NOVITA' MOTOCICLISMO

Decreto 26 aprile: spostamenti tra regioni, autocertificazione e PASS verde: le regole

Da lunedì 26 aprile sarà nuovamente possibile spostarsi da una regione ad un’altra senza autocertificazione, ma solo se in zona gialla. Per attraversare i confini di una regione arancio o rossa servirà l’autocertificazione, oppure, per turismo, l’apposito “lasciapassare”. Rimane il coprifuoco, il cui inizio slitterà forse alle 23. Ecco le regole per gli spostamenti

Decreto 26 aprile: spostamenti tra regioni, autocertificazione e PASS verde: le regole
Spostamenti dal 26 aprile
A partire da lunedì 26 aprile sarà nuovamente possibile spostarsi tra una regione all’altra, ma solo a determinate condizioni. Tra gialle non servirà l’autocertificazione, che continuerà invece ad essere richiesta per varcare i confini di una regione arancio oppure rossa. La novità riguarda il cosiddetto PASS, che consentirà di spostarsi tra regioni rosse o arancio anche per turismo, ma solo se vaccinati, guariti dal covid o risultati negativi al tampone. Dubbi invece sul coprifuoco, che sembrerebbe rimanere attivo dalle 22, ma che in molti chiedono di posticipare di almeno un’ora. Vediamo quelle che dovrebbero essere le regole decise dal governo

Spostamenti tra regioni gialle
Gli spostamenti tra regioni gialle saranno liberi: ci si potrà muovere senza autocertificazione, quindi anche per turismo. 

Spostamenti tra regioni arancio e rosse
Per varcare i confini di una regione che si trova in fascia arancione oppure rossa bisognerà avere i soliti motivi di lavoro, di salute o di urgenza (quindi niente gitarelle turistiche), sempre da indicare sull’autocertificazione. La novità riguarda in questo caso la “deroga” concessa a chi già vaccinato, guarito dal covid oppure risultato negativo ad un tampone effettuato nelle 48 ore precedenti al viaggio, che potrò spostarsi in una regione arancio o rossa anche per motivi di turismo.

Autocertificazione e PASS verde
In attesa della tesserina magnetica, della card vaccinale o del pass vaccinale (tutte ipotesi ancora al vaglio degli “esperti”), le informazioni di cui sopra (inoculazione del vaccino, guarigione dal Covid o esito negativo del tampone antigenico o molecolare effettuato 48 ore prima) andranno indicati in caso di spostamento sull’apposito allegato presente sulla nuova autocertificazione.

Coprifuoco
A prescindere dal colore della regione, rimane attivo il coprifuoco, in vigore ormai dall’autunno dello scorso anno. Da quanto si apprende, si starebbe in queste ore valutando la possibilità di spostare l’orario di inizio di almeno un’ora, cioè alle 23, così da consentire - date anche le riaperture di teatri e cinema e dei ristoranti in zona gialla - il ritorno a casa.

 



NOTIZIE CORRELATE
  • Politica e trasporti
    13 Luglio 2021
    In base agli attuali parametri, alcune regioni - tra cui Sicilia, Campania, Veneto e Lazio - potrebbero presto ritornare in zona gialla. Il passo indietro comporterebbe il ritorno di alcune restrizioni, specialmente per le attività commerciali, ma non andrebbe ad impattare su libera circolazione e spostamenti. Per il momento tuttavia, il Governo frena: “la vera arma per chiudere questa stagione è la campagna di vaccinazione”
  • Politica e trasporti
    23 Aprile 2021
    Spostamenti tra regioni gialle, arancio e rosse, pass verde, tampone, vaccino, autocertificazione, seconde case e coprifuoco. Ecco le regole in vigore per gli spostamenti a partire dal prossimo 26 aprile. Facciamo chiarezza con le faq del Governo
  • Politica e trasporti
    17 Aprile 2021
    Il 26 aprile dovrebbe in teoria essere la data delle riaperture. Nessun via libera: rimangono mascherine, coprifuoco alle 22, divieti di assembramento e zone rosse, arancio e gialle. Si aggiunge la novità del pass: “lasciapassare” che attesta l’avvenuta vaccinazione o l’esito negativo del tampone effettuato nelle 48 ore precedenti. Ecco le regole