NOVITA' MOTOCICLISMO

Botturi, il campione dell'Africa Eco Race si racconta in esclusiva - VIDEO

Il pilota di Lumezzane parla del suo secondo successo consecutivo nel rally: “Non ero nelle migliori condizioni fisiche e mentali, vincere è stato più difficile dell'anno scorso. Voglio ringraziare Gritti per la benzina e Lucci, che mi è stato vicino nei giorni successivi alla scomparsa di Goncalves”

Botturi, il campione dell'Africa Eco Race si racconta in esclusiva - VIDEO
Chi ha seguito l'Africa Eco Race solo leggendo gli articoli o guardando le classifiche, può pensare che Alessandro Botturi abbia avuto vita facile nel vincere per la seconda volta consecutiva il rally africano. In realtà – anche se il pilota di Lumezzane è rimasto costantemente in testa dal terzo giorno di gara- il successo non è maturato facilmente: “Ho vinto la prima speciale, poi Ullevalseter è ripassato in testa nella seconda e già in quel giorno ho dovuto sudare parecchio. Lui partiva nono e ho dovuto spingere davvero molto per non farmi prendere. Dalla terza tappa sono sempre stato davanti ma non è facile gestire un rally così lungo. Ti svegli ogni mattina sapendo che la gara è nelle tue mani, la pressione è tanta e non puoi sbagliare perché gli avversari sono sempre pronti ad approfittarne”.

L'arte di pilotare sopra i problemi
Quest'anno poi si sono aggiunte due nuove variabili che Alessandro non poteva certo immaginare solo qualche mese fa: “Non l'ho detto a nessuno ma al Panafrica l'incidente era stato un po' peggio di quanto potesse sembrare. Ora il polso va bene ma la mano ogni tanto si indolenzisce. Non è semplice iniziare una gara in questa situazione e infatti mi mancava il ritmo nei primi giorni. Dovevo sciogliermi un po' ma qua non hai tempo per entrare in condizione, devi essere subito pronto”. Il tempo di tornare a essere il Bottu di sempre e per Alessandro è arrivata una di quelle notizie che non si vorrebbero mai sentire: “Quando mi hanno detto di Paulo – Goncalves, deceduto durante il Dakar, ndr- ho fatto davvero fatica. È vero che siamo preparati a questo tipo di notizie, sappiamo che può succedere, ma poi tornare in moto e guidare come se se niente fosse riesce difficile. Infatti ho commesso tanti errori di navigazione nei due giorni successivi, e devo dire grazie a Lucci, perché andando con lui sono riuscito a venire fuori da un momento complicato”. Un grazie anche a Giovanni Gritti: “Senza la benzina che mi ha dato avrei perso la gara, va detto”. Il Bottu porta a casa la seconda vittoria consecutiva e per il pilota di Lumezzane il trofeo va ad accompagnare quello dell'anno scorso in bacheca: “Quest'anno anche la gara in sé è stata più difficile. Il vento aveva cancellato molte tracce e la navigazione è stata fondamentale, quasi da moto rally. Sono davvero molto contento di quanto sono riuscito a fare”.

Un confronto impegnativo
Avversari nuovi e nuove difficoltà, ma il buon “vecchio” Botturi ne è venuto a capo egregiamente anche questa volta: "Mi fa particolarmente piacere essere riuscito a vincere nonostante nuovi avversari molto validi. Gli anni passano e bisogna riuscire a mantenersi sempre al meglio della condizione". E come dice il detto: non c'è due senza tre...ora è il momento di riposare, ma da qualche parte nella testa del Bottu c'è già l'edizione 2021.

Photo credits Alessio Corradini


NOTIZIE CORRELATE
  • News
    17 Febbraio 2020
    Greg Hancock ha annunciato il suo ritiro dalle competizioni, il californiano, quarantanove anni, doveva prendere parte al campionato iridato che partirà a metà maggio da Varsavia, con una wild card che gli avrebbe consentito di disputare la sua ventiquattresima stagione
  • News
    31 Gennaio 2020
    Internazionali d'Italia di Motocross 2020 - Come ormai tradizione, è stato il crossodromo di Riola Sardo, domenica scorsa, ad aprire la stagione del cross.Tim Gajser, campione MXGP in carica ha dominato, ma mancavano pezzi da 90 come Cairoli ed Herlings. Il secondo round questa domenica a Ottobiano
  • News
    29 Gennaio 2020
    Ernst Pozzali, Vanni Oddera si sono trovati con i Di.Di., i diversamente disabili che corrono in pista, e ne è nata l’idea di far provare loro anche il cross. Lo scorso 24 gennaio l’hanno messa in pratica sul crossodromo “Andrea Timossi” di Sanda. Ecco come è andata