Salta al contenuto principale

Bimota Tera, astronave per viaggi avventurosi

Il concept era stato mostrato nel 2022 ed ora è arrivata la versione definitiva. Un passo importante per la Casa riminese che ha declinato le linee sportive della Tesi in chiave adventouring

“Banalità” è una parola che nel vocabolario Bimota non esiste e anche la versione definitiva della Tera è qualcosa di estremamente particolare. Il concept era stato mostrato nel 2022 ed ora è arrivata la versione definitiva. Un passo importante per la Casa riminese che ha declinato le linee sportive di moto come la Tesi in chiave adventure-touring.

Il risultato è di notevole impatto in entrambe le colorazioni previste, sia quella rossa che monta pneumatici da turismo ed è rivolta all’uso stradale, sia quella kaki che invece ha un’anima più avventurosa ed è dotata di pneumatici con scolpiture più profonde e borse laterali integrate. In entrambi i casi davanti c’è una copertura 120/70 ZR 17 M/C (58W), dietro una 190/55 ZR17 M/C (75W).

 

Motore da quasi 200 CV

Certamente è una moto da grandi emozioni: il cuore è il motore Kawasaki quattro cilindri in linea di 999 cm³ con compressore, dotato di raffreddamento a liquido e iniezione. 197 CV di potenza e 137 Nm di coppia sono numeri impressionanti per un uso stradale, figuriamoci sullo sterrato. Ma tutto è adeguato, a partire dalla originale sospensione anteriore “a forcellone” derivata da quella della Tesi. Sono controllate da ammortizzatori a gas Öhlins TTX 36 con serbatoio esterno regolabili in tutte le funzioni sia quella anteriore, sia quella posteriore, che offrono escursioni rispettivamente di 114 e 135 mm; in alternativa c’è l’opzione del sistema di sospensioni semi-attivo Marzocchi che oltre a dare una risposta ancora più precisa consente maggiori escursioni, rispettivamente 145 e 165 mm. Il telaio in piastre di alluminio ricavate dal pieno è l’evoluzione del modello Tesi H2, ma è totalmente nuovo e progettato da zero; la Tera è interamente realizzata in leghe di alluminio e fibra di carbonio.

 

Niente prezzo

Su una moto di altissimo livello era scontata la presenza di pinze freno anteriori Brembo Stylema a quattro pistoncini, con dischi semi-flottanti di 330 mm Ø, mentre al posteriore c’è un disco di 220 mm Ø con pinza a due pistoncini. Il sistema antibloccaggio è il KIBS ABS Kawasaki e naturalmente ci sono tutti gli ausili elettronici di prammatica.

La curiosità è tanta, però la Casa non ha comunicato il peso della nuova Tera, né il suo prezzo, né quando la moto sarà disponibile.

Cliccate qui per vedere tutte le novità di EICMA 2023.

Leggi altro su:

Aggiungi un commento