NOVITA' MOTOCICLISMO

Damon Hypersport, più sicurezza con radar, sensori e telecamere

Il “Best of Innovation” 2020 al CES di Las Vegas è stato attribuito a questa innovativa moto elettrica dotata di radar, sensori e videocamere capaci di monitorare tutti gli oggetti potenzialmente pericolosi in movimento intorno a lei ed avvisare il pilota con vibrazioni sulle manopole e segnali luminosi

Damon Hypersport, più sicurezza con radar, sensori e telecamere
Intelligenza per dimezzare gli incidenti
“È la motocicletta elettrica più sicura, intelligente e avanzata mai realizzata”. Sono le parole con le quali i giudici del CES di Las Vegas hanno attribuito alla Hypersport della Damon Motorcycles il riconoscimento “Best of Innovation” 2020 per la categoria Vehicle Intelligence & Transportation. Un premio prestigioso ottenuto per le innovazioni della streetfighter canadese, nata poco più di un anno fa con l’intento di aumentare il livello di sicurezza delle due ruote che, secondo i responsabili del progetto, sono coinvolte 27 volte più delle auto in incidenti con conseguenze serie. Il risultato del team capeggiato da Jay Giraud e Derek Dorresteyn, co-fondatore dell'ex marchio Alta Motors, si chiama CoPilot. Un sistema integrato, composto da una serie di sensori, radar e telecamere, capace di monitorare fino a 64 oggetti in movimento intorno alla moto, compresi quelli di lato e dietro più difficili da vedere. Le informazioni vengono elaborate e, in caso di potenziale pericolo, trasmesse al biker con delle vibrazioni sulle manopole se il rischio di collisione è frontale o con un segnale luminoso sul parabrezza se il pericolo arriva dai punti ciechi, ossia dal posteriore o dai lati. A fornire una visione a 360 gradi contribuisce pure il display da 6” al centro del manubrio che riporta le immagini riprese dalle telecamere. Altre informazioni trasmesse al guidatore sono la segnalazione della distanza di sicurezza inadeguata, i rischi del meteo o la presenza di traffico elevato e di eventuali interruzioni stradali lungo il percorso. Una serie di avvertimenti che, secondo i responsabili di Damon, dovrebbero contribuire a dimezzare gli incidenti avvisando per tempo il conducente e, di conseguenza, riducendo i tempi di reazione e gli spazi d’arresto.

Funzioni, comandi e avvisi cono concentrati nella plancia 

Da moto urbana a sportiva con un tasto
A colpire i giudici del CES sono state pure altre innovazioni, come il sistema Shift che permette di adattare la posizione di guida e l’assetto della Hypersport in base alle condizioni di utilizzo: premendo un tasto si cambiano la posizione del manubrio, la distanza tra sella e pedane, l’inclinazione del parabrezza, la taratura delle sospensioni e altri particolari che possono così trasformare la moto in un modello da città, in una touring o in una sportiva.
Elevate anche le prestazioni, il motore ha 147 kW (circa 200 CV) per un'accelerazione da 0 a 96 km/h in meno di 2,5”. Di rilievo è pure l’autonomia (dichiarata) di oltre 300 km, con tempi per il "pieno" inferiore all’ora grazie alla ricarica rapida a corrente continua. La Damon Hypersport può già essere ordinata con un anticipo di 1.000 dollari in due varianti, la Premier prodotta in appena 25 esemplari con personalizzazioni specifiche in listino a 39.995 dollari (poco meno di 36.000 euro) e consegna entro il 2020 e la HS proposta a 24.995 dollari (circa 22.500 euro) in arrivo nel 2021.
 


NOTIZIE CORRELATE
  • Green Planet
    11 Gennaio 2020
    Il costruttore cinese con due nuovi modelli ha presentato a Las Vegas la sua visione futura della mobilità urbana basata sulla tecnologia IoT e sul 5G. La moto RQi ha motore da 30 kW ha velocità di 160 km/h e una dotazione comprensiva di ABS e controllo trazione. La TQi è un triciclo con tetto e molti dispositivi elettronici avanzati
  • Moto
    29 Dicembre 2019
    La versione 2020 dell’enduro torinese ha un nuovo telaio e un motore da 44 kW e 100 Nm di coppia dotato di una nuova frizione antisaltellamento. Più leggera e meglio bilanciata, ha batterie da 15 o 18 kWh per un'autonomia fino a 220 km
  • Green Planet
    28 Dicembre 2019
    Thomas Jakel e Dulcie Mativo del progetto sociale Africa-X sono partiti dai Paesi Bassi in sella alla DSR Black Forest Edition per giungere sei mesi dopo a Johannesburg, in Sudafrica. Un viaggio di 15.000 km durante il quale la moto elettrica americana si è rilevata affidabile ed economica, grazie anche all’energia gratuita offerta da molti per il rifornimento