NOVITA' MOTOCICLISMO

Ducati MIG-RR: la "rossa" e-mtb

Frutto della collaborazione tra Ducati e Thok Ebikes, la Ducati MIG-RR nasce sulla base della MIG firmata da Thok (factory dietro la quale ci sono Stefano Migliorini, ex-pro di Mtb in Coppa del Mondo DH, e Livio Suppo, colui che regalò a Ducati il primo titolo MotoGP), ma ne è una evoluzione più spinta, in chiave Enduro. 

€ 6.250
Ducati MIG-RR: la "rossa" e-mtb
Anche la casa di Borgo Panigale si getta nell'affollato segmento delle Enduro a pedalata assistitita e lo fa a modo suo, con una E-Enduro senza compromessi. La differenza più evidente rispetto alle ”altre” MIG marcate Thok, e che si riflette in modo marcato sul suo comportamento, è rappresentata dalle ruote da 29″ (con escursione di 170 mm) davanti e 27,5″ per 160 mm dietro.



Meccanica collaudata
Telaio e motore della MIG-RR sono quelli, collaudati e apprezzati, che costituiscono la base della MIG by Thok: frame in alluminio 6061 T4/T6 con tubi idroformati a spessore variabile e parti forgiate e lavorate a CNC; l’architettura della sospensione posteriore è a parallelogramma con horst-link e carro da 450 mm; motore Shimano Steps E8000 da 250 W e 70 Nm, con batteria da 504 Wh posizionata sotto il tubo obliquo, che può essere caricata anche senza staccarla. Come sulla Thok MIG-R, la trasmissione è Shimano XT a 11 velocità.

A sinistra, il reggisella telescopico è di serie; a destra le pinze a 4 pistoncini marchiate Shimano Saint.

Allestimento da top di gamma
La Ducati utilizza una componentistica pregiata, come le sospensioni FOX Factory Kashima, il manubrio Renthal in fibra di carbonio, i cerchi Mavic e i freni Shimano Saint a 4 pistoncini.

Manubrio rigorosamente in carbonio e sospensioni Fox con trattamento Kashima per migliorare la scorrevolezza.

Come va
Su questa e-bike ci si trova immeditamente a proprio agio: non ci sono geometrie estreme, ma misure compatte e funzionali che aiutano subito a trovare il giusto feeling con la guida. Il reach, per esempio, in taglia L è di 450 mm e l’angolo sella di 74,5° vi aiuta a dare la giusta pressione alla ruota anteriore sulle salite più impervie. Anche la neutralità è una delle doti di questa MIG-RR: la batteria collocata sotto al telaio abbassa il baricentro, migliora la maneggevolezza e in discesa restituisce molte delle sensazioni trasmesse da una muscolare



Le ruote fanno la differenza
La differenza più evidente rispetto alle ”altre” MIG, e che si riflette in modo marcato sul suo comportamento, è rappresentata dalla ruota da 29″ davanti  e da quella da 27,5″ dietro. Grazie alla ruota da 27,5” plus dietro, la trazione in salita è ottima mentre la ruota da 29" aiuta nel superamento degli ostacoli e nella fluidità dell’avanzamento, senza penalizzare in discesa, con un avantreno estremamente  preciso. Il motore Shimano STEPS E8000, che privilegia la fluidità di pedalata, e l'abbondante luce a terra, hanno permesso di affrontare senza troppi problemi anche i canali più profondi e le pietre più sporgenti.



Sospensioni efficaci
Il comportamento delle sospensioni è molto buono, così come quello dei freni che addirittura in alcuni frangenti si sono rilevati fin troppo aggressivi. Insomma una e-bike davvero performante, che solo un rider tecnicamente molto evoluto è in grado di avvicinare al limite. La nuova Ducati MIG-RR è già disponibile al prezzo di 6.250 euro e la si può acquistare presso i concessionari Ducati oppure online, con la possibilità di riceverla a casa o ritirarla dal dealer di fiducia.

 



NOTIZIE CORRELATE
  • Spy
    07 Luglio 2020
    Per il 2021 potremo aspettarci una Monster completamente diversa da quanto visto finora. Il classico telaio a traliccio sembrerebbe cedere il posto ad un’inedita struttura monoscocca in alluminio molto simile a quella della Panigale V2
  • News
    06 Luglio 2020
    Lo scorso fine settimana sul circuito del Mugello si è disputato il primo round del Campionato Italiano di Velocità, nella classe Superbike Lorenzo Savadori e Michele Pirro si sono divisi le vittorie. Il collaudatore Ducati ha dedicato la vittoria a Sandra, la moglie del team manager MotoGP Davide Tardozzi, mancata domenica dopo una lunga malattia
  • Spy
    04 Luglio 2020
    Paparazzata durante un test su strada, la nuova Multistrada V4 sembra ormai pronta per la produzione. Le foto ce la mostrano in versione “definitiva”, in parte confermando alcune supposizioni dei mesi scorsi