NOVITA' MOTOCICLISMO

Dakar 2020, al via anche la moto elettrica di Tacita

Fedele allo spirito pionieristico che da sempre la contraddistingue, e alla vigilia del nuovo capitolo saudita, la Dakar 2020 dà il benvenuto a Tacita, la prima moto elettrica – nonché italiana – a partecipare al rally più duro del mondo

Dakar 2020, al via anche la moto elettrica di Tacita
Un anno di rivoluzioni
Da quarant’anni Dakar è sinonimo di racing, avventura e passione; tuttavia, affermare che il rally più seguito al mondo sia “solo” questo è riduttivo. Piaccia o no, la Dakar in quattro decenni è cambiata sotto diversi aspetti, e si è evoluta. Le novità del 2020 riguardano innanzitutto lo scenario inedito dell’Arabia Saudita – terzo continente ad ospitarla dopo Africa e Sud America – ma anche il debutto della prima moto elettrica in gara.
Oltre alla scoperta di un nuovo territorio, la manifestazione si apre, così, alla sperimentazione tecnologica e al futuro della mobilità. A raccogliere la sfida lanciata dall’organizzazione Amaury Sport Organisation è dunque Tacita, che il 5 gennaio 2020 sarà presentata ufficialmente al Jeddah Dakar Village sul podio "New Energy”.
“A.S.O sta incoraggiando la partecipazione di veicoli ibridi e completamente elettrici alla Dakar, e noi abbiamo accettato la sfida. Stiamo lavorando al T-Race Rally Dakar 2020, che sarà in grado di affrontare il rally più duro del mondo. Già nel 2012, al Merzouga Rally, siamo stati la prima moto elettrica a partecipare a una manifestazione africana e, da allora, i nostri sforzi si sono costantemente concentrati su ricerca, ingegneria e design, e finalmente siamo pronti per la Dakar, afferma Pierpaolo Rigo, cofondatore di Tacita.
“Guardiamo con ottimismo al futuro del rally raid e sappiamo che le energie alternative ne faranno parte. Il progetto Tacita e la sua moto da rally completamente elettrica sono un asse di sviluppo principale, e siamo lieti di dare il benvenuto e promuovere questa moto e questo team nella prima Dakar dell’era saudita”, ha dichiarato il direttore della Dakar David Castera.

 



NOTIZIE CORRELATE
  • News
    21 Gennaio 2021
    Lo slovacco, pilota di grande esperienza, ha corso una gara intelligente, guadagnando sempre posizioni. Quindicesimo al termine della prima tappa, nella seconda parte del rally è entrato in top ten senza più uscirne e ha portato al traguardo anche un po' di Italia
  • News
    17 Gennaio 2021
    Il 32enne argeentino corre nei rally solo dal 2015. Martino Bianchi lo portò nel team ufficiale Honda, dopo un ottimo debutto alla Dakar, concluso al quarto posto. L'anno scorso il pilota di Salta era stato messo fuori gioco dalla rottura del motore, quest'anno è stato molto costante e veloce quando serviva. Ha vinto il "derby" con il cileno Cornejo ed ha avuto fortuna a non farsi male con una caduta nella quinta tappa
  • News
    15 Gennaio 2021
    I giapponesi vincono per la seconda volta consecutiva il rally più importante al mondo nell'anno del disastro nella MotoGP, con Marquez fuori gioco e una CBR 1000 RR-R ancora lontana dal successo in SBK. KTM si impone per tre volte in MotoGP, ma alla Dakar viene ancora battuta dai rivali. La pista è una distrazione? Solo Yamaha è coerente, ma in negativo: i problemi di affidabilità hanno colpito tanto la M1 quanto la 450 da rally