stealth ma vuole proporre preziose e-bike dallo stile e dal design tutti italiani
  • Green Planet
    11 Luglio 2022
    Il produttore romagnolo ha inaugurato un portale più intuito da navigare e con molte risorse utili, come le sezioni per trovare il negozio più vicino, per la manutenzione e i richiami e per attivare la garanzia usufruendo di un’estensione di 3 mesi sulle batterie. Entro il 31 luglio è previsto anche un prestito agevolato a tasso zero per l’acquisto delle e-bike
Filtra tutti i contenuti per marca
Eicma 2021
Moto rubate
Annunci inSella
Moto Fuoriserie
IN EDICOLA
Sul numero di alVolante in edicola
Berlina o crossover?
Green Planet