NOVITA' MOTOCICLISMO

Dalla Honda Gold Wing alla Kenzo: è la special di Death Machines of London

Nasce da una vecchia Gold Wing del 1977 la nuova special creata dal laboratorio britannico: pur avendo un’aria futuristica, s’ispira all'armatura dei samurai. È ancora in vendita: bastano solo 65mila euro...

Dalla Honda Gold Wing alla Kenzo: è la special di Death Machines of London
Corazza a strati
L’ultima nata nell’officina della britannica Death Machines of London si chiama Kenzo e s’ispira alla cultura dei samurai, gli antichi cavalieri giapponesi, e in particolar modo alla loro armatura in uso nel XVI secolo, fatta da elementi sovrapposti. Tutto nasce da una Honda Gold Wing del 1977: la cruiser nipponica era allora alla prima generazione, montava un 4 cilindri di circa 1100 cm3 e non aveva ancora l’aspetto da incrociatore della strada che ha oggi. Il nome della special è un omaggio a Kenzo Tada, primo giapponese a correre nel TT dell'Isola di Man nel 1930, dopo aver affrontato ben 40 giorni di in treno e nave. La prima versione della Kenzo è stata presentata al Bike Shed Show di Londra nel 2018: quella però era una moto assemblata di corsa, come ammette il suo progettista James Hilton, fondatore e capo di Death Machines of London. Insoddisfatto del suo operato (incapace di circolare su strada), Hilton ha deciso di mettere mano alla Kenzo arrivano al risultato finale che proponiamo qui; "la moto più estrema che abbiamo mai fatto", ha detto Hilton della sua Kenzo. Il cuore della Gold Wing – il 4 cilindri orizzontali contrapposti – era sanissimo ed sono bastati solo alcuni aggiornamenti per rimetterlo in sesto; i carburatori sono stati rivisti per meglio lavorare con i terminali Slash Cut, con finitura in nero satinato. L'impianto elettrico è stato rifatto con un cablaggio più semplice, realizzato internamente, insieme a una M-Unit di Motogadget. Il telaio è stato rifinito in nero satinato e ha subito importanti modifiche per migliorare stabilità e maneggevolezza, ma anche per imporre una posizione di guida più aggressiva e proiettata sulla forcella Öhlins anodizzata in nero; dietro troviamo un doppio ammortizzatore ACOU 60 di Öhlins, con molle realizzate ad hoc da Hagon. Il freno anteriore vede ora pinze radiali forgiate Brembo M4, mentre il posteriore è rimasto in gran parte quello originale, ma con una pompa freno Brembo. Opera di Death Machines of London sono poi il telaietto, la sella in pelle goffrata (ricorda gli abiti a strati indossati dai samurai sotto l'armatura), il tappo del serbatoio, i badge e le manopole, che ricordano le impugnature delle katane. La Honda "Kenzo" di Death Machines of London è ancora in vendita: costa 56mila sterline, poco più di 65mila euro.


NOTIZIE CORRELATE
  • News
    28 Marzo 2020
    MotoGP news - Tutto è pronto per la prima gara virtuale della MotoGP, che si terrà questa domenica alle 15.00. Tra i piloti che parteciperanno c'è anche il campione del mondo in carica Marc Marquez, che come sempre ha un solo obiettivo: vincere
  • Moto
    27 Marzo 2020
    Presentata durante il Salone virtuale Honda, la CB-F Concept è un chiaro omaggio alla CB900F Bol d'Or del 1979. La base tecnica è invece quella dell’attuale CB1000R, dalla quale prende in prestito il 4 cilindri da 145 CV. Non è da escludere che la CB-F possa diventare realtà il prossimo anno
  • Spy
    18 Marzo 2020
    Honda pare ben decisa ad entrare nel settore delle crossover di cilindrata medio grossa. Secondo le ultime indiscrezioni, starebbe evolvendo la NC 750 per arrivare a tre nuovi modelli, tra cui un'endurona con ruota anteriore da 21 pollici. Siete pronti al ritorno della Transalp?