NOVITA' MOTOCICLISMO

Bonus revisione, conviene affrettarsi: come funziona e come richiederlo

Il bonus revisione da 9,95 euro consente a chi lo richiede di “coprire” l’aumento delle tariffe dovuto all’adeguamento Istat. I fondi sono scarsi e conviene affrettarsi. Da marzo sarà possibile richiederlo anche per le revisioni effettuate a partire dal 1 gennaio. Ecco come procedere

Bonus revisione, conviene affrettarsi: come funziona e come richiederlo
Contestualmente all’aumento del prezzo delle revisioni scattato lo scorso novembre, è arrivato anche il “bonus” da 9,95 euro erogato dal ministero che, di fatto, va a coprire l’aumento della tariffa dovuto all’adeguamento Istat. I fondi sono quelli che sono (4 milioni di euro per il periodo 2021 - 2023 fanno un po’ ridere) e, pertanto, in molti rimarranno a bocca asciutta. Oltretutto, va ricordato, il bonus è utilizzabile per un solo veicolo a motore a persona e per una sola volta nel triennio in questione. Conviene affrettarsi...
Ad oggi sono stati oltre 40mila i cittadini che hanno compilato il modulo di richiesta per ottenere il bonus per le revisioni effettuate entro e non oltre il 31 dicembre 2021, ma a partire dal 1 di marzo - lo comunica lo stesso ministero - sarà possibile richiedere lo stesso sconto (a meno che non lo si abbia già chiesto nel 2021) per le revisioni auto e moto effettuate dal 1 gennaio 2022. Ecco la procedura da seguire.

Come richiedere il bonus revisione
La richiesta deve essere fatta dal proprietario del veicolo (per i cointestati a richiedere il bonus dovrà essere il primo intestatario sulla carta di circolazione) attraverso la piattaforma predisposta dal Governo. Per accedere bisognerà essere in possesso dello SPID, che consentirà di compilare l’apposito modulo. La procedura della richiesta è guidata e piuttosto semplice da seguire: si inseriscono i dati richiesti, come il nome e la targa e si dà l’ok. Nessuna richiesta di l’inserimento di ricevute o altri documenti che attestino l’avvenuta revisione. Una volta completata l’operazione, sarà possibile tenere monitorato l’avanzamento della richiesta sulla stessa piattaforma inserendo soltanto i dati della targa associata al bonus. 

 



NOTIZIE CORRELATE
  • Politica e trasporti
    10 Agosto 2022
    L’obbligo di revisione biennale per tutti i veicoli a due e tre ruote porta ad un miglioramento in termini di sicurezza sulle strade e minore inquinamento? Non secondo il Ministero dei Trasporti francesi che, accolte le proteste dei motociclisti, ha abrogato la direttiva EU che lo imponeva…
  • Politica e trasporti
    08 Agosto 2022
    L’obbligo di revisione biennale per tutti i veicoli a due e tre ruote porta ad un miglioramento in termini di sicurezza sulle strade e minore inquinamento? Non secondo il Ministero dei Trasporti francesi che, accolte le proteste dei motociclisti, ha abrogato la direttiva EU che lo imponeva…
  • News
    19 Novembre 2021
    Fino ad oggi appannaggio dei soli centri provinciali della Motorizzazione Civile, la revisione di un veicolo di interesse storico e collezionistico immatricolato entro il 1° gennaio 1960 sarà possibile anche presso una normale officina. Una svolta che taglia la burocrazia e rende le cose molto più semplici…
Filtra tutti i contenuti per marca
Eicma 2022
Moto rubate
Annunci inSella
Moto Fuoriserie
IN EDICOLA
Sul numero di alVolante in edicola
Spazio, stile e bella guida
Green Planet