NOVITA' MOTOCICLISMO

Decreto sicurezza, stop a chi usa veicoli immatricolati all'estero

Il decreto sicurezza e immigrazione approvato lunedì dal Senato introduce nuove norme che andranno a incidere anche sull'uso di autoveicoli e motoveicoli. Diverse le novità: si allargano le maglie del Daspo urbano, i dati di chi noleggia un veicolo saranno comunicati al Ced interforze e il periodo per circolare in Italia con auto estere si accorcia a 60 giorni

Decreto sicurezza, stop a chi usa veicoli immatricolati all'estero
Decreto sicurezza
Immatricolare il veicolo all’estero per evitare tasse e multe: qualche mese fa si era tornati sull’argomento grazie - anche - al servizio firmato da Milena Gabanelli e Alessio Ribaudo pubblicato sul Corriere della Sera (nel parlavamo qui). Un problema assai noto ma, pare, di difficile risoluzione: sono infatti sempre più numerosi gli automobilisti e i motociclisti che, circolando con auto immatricolate in paesi come Bulgaria o Romania, aggirano la legge italiana per evitare il pagamento di iva, multe, bollo, spese di immatricolazione e di revisione. Ora, con il sì del Senato ottenuto dal nuovo decreto sicurezza e immigrazione (perché diventi legge manca però ancora l’ok della Camera) le cose potrebbero cambiare: “i furbetti che fino a ieri utilizzavano in Italia veicoli immatricolati all’estero, pur risiedendo nel nostro Paese, non potranno più eludere tasse e controlli”, ha dichiarato il ministro dei Trasporti Danilo Toninelli, spiegando: “Abbiamo infatti inserito nel decreto sicurezza una norma che, con alcune deroghe, vieta, a chi risiede in Italia da oltre 60 giorni, di circolare sul territorio nazionale con veicoli a targa estera”. Le cose potrebbero cambiare, ma non è detto: sull’effettiva utilità e sulla fattiva applicabilità rimangono infatti non pochi dubbi. In riferimento ai soli veicoli, all’interno del decreto si parla anche di nuove norme anti-terrorismo per il noleggio e di un allargamento dell’uso del Daspo urbano. Nel primo caso si obbligherebbero i gestori delle attività di autonoleggio a comunicare i dati identificativi dei clienti al Ced interforze (una banca dati informatica) con conseguente attivazione delle forze dell’ordine in “casi sospetti”, nel secondo invece si dà al sindaco la possibilità di stabilire - in collaborazione con il Prefetto - un divieto di accesso ad alcune aree della città per chi "ponga in essere condotte che limitano la libera accessibilità delle strade". Il decreto, in pratica, estende l’applicazione del Daspo ai “presidi sanitari”, alle zone di particolare interesse turistico, alle “aree destinate allo svolgimento di fiere, mercati e pubblici spettacoli”. 
NOTIZIE CORRELATE
  • News
    28 Febbraio 2019
    La 20° edizione Memorial Spadino andrà in scena quest’anno il prossimo 28 di aprile. La manifestazione ricorda il coraggio di Pierlucio Tinazzi, il motociclista dipendente della società che gestisce il traforo del Monte Bianco che perse la vita salvando dal rogo un automobilista rimasto intrappolato
  • News
    15 Febbraio 2019
    L’obbligo di utilizzare caschi omologati FIM per i piloti che partecipano a Motomondiale e SBK scatterà il 3 giugno 2019, un ritardo dovuto alla complessità della procedura di omologazione e al numero di richieste ricevute dal laboratorio che si occupa di questa speciale certificazione
  • Politica e trasporti
    11 Febbraio 2019
    Il Governo è pronto a introdurre diverse novità, specialmente per quanto riguarda la circolazione delle due ruote. Per i motociclisti arriverebbe l’obbligo di indossare abbigliamento tecnico, mentre le biciclette potrebbero ottenere una linea d’arresto più avanzata in prossimità di stop e semafori. Possibile aumento anche dei limiti di velocità in autostrada