NOVITA' MOTOCICLISMO

Benelli "rinuncia" al nuovo stabilimento produttivo in India

L’India punta sull’elettrico, annunciando piani per l’aumento di auto elettriche e divieti alla circolazione di moto a combustione interna di piccola cilindrata. Decisioni che hanno obbligato Benelli a ridimensionare i suoi piani d’espansione nel Sub Continente

Benelli "rinuncia" al nuovo stabilimento produttivo  in India
Benelli e l'India
Partita alla conquista dell’India con 19 nuove concessionarie aperte da gennaio in 18 diverse città, Benelli - che già possiede un impianto vicino a Hyderabad per l’assemblaggio di moto destinate al mercato interno - si vede oggi costretta a ridimensionare, almeno in parte, i suoi ambiziosi piani nel Sub Continente. La Casa di Pesaro ha annunciato infatti la propria rinuncia ad aprire un nuovo impianto di produzione per le moto di piccola cilindrata: un progetto importante, sul quale Benelli contava parecchio e che avrebbe portato alla realizzazione di circa 200 mila nuovi veicoli e all’impiego di ben 400 addetti ma che, per forza di cose, viaggia in senso opposto alla direzione che il Governo indiano ha scelto di seguire. Che l’India, d’altra parte, puntasse molto sulla mobilità elettrica non è una novità: lo scorso anno, a Delhi  s’era fissato l’obbiettivo di portare la vendita di auto elettriche al 30% del totale entro il 2030 (piano che avrebbe trasversalmente coinvolto anche le due ruote, con KTM Industries AG e Bajaj Auto Ltd che avevano in proposito annunciato la creazione di una piattaforma elettrica da 48 Volt da impiagare sui mezzi dei due brand). Non solo: andando ben oltre, lo stesso governo indiano ha anche espresso il proprio orientamento favorevole a proibire - dal 2025 - la circolazione a tutte le moto con motore a combustione interna fino a 150cm3. Cioè proprio quelle che Benelli aveva intenzione di realizzare nel nuovo stabilimento. “Stavamo considerando l'opzione di costruire anche qui in India motociclette per il mercato di massa - ha spiegato Vikas Jhabakh, managing director di Benelli India - Tenuto conto dell'orientamento del governo, costruire un impianto non è più un'opzione praticabile perché questi investimenti necessitano tempi molto lunghi per venire ripagati. Molte di queste motociclette sarebbero state di cilindrata inferiore a 150cm3 e il governo ci ha fatto capire molto chiaramente che il futuro della mobilità sarà elettrico".


NOTIZIE CORRELATE
  • Green Planet
    13 Febbraio 2020
    Brutte notizie per i possessori di auto elettriche. Il nuovo listino prezzi diffuso da Ionity -  Joint venture siglata tra BMW, Daimler, Ford e Volkswagen Group - si basa su un prezzo per chilowattora (decisamente salato) anziché su un prezzo unitario per ricarica. Una strategia per avvantaggiare i costruttori partner?
  • Spy
    03 Febbraio 2020
    Equipaggiata con il mezzo litro già montato su molte delle sorelle in gamma, la TRK 502 di Benelli potrebbe arrivare il prossimo anno in una veste tutta nuova. Un’immagine proveniente dalla Cina sembrerebbe in particolare suggerirci interessanti novità a livello ciclistico…
  • Moto
    22 Gennaio 2020
    Comode e facili da guidare, queste nuove  interpretazioni della crossover per patente A2 sono diverse nella personalità, ma costano tutte poco da comprare e mantenere