NOVITA' MOTOCICLISMO

Dakar 2021, tappa 9: Price ritirato, Cornejo allunga

Dopo giorni di continui cambiamenti, oggi la Dakar 2021 ha cominciato a delineare meglio i rapporti di forza. Fuori Toby Price per una caduta, Ignacio Cornejo ha potuto consolidare il vantaggio nella generale, mentre la vittoria è andata a Benavides

Dakar 2021, tappa 9: Price ritirato, Cornejo allunga
Tripletta Honda
La Dakar 2021 potrebbe essere arrivata alla svolta. Dopo giorni di montagne russe e classifiche rivoluzionate da n giorno all'altro, si sta delineando un quadro più chiaro.
Diversi sono stati i colpi di scena della nona tappa, un anello attorno a Neom con 109 chilometri di trasferimento e 465 di prova speciale sulle rive del Mar Rosso.
Toby Price, che ieri occupava il 2º posto nella generale a poco più di un minuto dalla vetta, dopo 155 chilometri di tratto selettivo ha subito un brutto incidente ed è stato trasportato in elicottero all’ospedale di Tabuk. Niente di preoccupante comunque: solo una frattura alla clavicola e diverse contusioni, ma tanto è bastato per mettere ko l’australiano, già vincitore delle Dakar 2016 e 2019 e uno dei candidati alla vittoria.
Lo stage odierno, molto impegnativo sia in termini di guida sia di navigazione, si è rivelato più che positivo per Honda, che si è impossessata dei primi tre posti della classifica di tappa, con, nell’ordine, Kevin Benavides, Ricky Brabec e Ignacio Cornejo.
“Quella di oggi è stata una prova speciale davvero difficile. A un anno dalla morte del mio amico Paulo Gonçalves, ho cercato di fare del mio meglio e la vittoria di oggi è dedicata a lui” ha dichiarato l’argentino Kevin Benavides, ricordando il pilota portoghese ex compagno di squadra, vittima di un incidente fatale alla Dakar 2020 . “Sono contento del lavoro svolto, ma provo emozioni contrastanti. A fine tappa, infatti, ho saputo che mio fratello Luciano era caduto. Fortunatamente sta bene, ma è stata comunque una giornata mentalmente pesante. Mancano tre stage e tutto potrebbe cambiare, quindi devo rimanere concentrato e dare il massimo giorno per giorno”.
“È stata una tappa davvero lunga, dura e con tante rocce. Sono partito per primo e l'idea era di aprire il più velocemente possibile in modo che gli altri piloti non potessero ridurre i tempi” spiega Cornejo, leader dell’assoluta. “Aprire la speciale è stato un compito mentalmente impegnativo, ma sono molto soddisfatto del lavoro di oggi. Manca sempre meno alla fine: ora devo concentrarmi sulla tappa di domani”.
Il cileno ha ulteriormente aumentato il suo vantaggio e ora guida la overall distanziando di 11’24’’ Benavides e 14’34’’ Sam Sunderland. La KTM del britannico, oggi 4º a 10’11’’ dal primo, nella generale si infila tra le Honda di Cornejo e Benavides e le altre due di Brabec e Joan Barreda, che ha concluso in 5ª posizione la nona tappa, con un gap di 29’’.
Dietro di lui Lorenzo Santolino su Sherco, 8º nella generale, e la rivelazione del 2021 Daniel Sanders su KTM, 6º nella overall.
Oltre al ritiro di Price, come anticipato dalle parole del fratello, oggi è finita l’avventura di Luciano Benavides, caduto al chilometro 242 e infortunatosi a una spalla. Tra i ritirati anche Ross Branch tradito dal motore della sua Yamaha, l’unico rappresentante della Casa di Iwata a proseguire la Dakar 2021 rimane Adrien Van Beveren, che oggi ha finito con il 12º posto e si porta in 11ª posizione nella generale.
Pessime notizie anche per Maurizio Gerini. L’italiano, 2º nella categoria senza assistenza Original by Motul con la sua Husqvarna, non si è ripreso dalla caduta di ieri e oggi è stato trasferito in ospedale per controlli.
Classifica tappa 9: 1. Benavides (Honda) 4.49’15’’ - 2. Brabec (Honda) +1’18’’ - 3. Cornejo (Honda) +1’34’’ - 4. Sunderland (KTM) +10’11’’ - 5. Walkner (KTM) +14’19’’ - 6. Barreda (Honda) +14’29’’ - 7. Santolino (Sherco) +16’43’’ - 8. Sanders (KTM) +17’17’’ - 9. Howes (KTM) +22’39’’ - 10. Quintanilla (Husqvarna) +23’30’’
Classifica generale dopo tappa 9: 1. Cornejo (Honda) 36.51’00’’ - 2. Benavides (Honda) +11’24’’ - 3. Sunderland (KTM) +14’34’’ - 4. Brabec (Honda) +17’26’’ - 5. Barreda (Honda) +29’00’’ - 6. Sanders (KTM) +38’23’’ - 7. Howes (KTM) +40’25’’ - 8. Santolino (Sherco) +42’08’’ - 9. Quintanilla (Husqvarna) +1.00’37’’ - 10. Svitko (KTM) +1.14’07’’

 



NOTIZIE CORRELATE
  • News
    21 Gennaio 2021
    Lo slovacco, pilota di grande esperienza, ha corso una gara intelligente, guadagnando sempre posizioni. Quindicesimo al termine della prima tappa, nella seconda parte del rally è entrato in top ten senza più uscirne e ha portato al traguardo anche un po' di Italia
  • News
    17 Gennaio 2021
    Il 32enne argeentino corre nei rally solo dal 2015. Martino Bianchi lo portò nel team ufficiale Honda, dopo un ottimo debutto alla Dakar, concluso al quarto posto. L'anno scorso il pilota di Salta era stato messo fuori gioco dalla rottura del motore, quest'anno è stato molto costante e veloce quando serviva. Ha vinto il "derby" con il cileno Cornejo ed ha avuto fortuna a non farsi male con una caduta nella quinta tappa
  • News
    15 Gennaio 2021
    I giapponesi vincono per la seconda volta consecutiva il rally più importante al mondo nell'anno del disastro nella MotoGP, con Marquez fuori gioco e una CBR 1000 RR-R ancora lontana dal successo in SBK. KTM si impone per tre volte in MotoGP, ma alla Dakar viene ancora battuta dai rivali. La pista è una distrazione? Solo Yamaha è coerente, ma in negativo: i problemi di affidabilità hanno colpito tanto la M1 quanto la 450 da rally