NOVITA' MOTOCICLISMO

Boom di ordini per il nuovo Italjet Dragster

Arriverà solo a maggio ma ha già fatto il pieno di prenotazioni il nuovo modello di Casa Italjet presentato allo scorso EICMA di Milano: la First Edition di 499 unità numerate e certificate è andata esaurita, con prenotazioni da oltre 20 Paesi, in gran parte dal Giappone.

Boom di ordini per il nuovo Italjet Dragster
Tutti pazzi per il Dragster
È già un must have del 2020 il nuovo Drgaster di Italjet, anche se arriverà solo a maggio dai concessionari. Tutte le 499 unità della prima serie, denominata First Edition, sono andate a ruba, con richieste da tutto il mondo, in particolar modo dal Giappone. A ciò ha di sicuro contribuito l'indicazione da parte di una rivista finanziaria celebre come l'americana Forbes International che ha inserito il Dragster tra i cinque scooter da guidare nel corso del 2020 (per inciso gli altri quattro sono tre Piaggio e un Honda). Insomma, lo storico marchio italiano continua a mietere successi grazie allo stile innovativo e fantasioso. “Le richieste che ci arrivano dall’Estremo Oriente sono in crescita esponenziale”, conferma Sandro Caparelli, sales & marketing manager di Italjet Spa, “il Giappone è attualmente uno dei mercati con maggior potenziale per il nostro business. Considerato l’interesse suscitato dal nostro nuovo modello, il nostro importatore ha decuplicato gli ordini rispetto alle previsioni iniziali. Per Dragster, l’export giocherà un ruolo fondamentale. Il 90% della produzione sarà infatti destinata ai mercati stranieri, con Giappone, Germania, Regno Unito, Taiwan, Corea, Indonesia e Filippine ai primi posti. Nei prossimi mesi, porteremo il Dragster nelle più importanti fiere di settore, come il “Tokyo Motorcycle Show” a Tokyo a fine marzo, l’IIMS Indonesia International Motorshow” a Jakarta e “Vive la Moto” a Madrid ad aprile”. Anche Massimo Tartarini, presidente e ceo di Italjet Spa, ha espresso soddisfazione: “Pensare che un Paese come il Giappone, patria delle due ruote, impazzisca per il nostro Dragster ci rende davvero orgogliosi e il riconoscimento a livello mondiale ottenuto tramite l’autorevole rivista Forbes conferma che siamo stati capaci di offrire un mezzo con caratteristiche tecniche e di design uniche. Ma il Giappone è solo la punta dell’iceberg: il Dragster è atteso in ogni parte del mondo. Infatti la serie First Edition di 499 unità numerate e certificate proposta in anteprima ai fan del Dragster è ormai sold out, con prenotazioni da oltre 20 nazioni diverse. Ormai l’attesa sta per finire: la produzione di Dragster inizierà a maggio”.

 



NOTIZIE CORRELATE
  • News
    28 Novembre 2020
    Dopo la conquista del titolo mondiale MotoGP 2020 da parte di Joan Mir su GSX-RR, il team manager Davide Brivio ci racconta in esclusiva come è iniziata l'esperienza Suzuki, perché ha voluto nel team il nuovo campione del mondo, cosa si aspetta dagli avversari (Marquez in testa) per il prossimo anno. E di Valentino Rossi per la prima volta in un team privato, Brivio dice che...
  • News
    27 Novembre 2020
    MotoGP news – Terminata la stagione 2020 è tempo di statistiche, tra le più curiose c'è quella sulle cadute. Chi è stato il pilota che è finito a terra più volte quest’anno? Qual è la pista che ha visto più piloti nella ghiaia? E quale invece si è rivelata la meno pericolosa? Ecco le risposte a tutte queste domande e a molte altre
  • News
    27 Novembre 2020
    MotoGP news – Andrea Dovizioso ha disputato la sua ultima gara di MotoGP a Portimao e, pur non avendo un contratto per la prossima stagione, il suo obiettivo è quello di tornare nella classe regina. Il forlivese l’ha ribadito chiaramente: "Vorrei tornare a correre e su questo ci lavorerò”