NOVITA' MOTOCICLISMO

Cani poliziotto contro i ladri di moto: con lo spray DNA ora è possibile

In Gran Gretagna il marcatore viene già utilizzato contro gli enduristi illegali per rintracciarli in un secondo momento: ora entrano in azione i cani della polizia per fiutare la refurtiva

Cani poliziotto contro i ladri di moto: con lo spray DNA ora è possibile
La notizia arriva dalla Gran Bretagna e a riportarla è la nota e accreditata rivista Motorcycle News: è bene precisarlo, perché potrebbe sembrare inverosimile che la polizia addestri dei cani per ritrovare delle moto rubate, e invece è proprio così.

Quattro zampe per due ruote
Probabilmente, nemmeno Rin Tin Tin sarebbe in grado di rivaleggiare con i “colleghi” che esercitano la professione sotto la corona inglese. Alcuni cani da fiuto sono stati infatti addestrati dalle forze dell'ordine secondo il metodo Selecta DNA, che consiste in una speciale “etichettatura” di dna sintetico, effettuata tramite spray. Le squadre forensi già utilizzano questo liquido, spruzzandolo sui vestiti, sulla pelle o sui mezzi utilizzati dai sospettati di un reato, per poterli poi cogliere con le mani sulla refurtiva, o ritrovarli in un nascondiglio. Anche in campo motociclistico si sono registrati i primi utilizzi: nel Nottinghamshire gli agenti hanno spruzzato lo spray su alcuni enduristi in fuga, quando i trasgressori stavano andando in moto - ovviamente senza targa-, su sentieri interdetti al traffico. La marcatura, in buona sostanza, permette di rintracciare il malvivente in un secondo momento, senza doverlo per forza seguire o inseguire. Lo spray è visibile solo ai raggi UV e a ogni reato e luogo corrisponde un codice diverso. Anche i negozi lo utilizzano associato all'antifurto: quando illadro fa irruzione si libera nell'aria, rimanendo attaccato al delinquente per alcuni giorni.

Gli sviluppi
Ora SelectaDNA  afferma di aver lavorato con Search Dogs UK per addestrare i cani a cercare i segni di questa marcatura. Questi specialissimi agenti hanno già aiutato la polizia in una campagna che ha portato a più di 10 arresti e al recupero di 4600 sterline di cavo, nascoste in un deposito da alcuni sospettati. Adesso gli sviluppatori dicono che il concetto è pronto per essere applicato alle motociclette. “I cani possono essere incredibilmente precisi nel fiutare lo spray e possono individuare il loro obiettivo entro un paio di centimetri - hanno spiegato i responsabili del progetto-. Così la polizia potrà utilizzare tecniche di ricerca tradizionali, integrate con l'aiuto dei cani”. I quadrupedi potranno così aiutare la polizia a recuperare motociclette rubate o parti di esse, a patto che sia stato identificato il sospettato.

 

 



NOTIZIE CORRELATE
  • Industria e finanza
    08 Gennaio 2021
    Chiuso il 2020, è tempo di tirare le somme: nonostante le enormi difficoltà dovute all’epidemia Covid-19, il mercato delle due ruote ha complessivamente retto e recuperato - almeno in parte - i volumi persi in primavera. Bene dicembre con un +8% rispetto al 2019. Il presidente ANCMA Magri: “Anno difficile, ma contraddistinto da interesse per le due ruote”
  • News
    08 Ottobre 2020
    Oggi scatta l’obbligo di avere sempre con sé la mascherina e di indossarla all’aperto, chi non rispetterà queste nuove disposizioni rischia una sanzione che parte da 400 euro e arriva a 1.000 euro. Previste delle eccezioni per chi usa moto, bici e auto, vediamo quali sono
  • News
    21 Settembre 2020
    Completata l’acquisizione da parte dell’indiana Mahindra, Peugeot potrebbe nel giro di un paio d’anni tornare attiva anche nel settore moto. Secondo quanto emerso dal web, la Casa francese si concentrerà su modelli di piccola e media cilindrata