NOVITA' MOTOCICLISMO

Ducati MIG-RR: la "rossa" e-mtb

Frutto della collaborazione tra Ducati e Thok Ebikes, la Ducati MIG-RR nasce sulla base della MIG firmata da Thok (factory dietro la quale ci sono Stefano Migliorini, ex-pro di Mtb in Coppa del Mondo DH, e Livio Suppo, colui che regalò a Ducati il primo titolo MotoGP), ma ne è una evoluzione più spinta, in chiave Enduro. 

€ 6.250
Ducati MIG-RR: la "rossa" e-mtb
Anche la casa di Borgo Panigale si getta nell'affollato segmento delle Enduro a pedalata assistitita e lo fa a modo suo, con una E-Enduro senza compromessi. La differenza più evidente rispetto alle ”altre” MIG marcate Thok, e che si riflette in modo marcato sul suo comportamento, è rappresentata dalle ruote da 29″ (con escursione di 170 mm) davanti e 27,5″ per 160 mm dietro.



Meccanica collaudata
Telaio e motore della MIG-RR sono quelli, collaudati e apprezzati, che costituiscono la base della MIG by Thok: frame in alluminio 6061 T4/T6 con tubi idroformati a spessore variabile e parti forgiate e lavorate a CNC; l’architettura della sospensione posteriore è a parallelogramma con horst-link e carro da 450 mm; motore Shimano Steps E8000 da 250 W e 70 Nm, con batteria da 504 Wh posizionata sotto il tubo obliquo, che può essere caricata anche senza staccarla. Come sulla Thok MIG-R, la trasmissione è Shimano XT a 11 velocità.

A sinistra, il reggisella telescopico è di serie; a destra le pinze a 4 pistoncini marchiate Shimano Saint.

Allestimento da top di gamma
La Ducati utilizza una componentistica pregiata, come le sospensioni FOX Factory Kashima, il manubrio Renthal in fibra di carbonio, i cerchi Mavic e i freni Shimano Saint a 4 pistoncini.

Manubrio rigorosamente in carbonio e sospensioni Fox con trattamento Kashima per migliorare la scorrevolezza.

Come va
Su questa e-bike ci si trova immeditamente a proprio agio: non ci sono geometrie estreme, ma misure compatte e funzionali che aiutano subito a trovare il giusto feeling con la guida. Il reach, per esempio, in taglia L è di 450 mm e l’angolo sella di 74,5° vi aiuta a dare la giusta pressione alla ruota anteriore sulle salite più impervie. Anche la neutralità è una delle doti di questa MIG-RR: la batteria collocata sotto al telaio abbassa il baricentro, migliora la maneggevolezza e in discesa restituisce molte delle sensazioni trasmesse da una muscolare



Le ruote fanno la differenza
La differenza più evidente rispetto alle ”altre” MIG, e che si riflette in modo marcato sul suo comportamento, è rappresentata dalla ruota da 29″ davanti  e da quella da 27,5″ dietro. Grazie alla ruota da 27,5” plus dietro, la trazione in salita è ottima mentre la ruota da 29" aiuta nel superamento degli ostacoli e nella fluidità dell’avanzamento, senza penalizzare in discesa, con un avantreno estremamente  preciso. Il motore Shimano STEPS E8000, che privilegia la fluidità di pedalata, e l'abbondante luce a terra, hanno permesso di affrontare senza troppi problemi anche i canali più profondi e le pietre più sporgenti.



Sospensioni efficaci
Il comportamento delle sospensioni è molto buono, così come quello dei freni che addirittura in alcuni frangenti si sono rilevati fin troppo aggressivi. Insomma una e-bike davvero performante, che solo un rider tecnicamente molto evoluto è in grado di avvicinare al limite. La nuova Ducati MIG-RR è già disponibile al prezzo di 6.250 euro e la si può acquistare presso i concessionari Ducati oppure online, con la possibilità di riceverla a casa o ritirarla dal dealer di fiducia.



NOTIZIE CORRELATE
  • News
    20 Novembre 2019
    MotoGP news – Dopo tante voci ora è ufficiale: Johann Zarco nel 2020 sarà in MotoGP con la Ducati del team Avintia Racing. Il francese ha accettato l'offerta, dopo aver ricevuto precise garanzie tecniche dal direttore sportivo Paolo Ciabatti e dal direttore generale di Ducati Corse Gigi Dall’Igna
  • News
    20 Novembre 2019
    MotoGP news – Sono tre le Ducati ufficiali scese in pista sul circuito di Valencia per la prima giornata di test 2020. Andrea Dovizioso ha apprezzato i nuovi materiali, mentre Danilo Petrucci ha potuto girare poco a causa del dolore alla spalla, gran lavoro anche per il collaudatore Michele Pirro
  • Fuoriserie
    19 Novembre 2019
    Questo è ciò che promette il kit 200Novantanove della società franco torinese Efesto. Si tratta di un motore elettrico aggiuntivo che lavorando insieme al V2 bolognese ne aumenta le prestazioni. È il primo passo verso la motorizzazione ibrida delle due ruote?